Bancomat: gratis sotto i 15 euro, via libera agli acquisti online

Dal 1 gennaio 2019 si potranno effettuare acquisti online e pagare i tributi. Azzerati i costi per acquisti inferiori ai 15 euro

Riv­o­luzione per il ban­co­mat: dal 1° gen­naio 2019 i tito­lari del­la car­ta ban­co­mat potran­no effet­tuare acquisti onlinepagare trib­u­ti su PagoPA (per i paga­men­ti ver­so la Pub­bli­ca Ammin­is­trazione ital­iana) e scam­biare denaro in tem­po reale. Il tut­to diret­ta­mente dal pro­prio smart­phone sen­za che sia nec­es­sario ricor­dare il numero del­la car­ta o una pass­word in particolare.Una vera e pro­pria svol­ta: fino a oggi, chi vol­e­va acquistare un prodot­to online era costret­to a pog­gia­r­si su una car­ta di cred­i­to o una comune car­ta prep­a­ga­ta.COME FUNZIONA Gra­zie al servizio Ban­co­mat pay, dal 1° gen­naio 2019 i tito­lari del­la car­ta ban­co­mat potran­no effet­tuare acquisti online, uti­liz­zan­do sem­plice­mente il numero di tele­fono come codice per con­fer­mare la pro­pria iden­tità, questo gra­zie alla tec­nolo­gia jif­fi, già uti­liz­za­ta da oltre 5 mil­ioni di cli­en­ti in Italia, sec­on­do le stime ripor­tate dall’ad di Ban­co­mat Alessan­dro Zol­lo. A par­tire dall’inizio del prossi­mo anno dunque gli acquisti online potreb­bero aumentare in maniera sen­si­bile, vis­to che fino ad oggi chi ave­va un ban­co­mat era costret­to a effet­tuare – quan­to disponi­bile nelle modal­ità di paga­men­to – un bonifi­co ban­car­io.OSTI GRATUITI SOTTO I 15 EURO L’altra grande novità per tut­ti i pos­ses­sori del ban­co­mat, è che saran­no azzerati i costi inter­ban­cari sostenu­ti a pat­to che il loro val­ore sia infe­ri­ore ai 15 euro” per “ren­dere i paga­men­ti più sicuri e veloci”. Gra­zie a ques­ta inno­vazione si spera di incen­ti­vare il ricor­so alla mon­e­ta elet­tron­i­ca da parte degli ital­iani, che anco­ra oggi uti­liz­zano il con­tante per oltre l’80% dei paga­men­ti, con­tro una media euro­pea infe­ri­ore al 60%.

Bancomat: gratis sotto i 15 euro, via libera agli acquisti online

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.