Vedova da due giorni muore di dolore dopo i funerali del marito

 

Doppio lut­ti in una famiglia a Vede­la­go. Rino e San­ta Riz­za­to era­no sposati da ses­san­tasette anni. Il figlio: «Una cop­pia insep­a­ra­bile, han­no con­di­vi­so la vita»

VEDELAGO. Era­no insep­a­ra­bili nel­la vita e insieme se ne sono andati a poche ore di dis­tan­za l’uno dall’altra dopo un amore dura­to 67 anni. Rino Riz­za­to è mor­to giovedì notte, ave­va 96 anni ed era mala­to. Sua moglie San­ta Bas­so, 94 anni, che sem­pre gli è sta­ta al fian­co, non ha ret­to al dolore. Non ce l’ha fat­ta a vivere sen­za il suo ama­tis­si­mo Rino è mor­ta ven­erdì men­tre era­no in cor­so i funer­ali del mar­i­to.

«I miei gen­i­tori, fin da pic­coli sono sem­pre rimasti insieme– rac­con­ta il figlio Ser­gio– era­no vici­ni di casa e han­no con­di­vi­so tut­to l’infanzia e poi il dram­ma del­la guer­ra. Papà ha vis­su­to anche nei campi di con­cen­tra­men­to a Berli­no, mia mam­ma l’ha sem­pre aspet­ta­to, anche quan­do è emi­gra­to per lavoro in Cana­da e nelle miniere in Bel­gio. Quan­do papà l’altro giorno è man­ca­to abbi­amo trasfer­i­to mam­ma nel suo let­to, attrez­za­to per assis­ter­lo, e lei ha gra­di­to imme­di­ata­mente. Era molto com­mossa e ave­va piacere di essere lì».

San­ta non ha potu­to parte­ci­pare al funerale del suo ama­to, in qualche modo gli è rimas­ta accan­to con il cuore, restando al capez­za­le nel­la casa in cui han­no vis­su­to insieme in via Crispi. «Quan­do siamo usci­ti per andare al rito fune­bre mam­ma non sta­va male, anzi era entu­si­as­ta e com­mossa per essere nel let­to di papà» aggiunge il figlio Ser­gio. Poco pri­ma di entrare in cimitero per la tumu­lazione una chia­ma­ta avverti­va i famil­iari che San­ta se n’era anda­ta. Quindi­ci giorni fa il mar­i­to Rino, nonos­tante il suo cal­vario dura­to tre anni, ave­va inizia­to a stare male seri­amente. Era ospedal­iz­za­to in casa e segui­to dai medici dell’ospedale di Castel­fran­co. «Un servizio per­fet­to, tut­to il per­son­ale san­i­tario medico e para­medico va elo­gia­to» con­tin­ua il figlio Ser­gio, che ringrazia tut­ti col­oro che si sono pre­si cura dei suoi gen­i­tori. «In par­ti­co­lare al nos­tro medico Rita Pri­o­ra, che si è pre­sa il caso a cuore».

San­ta avverti­va la sof­feren­za del mar­i­to, nonos­tante non par­lasse più, era sem­pre sta­ta la sua ombra, non ha ret­to all’idea di essere rimas­ta da sola. Stasera alle 19 la recita del rosario in chiesa a Vede­la­go, domani i funer­ali alle 14.30. Rino a San­ta las­ciano i figli Ser­gio e Gian­na, nipoti e pronipoti. —

https://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2020/02/09/news/vedova-da-due-giorni-muore-di-dolore-per-i-funerali-del-marito‑1.38443801
Battaglia71
Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.