Ferragosto di fuoco: rissa in spiaggia tra italiani e immigrati a San Ferdinando

Immigrati in Italia

Durante la notte di Fer­ragos­to nel comune di San Fer­di­nan­do è scop­pi­a­ta una lite in spi­ag­gia tra i res­i­den­ti e degli extra­co­mu­ni­tari.

La fes­ta del­la notte di Fer­ragos­to che vede i res­i­den­ti e non accam­par­si in spi­ag­gia attorno ai falò si è trasfor­ma­ta in un momen­to di grave ten­sione. Infat­ti sec­on­do quan­to dichiara­to dal comune del paese di poco più di 5000 ani­me, “un grup­po di extra­co­mu­ni­tari, in evi­dente sta­to di alter­azione” ha inizia­to a molestare i pre­sen­ti con atti di vio­len­za, aggres­sione e van­dal­is­mo.

La reazione dei pas­san­ti non si è fat­ta atten­dere, ma la ris­sa ha provo­ca­to un’isteria con un fug­gi-fug­gi gen­erale che è sta­to inter­rot­to solo gra­zie ai tutori delle forze dell’ordine.

L’amministrazione comu­nale è con­sapev­ole del­la grav­ità di questi inci­den­ti, che per for­tu­na sono sta­ti con­tenu­ti, ed esprime pre­oc­cu­pazione per le reazioni umorali che essi pos­sono provo­care”, si legge nel post in rifer­i­men­to al fat­to che le aggres­sioni siano arrivate da parte di gio­vani extra­co­mu­ni­tari affer­man­do che “questo tes­ti­mo­nia, anco­ra una vol­ta, la com­p­lessità del fenom­e­no migra­to­rio e la neces­sità di gov­ernarlo con equi­lib­rio e fer­mez­za evi­tan­do, però, con­trap­po­sizioni vio­lente che intro­dur­reb­bero soltan­to ulte­ri­ori lac­er­azioni nelle nos­tre comu­nità”.

Sem­pre dal post si evince che il pic­co­lo paesino è sogget­to a una nutri­ta “pre­sen­za migra­to­ria, da 2.700 a 370 unità nell’ultimo anno” e il mes­sag­gio con­tin­ua affer­man­do che il “sin­da­co incon­tr­erà al più presto il Prefet­to per oper­are una rif­les­sione con­giun­ta su quan­to è avvenu­to e (…) per il supera­men­to del­la ten­dopoli e per incre­mentare il liv­el­lo di sicurez­za e di pro­tezione sociale”.

L’amministrazione comu­nale con­clude esor­tan­do a “super­are con fidu­cia questo momen­to di com­pren­si­bile angos­cia operan­do pon­der­ate rif­les­sioni che con­sen­tano alla comu­nità di trasfor­mare queste cir­costanze in occa­sioni di nuo­va con­sapev­olez­za e di cresci­ta civile”.

La tendopoli di San Ferdinando

La ten­dopoli del pic­co­lo paese cal­abrese, nota per i fre­quen­ti episo­di d’illegalità, ospi­ta prin­ci­pal­mente brac­cianti irre­go­lari durante la sta­gione esti­va.

Pri­ma del­la ten­dopoli dall’altra parte del­la stra­da c’era una barac­copoliche ospi­ta­va fino 1600 immi­grati irre­go­lari e che era sta­ta sgomber­a­ta con ruspe e repar­ti anti­som­mossa lo scor­so mar­zo con l’approvazione di Mat­teo Salvi­ni.

Suc­ces­si­va­mente è sta­ta sos­ti­tui­ta da una ten­dopoli rego­lar­iz­za­ta mes­sa a dis­po­sizione dal­la prefet­tura con un’entrata pre­sidi­a­ta dalle forze dell’ordine.  https://it.sputniknews.com/italia/201908157987311-

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.