Nato: “pronti a rispondere” se la Russia attacca la Polonia

Attra­ver­so la pre­sen­za del­la Nato in Polo­nia e nei pae­si balti­ci viene manda­to a Mosca un seg­nale molto forte: in caso di attac­co, rispon­derà l’intera Allean­za. Lo ha dichiara­to oggi in un’intervista al quo­tid­i­ano “Rzecz­pospoli­ta” il seg­re­tario gen­erale del­la Nato, Jens Stoltenberg.

La Nato non ha nes­suna lista di nemi­ci, per­ché non vedi­amo nes­suna immi­nente minac­cia per qual­sivoglia dei nos­tri alleati. Vedi­amo però un cli­ma di sicurez­za sem­pre più incer­to e impreved­i­bile. Vedi­amo un nuo­vo tipo di ter­ror­is­mo, quel­lo del­lo Sta­to islam­i­co, un’organizzazione più forte e bru­tale di quelle del pas­sato. Vedi­amo una Rus­sia più asserti­va, che investe nell’ammodernamento del suo eserci­to e delle armi nucleari, infrangen­do i trat­tati inter­nazion­ali. Vedi­amo minac­ce ciber­netiche e il muta­men­to dell’ordine mon­di­ale, con una cresci­ta del peso del­la Cina. Dob­bi­amo essere preparati all’ignoto“, ha dichiara­to Stoltenberg.

Inter­roga­to se Mosca sia da con­sid­er­ar­si un nemi­co del­la Nato, il seg­re­tario gen­erale risponde che “non defini­amo la Rus­sia in quel modo”. “Sem­plice­mente rispon­di­amo quan­do ce n’è il bisog­no. Quel­lo che abbi­amo vis­to in Ucraina, ovvero un’invasione arma­ta del­la Rus­sia con­tro un vici­no, non può ripeter­si con­tro un mem­bro del­la Nato”, ha pros­e­gui­to.  Agen­zia Nova

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.