Arnault compra il Milan? Ecco perché l’operazione si può fare

Arnault compra il Milan? Ecco perché l'operazione si può fare

Il nome di Bernard Arnault con ogni prob­a­bil­ità è ben noto a tutte le tifose del Milan, vis­to che il suo grup­po LVMH possiede marchi come Louis Vuit­ton, Bul­gari, Sepho­ra e Fen­di, oltre allo cham­pagne Moët & Chan­don e il cognac Hen­nessy.

Anche i maschi­et­ti che han­no a cuore le sor­ti dei rossoneri pos­sono comunque stare ugual­mente tran­quil­li: l’imprenditore francese è la per­sona più ric­ca d’Europa sec­on­do Forbes e la terza mon­do, dietro soltan­to a Jeff Bezos e Bill Gates.

Leg­gi anche Chi è Bernard Arnault, il mil­iar­dario francese

Di recente molto si era par­la­to di un pos­si­bile inter­es­sa­men­to da parte di Arnaul all’acquis­to del Milan, vis­to che non è un mis­tero che il fon­do Elliot quan­do ha pre­so in mano le redi­ni dei menegh­i­ni ave­va già in mente di vendere la soci­età poi al migliore offer­ente dopo aver risoll­e­va­to l’immagine del club.

Nonos­tante il Milan durante la ges­tione degli amer­i­cani abbia fino­ra delu­so, l’interessamento del­la famiglia Arnault al suo acquis­to sem­br­erebbe essere con­cre­to, anche se la cifra che cir­co­la di qua­si 1 mil­iar­do per con­vin­cere Elliot a cedere appare essere fuori mer­ca­to.

Ci sono diver­si fat­tori però che potreb­bero spin­gere Bernard Arnault a portare a ter­mine questo affare, che con­sen­tirebbe così al suo grup­po di entrare nel ric­co e popo­lare mon­do del cal­cio acquisendo uno dei club più tito­lati e famosi di sem­pre.

Arnault e il Milan

Quan­do nelle scorse set­ti­mane era inizia­ta a cir­co­lare la voce di un inter­es­sa­men­to da parte di Bernard Arnault all’acquisto del Milan, era sta­to il figlio Antoine con un post social del 16 novem­bre a smorzare ogni entu­si­as­mo.

Del resto se la cifra in bal­lo è vera­mente di 975 mil­ioni per ril­e­vare l’intero pac­chet­to azionario al momen­to in mano al fon­do Elliott, appare logi­co che il figlio del mil­iar­dario francese abbia in qualche modo allon­tana­to ques­ta pos­si­bil­ità.

Non per­ché la som­ma non sia nelle disponi­bil­ità del­la famiglia, Bernard Arnault viene accred­i­ta­to con un pat­ri­mo­nio per­son­ale di 103 mil­iar­di di dol­lari e LVMH ha appe­na ril­e­va­to il mar­chio Tiffany per 16,2 mil­iar­di di dol­lari, ma la sti­ma che cir­co­la è sen­za dub­bio esager­a­ta.

Quan­do Sil­vio Berlus­coni mise in ven­di­ta il Milan, inizial­mente chiede­va per il suo club 1 mil­iar­do di euro. Alla fine nel 2016 ha invece incas­sato 520 mil­ioni con i cine­si di Yong­hong Li che si fecero cari­co anche dei 220 mil­ioni di deb­iti.

Due anni dopo nell’estate 2018, a segui­to del­la man­ca­ta resti­tuzione di 32 mil­ioni dell’aumento di cap­i­tale che il fon­do Elliot ave­va antic­i­pa­to a Yong­hong Li, gli amer­i­cani di Paul Singer sono diven­tati i nuovi pro­pri­etari del Milan in prat­i­ca sbor­san­do “solo” i 354 mil­ioni presta­ti in prece­den­za al cinese per portare a ter­mine l’operazione di acquis­to dei rossoneri.

Il fon­do Elliot è ris­a­puto che abbia come obi­et­ti­vo sem­pre quel­lo di trarre il mas­si­mo guadag­no da ogni oper­azione che por­ta a ter­mine. L’idea è di con­seguen­za quel­la di risoll­e­vare l’immagine del club e poi vendere real­iz­zan­do un buon mar­gine di prof­it­to.

Fino­ra le cose non stan­no andan­do bene agli amer­i­cani: il loro pri­mo anno di ges­tione si è chiu­so con un rosso record di 146 mil­ioni, con la squadra che anche sul cam­po sta delu­den­do tan­to che la qual­i­fi­cazione alla Cham­pi­ons League al momen­to appare un mirag­gio.

Perché l’affare si può fare

Pen­sare in ques­ta situ­azione di vendere il Milan a 1 mil­iar­do appare abbas­tan­za irreale, ma più fonti con­fer­mano che una trat­ta­ti­va tra il fon­do Elliot e la famiglia Arnault sia in cor­so con i france­si che stareb­bero stu­dian­do le carte.

La Repub­bli­ca par­la già di Pep Guardi­o­la sul­la panchi­na rosson­era e Lionel Mes­si, fres­co vinci­tore del Pal­lone d’Oro 2019, grande acquis­to per riportare i menegh­i­ni ai fasti di un tem­po.

Fan­ta­cal­cio con ogni prob­a­bil­ità, neanche la Juven­tus riuscì ques­ta estate a con­vin­cere Guardi­o­la a las­cia­re il City, ma ci sono buoni motivi che potreb­bero spin­gere Bernard Arnault a pren­dere il Milan.

Per pri­ma cosa per un grup­po oper­ante nel set­tore del lus­so come LVMH la cit­tà di Milano sarebbe il pal­cosceni­co ide­ale per entrare nel mon­do del cal­cio, un set­tore dove gira­no tan­ti sol­di e che garan­tisce grande vis­i­bil­ità.

Il Milan poi non bisogna dimen­ti­care è uno dei club più famosi e vin­cen­ti al mon­do: anche se il suo brand negli ulti­mi anni si è parec­chio offus­ca­to, l’appeal dei rossoneri è sem­pre alto.

C’è infine la ques­tione sta­dio, con la famiglia Arnault che ril­e­van­do la soci­età potrebbe così entrare anche nel busi­ness del nuo­vo impianto che ver­rà real­iz­za­to in tan­dem con i cug­i­ni dell’Inter.

La trat­ta­ti­va tra il colos­so francese e il fon­do Elliott sarebbe in cor­so ma anco­ra alle prime fasi. I tifosi del Milan pos­sono iniziare a sper­are nell’arrivo del mil­iar­dario Arnault, anche se cer­ti nomi e cifre al momen­to appaiono irre­ali.

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.