Le Duc Anh

Le Duc Anh L’ex pres­i­dente del Viet­nam, Le Duc Anh, è scom­par­so oggi ad Hanoi a 99 anni, ha infor­ma­to la Com­mis­sione di Pro­tezione ed Atten­zione del­la Salute dei Fun­zionari del Comi­ta­to Cen­trale del Par­ti­to Comu­nista. Nel momen­to dell’offensiva gen­erale e dell’insurrezione nel­la pri­mav­era del 1968, Anh è sta­to il capo di Sta­to mag­giore del Coman­do dell’Esercito di Lib­er­azione del Viet­nam del Sud. Vet­er­a­no di quat­tro guerre e com­pag­no di lot­ta del leader stori­co Ho Chi Minh, Anh è sta­to il mas­si­mo capo delle forze viet­na­mi­ti spie­gate in Cam­bo­gia dopo la scon­fit­ta del regime geno­ci­da di Pol Pot nel 1979. Le Duc Anh era nato nel 1920 nel dis­tret­to da Phu Loc, provin­cia di Thua Thien-Hue, e dal feb­braio scor­so, per via di un’emorragia cere­brale, rimane­va in sta­to criti­co.

http://www.totomorti.com/tmnews-le-duc-anh.htm

Placidi71

Share / Con­di­vi­di:

È scomparso l’ex presidente vietnamita, Le Duc Anh, veterano di quattro guerre

Il generale Le Duc Anh, uno dei comandanti della campagna di Ho Chi Minh. Foto: Thanhnien.vn

Il gen­erale Le Duc Anh, uno dei coman­dan­ti del­la cam­pagna di Ho Chi Minh. Foto: Thanhnien.vn

L’ex pres­i­dente del Viet­nam, Le Duc Anh, è scom­par­so oggi ad Hanoi a 99 anni, ha infor­ma­to la Com­mis­sione di Pro­tezione ed Atten­zione del­la Salute dei Fun­zionari del Comi­ta­to Cen­trale del Par­ti­to Comu­nista.  

L’ex man­datario è scom­par­so in casa sua, dovu­to alla malat­tia ed all’età avan­za­ta.

Nel momen­to dell’offensiva gen­erale e dell’insurrezione nel­la pri­mav­era del 1968, Anh è sta­to il capo di Sta­to mag­giore del Coman­do dell’Esercito di Lib­er­azione del Viet­nam del Sud. Inoltre, è sta­to il sec­on­do al coman­do del­la Cam­pagna Ho Chi Minh, la cam­pagna mil­itare che ha mes­so la paro­la fine al con­flit­to di tre deca­di in Viet­nam, ed ha uni­fi­ca­to il paese, il 30 aprile 1975.

Vet­er­a­no di quat­tro guerre e com­pag­no di lot­ta del leader stori­co Ho Chi Minh, Anh è sta­to il mas­si­mo capo delle forze viet­na­mi­ti spie­gate in Cam­bo­gia dopo la scon­fit­ta del regime geno­ci­da di Pol Pot nel 1979. Anh è sta­to asce­so al ran­go di gen­erale nel 1984. Nel­la sua car­ri­era mil­itare, il gen­erale Le Duc Anh ha lot­ta­to durante più di 30 anni nelle guerre di resisten­za con­tro i france­si e gli statu­niten­si.

È anche famoso per com­bat­tere per 10 anni il regime dei Khmer Rossi nel­la guer­ra del­la Cam­bo­gia. È sta­to anche min­istro del­la Dife­sa dal 1987 al 1991, ed in segui­to è sta­to pres­i­dente fino al set­tem­bre del 1997, svol­gen­do un ruo­lo impor­tante nel­la nor­mal­iz­zazione delle relazioni diplo­matiche tra Viet­nam, Cina e Sta­ti Uni­ti.

Le Duc Anh era nato nel 1920 nel dis­tret­to da Phu Loc, provin­cia di Thua Thien-Hue, e dal feb­braio scor­so, per via di un’emorragia cere­brale, rimane­va in sta­to criti­co. Nei prossi­mi giorni si conoscer­an­no i det­tagli dei suoi funer­ali.

In otto­bre del 1995 ha vis­i­ta­to Cuba in qual­ità di pres­i­dente. In quell’epoca Hanoi invi­a­va a L’Avana impor­tan­ti don­azioni di riso per fare fronte all’impatto del blo­queo nor­damer­i­cano.

da Cubade­bate

traduzione di Ida Gar­beri

In dicembre del 1995, il leader cubano ha iniziato la sua seconda visita in Vietnam. Ha fatto una foto ricordo con l’allora segretario generale del PCV, Do Muoi, il presidente Le Duc Anh ed il primo ministro Vo Van Ket

In dicem­bre del 1995, il leader cubano ha inizia­to la sua sec­on­da visi­ta in Viet­nam. Ha fat­to una foto ricor­do con l’allora seg­re­tario gen­erale del PCV, Do Muoi, il pres­i­dente Le Duc Anh ed il pri­mo min­istro Vo Van Ket

Arrivo di Fidel all'aeroporto di Gia Lam. Fu ricevuto da Le Duc Anh, Pham Van Dong ed altri dirigenti. Foto: Jorge Oller

Arri­vo di Fidel all’aeroporto di Gia Lam. Fu rice­vu­to da Le Duc Anh, Pham Van Dong ed altri diri­gen­ti. Foto: Jorge Oller

 

 

http://it.cubadebate.cu/notizie/2019/04/22/e‑scomparso-lex-presidente-vietnamita-le-duc-anh-veterano-di-quattro-guerre/

Dalema71

Share / Con­di­vi­di:

Giovanni di Lussemburgo

Giovanni di Lussemburgo È mor­to a 98 anni l’ex Gran­d­u­ca di Lussem­bur­go, Gio­van­ni. Sec­on­do quan­to ripor­ta il Lux­em­bourg Times, Gio­van­ni di Lussem­bur­go era sta­to ricov­er­a­to lo scor­so 14 aprile per un’infezione pol­monare. L’ex monar­ca era sal­i­to al trono del Lussem­bur­go – l’unico Gran­d­u­ca­to al mon­do – nel 1964 in segui­to all’abdicazione del­la madre Car­lot­ta, e ave­va man­tenu­to la car­i­ca di Gran­d­u­ca fino al 2000, anno in cui abdicò a favore del figlio Enri­co.

http://www.totomorti.com/tmnews-giovanni-di-lussemburgo.htm

Katto71

Share / Con­di­vi­di:

Marco Bocci in lutto, il ricordo commovente di Laura Chiatti: «Ama la vita ogni volta che stai per morire»

Lutto per Marco Bocci, il ricordo commovente di Laura Chiatti: «Ama la vita ogni volta che stai per morire»

di Sil­via Natel­la

Lut­to nel­la famiglia di Mar­co Boc­ci e Lau­ra Chi­at­ti. È l’at­trice a pub­bli­care un post su Insta­gram in cui ricor­da la per­sona scom­parsa e i suoi inseg­na­men­ti. È accadu­to tut­to nelle ultime ore: si è spen­ta Giu­liana, la zia di Mar­co Boc­ci e la mam­ma di Gian­lu­ca, che era sal­i­to sul pal­co di “Ami­ci” insieme al cug­i­no l’an­no scor­so. I due si era­no esi­biti in un bal­lo, per una sfi­da con­tro gli altri due giu­di­ci, Ermal Meta e Giu­lia Miche­li­ni.

Lau­ra Chi­at­ti, che ha avu­to la pos­si­bil­ità di conoscer­la e di affezionar­si a lei, ha scrit­to sui social un mes­sag­gio com­movente con cui le ha det­to “addio”: «Ama la vita e amala sep­pure non ti dà ciò che potrebbe, amala anche se non è come tu la vor­resti, amala quan­do nasci e ogni vol­ta che stai per morire. Non amare mai sen­za amore, non vivere mai sen­za vita… buon viag­gio mia Giu­liana Cec­chi­ni, nes­suno ha ama­to ques­ta vita più di te». Boc­ci, intan­to, preferisce restare in silen­zio, ma nel frat­tem­po i fan si stringono a loro per comu­ni­care vic­i­nan­za e cor­doglio.


Sono tan­ti i fol­low­er che han­no com­men­tan­do dan­do loro le con­doglianze. Nel­l’ul­ti­mo anno, Lau­ra Chi­at­ti ha affronta­to la morte del­la sua non­ni­na e i prob­le­mi di salute di Mar­co. Un peri­o­do non pro­prio sem­plice, anche a causa del fur­to subito nel­la loro abitazione.  

Lau­ra Chi­at­ti e Mar­co Boc­ci sono una delle cop­pie famose più amate e segui­te. Insieme han­no due bam­bi­ni: Enea e Pablo. Il loro è sta­to un colpo di ful­mine, scat­ta­to dopo che ave­vano inter­rot­to le prece­den­ti relazioni. L’at­trice era fidan­za­ta con Francesco Arca e il pro­tag­o­nista delle fic­tion “Squadra anti­mafia” e “Solo” era lega­to alla can­tante Emma Mar­rone. Si sono conosciu­ti durante una cena con ami­ci in comune e si sono sposati dopo un anno di fidan­za­men­to nel 2014. Entram­bi di orig­ine umbra han­no deciso di trasferir­si a Marsciano e di com­prare una casa grande per tut­ta la famiglia.

https://www.leggo.it/gossip/news/lutto_marco_bocci_ricordo_laura_chiatti-4459505.html

Share / Con­di­vi­di:

L’OLIO DI LUNGA VITA

NON BANDITE L’ORO VERDE DALLE VOSTRE TAVOLE: UN CUCCHIAIO DI OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA AIUTA A PREVENIRE E COMBATTERE I TUMORI INTESTINALIMELANIA RIZZOLI: “TUTTO MERITO DELLACIDO OLEICO UNA SOSTANZA IN GRADO DI REGOLARE LA PROLIFERAZIONE CELLULARE E CHE E’ BENEFICO PER SPEGNERE LE INFIAMMAZIONI INTESTINALI RESPONSABILI DELLO SVILUPPO DEL CANCRO

Mela­nia Riz­zoli per “Libero quo­tid­i­ano”    

pane e olioPANE E OLIO

Un cuc­chi­aio al giorno di olio extravergine di oli­va aiu­ta a pre­venire e com­bat­tere i tumori intesti­nali. A dimostrar­lo è uno stu­dio sostenu­to dall’ Airc (Asso­ci­azione Ital­iana per la Ricer­ca sul Can­cro) e con­dot­to pres­so l”Università degli Stu­di Aldo Moro di Bari, pub­bli­ca­to sul­la riv­ista Gas­troen­terol­o­gy, che cer­ti­fi­ca come l’ olio di oli­va, ric­co di aci­do ole­ico, una sostan­za in gra­do di rego­lare la pro­lif­er­azione cel­lu­lare, sia benefi­co per speg­nere le infi­ammazioni intesti­nali respon­s­abili del­lo svilup­po del can­cro.

olio d olivaOLIO D OLIVA

Un enz­i­ma pre­sente nell’ epite­lio del colon infat­ti, chiam­a­to Scd1, che fun­ziona quale prin­ci­pale rego­la­tore del­la pro­duzione di aci­do ole­ico nel nos­tro cor­po, si atti­va enorme­mente con una dieta arric­chi­ta di questo prezioso com­po­nente, riducen­do al min­i­mo tutte quelle flo­gosi dell’ intesti­no indi­vid­u­ate come respon­s­abili del­la for­mazione di polipi benig­ni e malig­ni.

I ricer­ca­tori, per avval­o­rare ques­ta loro impor­tante ricer­ca, han­no inat­ti­va­to il gene che cod­i­fi­ca l’ enz­i­ma Scd1, dimostran­do che in assen­za di aci­do ole­ico nel­la dieta si assiste dap­pri­ma alla com­parsa di infi­ammazione col­i­ca, e poi allo svilup­po di tumori spon­tanei nell’ intesti­no, men­tre aggiun­gen­do l’ aci­do ole­ico, si ripristi­na la nor­male fisi­olo­gia intesti­nale con riduzione dras­ti­ca delle flo­gosi, e con­seguente pro­tezione con­tro la for­mazione tumorale.

olio lubrificanteOLIO LUBRIFICANTE

ACIDO OLEICO L’ aci­do ole­ico è il cos­tituente più abbon­dante nel­la mag­gio­ran­za degli oli veg­e­tali, soprat­tut­to in quel­lo d’ oli­va, il quale, per essere con­sid­er­a­to extra-vergine, deve avere una per­centuale di tale sostan­za lib­era non supe­ri­ore a 0,8% del peso totale, ma l’ aci­do ole­ico è anche un com­po­nente fon­da­men­tale di impor­tan­ti strut­ture bio­logiche, quali le mem­brane cel­lu­lari e delle lipo-pro­teine.

OLIO D'OLIVA ETICHETTE SEMAFOROOLIO D’OLIVA ETICHETTE SEMAFORO

I dati reg­is­trati in ques­ta ricer­ca non han­no prece­den­ti, per­ché mai era sta­to inda­ga­ta così a fon­do l’ azione anti­n­fi­amma­to­ria intesti­nale del­la mol­e­co­la ole­ica, ritenu­ta fon­da­men­tale per­ché sin­te­tiz­za­ta dal nos­tro stes­so organ­is­mo pro­prio per creare una bar­ri­era che bloc­ca l’ infi­ammazione delle cel­lule intesti­nali, e di con­seguen­za pre­viene il can­cro. Non solo.

Dai risul­tati sci­en­tifi­ci di tale stu­dio, oggi il con­sumo di olio extra-vergine di oli­va è con­siglia­to anche nei casi di pazi­en­ti che han­no una pre­dis­po­sizione famil­iare alla neo­pla­sia del colon, ed anche per col­oro che sono affet­ti da mor­bo di Crohn o da ret­to-col­ite ulcerosa, due malat­tie flo­gis­tiche dell’ intesti­no, ad alto ris­chio di degener­are in malig­nità.

pane e olioPANE E OLIO

LA RICERCA I ricer­ca­tori del poli­clin­i­co di Bari, per avval­o­rare il loro stu­dio, han­no coin­volto grup­pi di scien­ziati amer­i­cani, di Tolosa(Francia) e di Cam­bridge (Inghilter­ra), e tut­ti i lab­o­ra­tori han­no con­fer­ma­to queste con­clu­sioni, incoro­nan­do l’ olio extra-vergine d’ oli­va come il principe del­la dieta mediter­ranea e del­la salute intesti­nale, sot­to­lin­e­an­do, non a caso, che pro­prio nel tavoliere del­la Puglia, l’ inci­den­za del­la neo­pla­sia col­i­ca sia infe­ri­ore a quel­la nazionale, e che l’ aspet­ta­ti­va di vita media superi gli 84 anni di età.

olio extravergineOLIO EXTRAVERGINE

Quin­di, un cuc­chi­aio d’ olio d’ oli­va a pran­zo ed uno a cena (oltre quel­lo usato per condire gli ali­men­ti), sono suf­fi­ci­en­ti a pre­venire e difend­er­si dal can­cro del colon , ed è asso­lu­ta­mente erra­to bandir­lo dai nos­tri piat­ti per ragioni dietetiche o per dima­grire, per­ché, pur essendo un ele­men­to calori­co, è sem­pre meglio avere mez­zo chi­lo in più di peso sui fianchi, che mez­zo chi­lo di tumore in addome.

OLIOOLIOolioOLIOolio olivaOLIO OLIVAOLIO E OLIVEOLIO E OLIVEolio

Share / Con­di­vi­di:

Bce: a fine maggio via a nuovi biglietti da 100 e 200 euro

Più durevoli e difficili da falsificare, completano la serie Europa

Entr­eran­no in cir­co­lazione a fine mag­gio le due nuove ban­conote del­la serie ‘Europa’, con l’ef­figie del­la divinità del­la mitolo­gia elleni­ca, dal taglio di 100 e 200 euro e con nuove carat­ter­is­tiche stu­di­ate per miglio­rare sicurez­za e resisten­za. Lo annun­cia la Ban­ca cen­trale euro­pea, che così com­ple­ta la nuo­va serie introdot­ta grad­ual­mente negli ulti­mi anni a par­tire dal­la ban­cono­ta da cinque euro (2013).

Ban­conote a pro­va di lava­trice e stiro — IL VIDEO DELLA BCE

 

I nuovi bigli­et­ti — la cui resisten­za è illus­tra­ta da un video del­la Bce in cui ven­gono sot­to­posti a pic­chi di tem­per­a­ture, sti­rati, immer­si nel­l’ac­qua, accar­toc­ciati o persi­no lavati in lava­trice, incor­po­ra­no le carat­ter­is­tiche di sicurez­za del­l’at­tuale ban­cono­ta da 50 euro, con il ritrat­to nel­la fil­igrana e nel­l’olo­gram­ma, ma han­no anche ele­men­ti nuovi e aggior­nati che li ren­dono più dif­fi­cili da fal­si­fi­care. (ansa)

 

Share / Con­di­vi­di:

Italia-Tunisia: al via missione imprenditoriale con Di Maio

Partecipano 48 aziende, 5 associazioni e 4 banche  ROMA — In occasione del vertice intergovernativo italo-tunisino in programma oggi a Tunisi prende il via una missione imprenditoriale, organizzata da Confindustria, Agenzia Ice, Abi e gli altri partner della Cabina di regia per l’internazionalizzazione, in collaborazione con la presidenza del Consiglio dei ministri, il ministero dello Sviluppo economico ed il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. La missione imprenditoriale, nel cui quadro verrà organizzato un business forum bilaterale, è guidata dal vicepresidente del Consiglio e ministro Luigi Di Maio e rappresenta, si legge in una nota del Mise, “un’importante occasione di rafforzamento e di approfondimento delle opportunità commerciali e di partenariato industriale che la Tunisia offre alle imprese italiane”.
La Tunisia, sottolinea il Mise, è uno dei mercati più attraenti della sponda sud del Mediterraneo per una serie di fattori quali la vicinanza geografica, la rete di accordi commerciali con l’Unione europea, la nuova normativa in materia di attrazione degli investimenti esteri e le specializzazioni produttive manifatturiere locali soprattutto nei settori ad alto valore aggiunto. È il secondo partner commerciale dell’Italia, dopo la Turchia, nell’area del Mediterraneo con un export nel 2018 pari a 3.469 milioni di euro e un incremento rispetto al 2017 dell’8,7%. La missione ha come obiettivo l’approfondimento delle opportunità di business, soprattutto nei futuri progetti messi a punto dal governo tunisino nei settori industriali chiave: agricoltura, meccanica agricola e tecnologie per la trasformazione alimentare, infrastrutture e costruzioni ed energie rinnovabili. Vede la partecipazione di 48 aziende, 5 associazioni imprenditoriali e 4 banche per un totale di 114 delegati imprenditoriali e istituzionali.
Al business forum, oltre al ministro Di Maio, prendono parte fra gli altri il presidente dell’Agenzia Ice Carlo Ferro, la vicepresidente di Confindustria per l’Internazionalizzazione Licia Mattioli e il presidente del Comitato tecnico Abi per l’internazionalizzazione Guido Rosa. A chiusura dei lavori è previsto un breve indirizzo di saluto d

Share / Con­di­vi­di:

New York verso bando delle carni lavorate, a rischio hot-dog

Pacchetto ‘green’ riduce del 50% carne rossa in scuole, ospedale(ANSA) — NEW YORK, 24 APR — Contro i cambiamenti climatici New York è pronta a sacrificare anche il suo famoso hot-dog. Il sindaco Bill de Blasio ha infatti approvato un pacchetto ‘green’ da 14 miliardi di dollari per combattere i cambiamenti climatici. Il piano ha l’obiettivo di eliminare la carne lavorata e di tagliare del 50% l’acquisto di carni rosse destinate alle strutture statali della città, tra queste scuole e ospedali. La Grande Mela è la prima nel paese a prendere misure così drastiche per tagliare il consumo di questo tipo di carni. Nel 2015 l’Organizzazione mondiale per la sanità ha classificato le carni ‘processate’ tra i cancerogeni. Salsicce, hot dog, bacon (pancetta) sono tutti fatti con carni lavorate.

Il piano di de Bla­sio mira a ridurre le emis­sione di gas del 30% entro il 2030. (ANSA)

Share / Con­di­vi­di: