Maggino: ‘Si parte con la rigenerazione di 20 territori’

I primi interventi della Cabina di RegiaMaggino: 'Si parte con la rigenerazione di 20 territori'

Si parte con “azioni mirate” nell’“area strate­gi­ca” del­la rigen­er­azione equa e sosteni­bile dei ter­ri­tori. Obi­et­ti­vo: una venti­na di aree, par­tendo dai “ter­ri­tori fer­i­ti”, con inter­ven­ti di ricon­ver­sione edilizia di edi­fi­ci pub­bli­ci agen­do anche sul tes­su­to sociale. Da qui prende il via l’operato del­la Cab­i­na di Regia Benessere Italia, pre­siedu­ta da Filom­e­na Mag­gi­no, organo di sup­por­to tec­ni­co-sci­en­tifi­co al pres­i­dente del Con­siglio nell’ambito delle politiche del benessere e del­la val­u­tazione del­la qual­ità del­la vita dei cit­ta­di­ni.

Il 20 gen­naio scor­so, al Cnel, il pre­mier Giuseppe Con­te ha annun­ci­a­to le Linee pro­gram­matiche del­la Cab­i­na. “Il pres­i­dente — dice Mag­gi­no all’Adnkronos — ha annun­ci­a­to le prime aree strate­giche indi­vid­u­ate. Su una siamo ad uno sta­dio piut­tosto avan­za­to e il pre­mier ha appro­fon­di­to insieme a noi gli obi­et­tivi e ci ha dato l’ok: è quel­la del­la rigen­er­azione equa e sosteni­bile dei ter­ri­tori”.

Pun­ti­amo ad una rigen­er­azione di par­ti di un ter­ri­to­rio urbano, ma non solo, attra­ver­so la ricon­ver­sione di edi­fi­ci già pre­sen­ti, e già questo fa capire che andi­amo con­tro l’idea di con­sumare ulte­ri­ore suo­lo — sot­to­lin­ea — Attra­ver­so la rigen­er­azione edilizia di queste par­ti di cit­tà, l’obiettivo è anche quel­lo di rigener­are dal pun­to di vista sociale ed eco­nom­i­co. Quin­di: ricostru­ire un edi­fi­cio, rival­oriz­zar­lo in ter­mi­ni di disses­to idro­ge­o­logi­co, atten­zione alla sis­mic­ità del ter­ri­to­rio e in ter­mi­ni ener­geti­ci e atten­zione anche alle per­sone che ci abit­er­an­no”.

Per esem­pio: “Con­sen­tire agli anziani con qualche dis­abil­ità di con­tin­uare a gestire la pro­pria vita in modo autonomo attra­ver­so delle tec­nolo­gie, anche sem­pli­ci, che aumen­tano la qual­ità del­la vita delle per­sone. Si potrebbe anche pen­sare ad altri grup­pi sociali come le famiglie con bam­bi­ni. Quin­di dotare questi edi­fi­ci di servizi che con­sen­tano una migliore vita”. Come si vede “l’intervento è trasver­sale, su più temi, e sis­temi­co”.

Sti­amo già ragio­nan­do con i sogget­ti attua­tori nell’identificare i luoghi che saran­no una venti­na su ter­ri­to­rio nazionale — con­tin­ua — Vor­rem­mo par­tire, aumen­tan­do questo numero, da ter­ri­tori fer­i­ti, bisog­nosi di inter­ven­ti di questo genere. L’idea è di adattare questi inter­ven­ti ai luoghi, stu­dian­doli e dotan­doli degli accorg­i­men­ti adeguati all’area fisi­ca e alle per­sone che ci vivono. Con l’idea che questo abbia anche un effet­to domi­no che con­sen­ta una riva­l­u­tazione dell’area”.

Dal pun­to di vista nor­ma­ti­vo “avre­mo bisog­no di qualche inter­ven­to, ma questo dipen­derà molto dai luoghi, più che altro inter­ven­ti che han­no a che fare con la fis­cal­ità, che incor­ag­gi­no queste oper­azioni”. Quan­to alle risorse eco­nomiche disponi­bili, Mag­gi­no pre­cisa che si inter­ver­rà su “edi­fi­ci pub­bli­ci” e che “i sogget­ti attua­tori si sono mes­si a dis­po­sizione. Fac­cio un nome: Cas­sa Deposi­ti e Presti­ti, quin­di abbi­amo dei con­tribu­ti. E sti­amo con­tat­tan­do il Fon­do per la Coe­sione Sociale”.

Quali i tem­pi di attuazione? “Il pres­i­dente vuole un check in deter­mi­nati tem­pi. Tra sei mesi almeno su ques­ta pri­ma area strate­gi­ca vor­rem­mo pre­sentare un po’ di risul­tati anche solo in ter­mi­ni del fare­mo questo, quel giorno e in questo modo”.

https://www.adnkronos.com/sostenibilita/in-pubblico/2020/01/31

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.