40mila trovano lavoro con il Reddito di cittadinanza

Il Red­di­to di cit­tad­i­nan­za inizia a dare i suoi pri­mi frut­ti. Sec­on­do gli ulti­mi dati Anpal qua­si 40mila ben­e­fi­cia­ri han­no rice­vu­to un con­trat­to di lavoro attra­ver­so i Cen­tri per l’impiego.

A fronte di 908.198 ben­e­fi­cia­ri del Red­di­to di cit­tad­i­nan­za che potreb­bero stip­u­lare un Pat­to per il lavoro, i cen­tri per l’impiego ne han­no con­vo­cati fino ad oggi 529.290, di cui 39.760 per­sone han­no potu­to sot­to­scri­vere un con­trat­to di lavoro.

Rispet­to al 10 dicem­bre 2019, il dato seg­na un bal­zo in avan­ti del +38,2% con cir­ca 11mila con­trat­ti di lavoro in più in poco più di due mesi.

Il contributo dei Navigator ai Centri per l’impiego

Il Red­di­to di cit­tad­i­nan­za come pri­ma misura ave­va pre­vis­to l’assunzione di alcune migli­a­ia di Nav­i­ga­tor, poi imp­ie­gati in qua­si tutte le regioni a sup­por­to dei Cen­tri per l’impiego locali.

I Nav­i­ga­tor, sec­on­do i dati dif­fusi dall’Anpal, han­no sup­por­t­a­to gli oper­a­tori dei Cen­tri per l’impiego nel­la con­vo­cazione di 372.855 ben­e­fi­cia­ri del Red­di­to di cit­tad­i­nan­za.

Gran parte di ques­ta attiv­ità si è svol­ta pro­prio nel mese di dicem­bre 2019, quan­do oltre 125mila ben­e­fi­cia­ri sono sta­ti accolti nelle strut­ture per l’impiego.

La fase due del Reddito di cittadinanza

Sec­on­do il pres­i­dente dell’Anpal Mim­mo Parisi, i dati con­fer­mano che la fase 2 del Red­di­to di cit­tad­i­nan­za “è più che par­ti­ta” e che quin­di la misura si avvia a rag­giun­gere a regime gli obi­et­tivi pre­visti di accom­pa­gnare i ben­e­fi­cia­ri al lavoro.

Ora res­ta da miglio­rare il sis­tema dig­i­tale per ottimiz­zare lo scam­bio dei dati con i sis­te­mi region­ali, un miglio­ra­men­to che servirà a facil­itare il “con­tat­to con­tin­uo con il mer­ca­to del lavoro” ha det­to il pres­i­dente dell’Anpal.

Il pres­i­dente Anpal ha anche par­la­to dei pre­cari stori­ci del suo ente, i quali ver­ran­no presto sta­bi­liz­za­ti per val­oriz­zare anco­ra di più l’impegno dell’ente nel suo lavoro a favore delle politiche attive del lavoro.

SPUTINIK .IT

 

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.