Cremona, provocò incendio in discoteca con ordigno artigianale: candidato Lega si ritira dalla campagna elettorale

Cremona, provocò incendio in discoteca con ordigno artigianale: candidato Lega si ritira dalla campagna elettorale
Nel 2016 Cesare Di Gio­van­na e un ami­co ave­vano innesca­to in un locale un ordig­no incen­di­ario con un timer col­le­ga­to ad una mis­cela di sostanze chimiche. Azione per la quale han­no già con­corda­to un pat­teggia­men­to. E il Car­roc­cio prende le dis­tanze dal suo can­dida­to

Era la notte del 22 dicem­bre 2016 quan­do, con un ami­co, mise in atto un’azione di sab­o­tag­gio ai dan­ni di una dis­cote­ca di Cre­mona. Azione per la quale sono entram­bi accusati di con­cor­so in dan­neg­gia­men­to segui­to da incen­dio e per la quale han­no già con­corda­to un pat­teggia­men­to. Ma fino a oggi Cesare Di Gio­van­na, cre­monese, 24 anni a luglio, appari­va tra le fila del­la lista “Lega per Salvi­ni” e si era can­dida­to al con­siglio comu­nale di Cre­mona. Era il 32esimo can­dida­to nel­la lista di cen­trode­stra alle ammin­is­tra­tive del 26 mag­gio. Una ques­tione diven­ta­ta nelle ultime ore di dominio pub­bli­co, tan­to da spin­gere la Lega a redi­gere una nota in cui ha pre­so le dis­tanze dal suo ex can­dida­to.

In fase di can­di­datu­ra si pre­sume la buona fede del can­dida­to e la sua mas­si­ma trasparen­za”. Can­dida­to che nelle ultime si è riti­ra­to dal­la cor­sa elet­torale. Obi­et­ti­vo dell’azione di Di Gio­van­na, quel­la notte, sarebbe sta­to quel­lo di sab­otare la ser­a­ta alla “Cen­trale del Lat­te”: la sua attiv­ità era infat­ti quel­la di orga­niz­za­tore di ser­ate pres­so altri locali not­turni con­cor­ren­ti. Di Gio­van­na e Igor Radoslaw Augustyn­s­ki, 20 anni, polac­co, ave­vano innesca­to un ordig­no incen­di­ario con un timer col­le­ga­to ad una mis­cela di sostanze chimiche. Il tut­to ave­va prodot­to l’incendio del con­ta­tore elet­tri­co. Si era accor­to del dan­neg­gia­men­to il tito­lare del locale, Luciano Zanchi, il quale ave­va ver­i­fi­ca­to lo sta­to del­la cab­i­na elet­tri­ca di fian­co all’ingresso prin­ci­pale del locale, trovan­do all’interno del­la stes­sa il mate­ri­ale dina­mi­tar­do parzial­mente anner­i­to e due sac­chet­ti di plas­ti­ca con­te­nen­ti la mis­cela esplo­si­va.

L’intervento dei cara­binieri e le indagi­ni suc­ces­si­va­mente con­dotte ave­vano per­me­s­so di iden­ti­fi­care i due ragazzi, entram­bi pierre in vari locali cit­ta­di­ni. Nelle loro abitazioni gli inves­ti­ga­tori ave­vano trova­to mate­ri­ale infor­mati­co ed elet­tri­co uti­liz­z­abile per con­fezionare ordig­ni, insieme a sostanze uti­liz­zate per la pro­duzione del mate­ri­ale infi­amma­bile. I due impu­tati sono accusati di con­cor­so in dan­neg­gia­men­to segui­to da incen­dio. Entram­bi han­no già con­corda­to un pat­teggia­men­to con il pm a sei mesi (pena sospe­sa) e lo for­mal­izzer­an­no davan­ti al giu­dice all’udien­za del prossi­mo 5 giug­no.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/05/16/cremona-provoco-incendio-in-discoteca-candidato-lega-si-ritira-dalla-campagna-elettorale/5185160/?fbclid=IwAR3QqaBnPclovqwh1-5xhJKL2MHX42s-BiF1irv4wIqoNQy14GGT1v4fmdw

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.