Cassino, bimbo di due anni morto: arrestata la madre Donatella Di Bona. «Strangolato in streda perché piangeva»

Dram­mat­i­ca svol­ta a Cassi­no sulle cause del­la morte di un bam­bi­no di due anni mor­to nel pomerig­gio di ieri. La madre sostene­va lo avessero investi­to con l’auto, ma oggi Donatel­la Di Bona (nel­la foto da Cassi­no Notizie), 29 anni, madre di Gabriel Fer­o­le­to di Ati­na, res­i­dente a Pied­i­monte San Ger­mano (Fr), è sta­ta arresta­ta dai cara­binieri coa­d­i­u­vati dal repar­to oper­a­ti­vo del coman­do provin­ciale di Frosi­none per l’omicidio del figlio al ter­mine di un inter­roga­to­rio pro­trat­tosi fino alle 4.20 del mat­ti­no.

Il bam­bi­no, nato a Sora l’11 dicem­bre 2016, era sta­to investi­to ieri pomerig­gio, alle 16.30. Una pat­tuglia del­la stazione cara­binieri di Pied­i­monte San Ger­mano era inter­venu­ta sul pos­to con per­son­ale del 118 che ave­va cer­ca­to di rian­i­mare il pic­co­lo, Gabriel, con­statan­done poco dopo il deces­so. Gli imme­diati accer­ta­men­ti effet­tuati dal per­son­ale oper­ante han­no per­me­s­so di acclarare che il deces­so del bim­bo non era ricon­ducibile ad un inves­ti­men­to ed alla suc­ces­si­va fuga dell’auto, come rifer­i­to dal­la madre, ma che era sta­ta la stes­sa don­na ad ammaz­zar­lo poco pri­ma durante una passeg­gia­ta, pre­sa da un rap­tus. La don­na avrebbe per­so il con­trol­lo in segui­to ad una banale richi­es­ta del figlio di tornare dal­la non­na. Lo ave­va sof­fo­ca­to strin­gen­dogli il col­lo e chi­u­den­dogli la boc­ca, cau­san­done la morte per asfis­sia. La salma del pic­co­lo è sta­ta con­dot­ta pres­so la cam­era mor­tu­ar­ia dell’ospedale San­ta Sco­las­ti­ca di Cassi­no, a dis­po­sizione dell’Autorità Giudiziaria, men­tre la don­na al ter­mine delle for­mal­ità di rito sarà por­ta­ta pres­so la sezione fem­minile del­la casa cir­con­dar­i­ale di Roma-Rebib­bia.

https://www.leggo.it/italia/cronache/cassino_bambino_morto_strangolato_madre_ultime_notizie_18_aprile_2019-4438100.html

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.