AVEVANO MESSO NEL MIRINO I “ROMENI DI M**DACHE GESTIVANO IL LOCALE ALLA ROMANINA, COLPEVOLI DI AVER AVVIATO UNATTIVITÀ SENZA PERMESSO DEL CLAN

RICORDATE L’AGGRESSIONE DEI DUE CASAMONICA A UNA DISABILE, IN UN BAR A ROMA? NON ERA CASUALE: AVEVANO MESSO NEL MIRINO I “ROMENI DI M**DACHE GESTIVANO IL LOCALE ALLA ROMANINA, COLPEVOLI DI AVER AVVIATO UNATTIVITÀ SENZA PERMESSO DEL CLANLE INTIMIDAZIONI AI TITOLARI SONO ANDATE AVANTI PER MESI

Mar­co Car­ta per “il Mes­sag­gero”

ARRESTO DI ANTONIO CASAMONICA ARRESTO DI ANTONIO CASAMONICA

Un’esplosione di «vio­len­za» con un obi­et­ti­vo pre­ciso: allon­tanare i «romeni di mer­da» che ges­ti­vano il Roxy bar dal­la Roman­i­na. La loro col­pa? Avere avvi­a­to un’ attiv­ità impren­di­to­ri­ale nel­la zona dei Casa­mon­i­ca sen­za il per­me­s­so del clan: «In diverse occa­sioni mi dice­vano che quel­la era la loro zona e che coman­da­vano loro. Per tali motivi dove­vo sot­tostare alla loro volon­tà».

Le intim­i­dazioni nei con­fron­ti di Mar­i­an Roman e sua moglie Rox­ana, tito­lari del bar pre­so d’assalto dal clan Casamonica/Di Sil­vio, avreb­bero avu­to inizio molto pri­ma del 1 aprile, il giorno in cui avvenne la duplice aggres­sione, immor­ta­la­ta dalle tele­camere interne. Ma i due romeni decis­ero di non denun­cia­re «per tim­o­ri di ritor­sioni data la fama del clan malav­i­toso cui apparten­gono».

casamonica - aggressione a una disabile in una bar in zona romanina casa­mon­i­ca — aggres­sione a una dis­abile in una bar in zona roman­i­na

A scriver­lo ieri, nero su bian­co, è il Tri­bunale del riesame che oltre rib­adire il carcere per Anto­nio Casa­mon­i­ca, Vin­cen­zo e Alfre­do Di Sil­vio, e i domi­cil­iari per Enri­co Di Sil­vio (il non­no dei tre), get­ta una nuo­va luce sull’intera vicen­da, gra­zie alle dichiarazioni aggiun­tive di Roman Mar­i­an, su cui ora stan­no inda­gan­do gli inquiren­ti. Il raid sarebbe sta­to solo il pic­co di una serie di intim­i­dazioni in atto da mesi. «In qualche occa­sione mi apos­tro­fa­vano con frasi del tipo rumeno di mer­da.. tor­na al tuo paese ed altri del­lo stes­so tenore. Si com­por­ta­vano come se fos­se di loro pro­pri­età pre­tenden­do un servizio di favore».

casamonica - aggressione a una disabile in una bar in zona romanina casa­mon­i­ca — aggres­sione a una dis­abile in una bar in zona roman­i­na

Per questo, quan­do il tito­lare del bar, «non ha rispet­ta­to la posizione di priv­i­le­gio riven­di­ca­ta da Casa­mon­i­ca Anto­nio e Alfre­do di Sil­vio», che vol­e­vano essere servi­ti per pri­mi, la situ­azione degen­era. E dalle intim­i­dazioni ver­bali i mem­bri del clan pas­sano alle vie di fat­to.

«VOLETE LA GUERRA»

Pri­ma pic­chi­an­do la cit­tad­i­na dis­abile che ave­va osato esprimere «una legit­ti­ma crit­i­ca a una frase di un con­tenu­to palese­mente razz­ista: questi romeni di mer­da non li sop­por­to pro­prio». Poi aggre­den­do il tito­lare del bar e dev­a­s­tan­do il locale: «Ti fac­cio chi­ud­ere o ti ammaz­zo».

la moglie del proprietario del bar in cui i casamonica hanno aggredito una disabile la moglie del pro­pri­etario del bar in cui i casa­mon­i­ca han­no aggred­i­to una dis­abile la moglie del proprietario del bar in cui i casamonica hanno aggredito una disabile 2 la moglie del pro­pri­etario del bar in cui i casa­mon­i­ca han­no aggred­i­to una dis­abile 2

Infine reiteran­do le minac­ce, quan­do il ten­ta­ti­vo di medi­azione di Enri­co di Sil­vio, pron­to a ris­ar­cire i dan­ni in cam­bio del ritiro del­la denun­cia, fal­lisce: «E allo­ra volete la guer­ra». Sec­on­do i giu­di­ci, i fratel­li Di Sil­vio e Anto­nio Casa­mon­i­ca, che avrebbe avu­to un ruo­lo atti­vo nel pestag­gio del­la dis­abile restituen­do la cin­tu­ra al cug­i­no e di fat­to «arman­do­lo», non sape­vano di essere ripresi dal­la videosorveg­lian­za. sicuri di far­la fran­ca.

il proprietario del bar in cui i casamonica hanno aggredito una disabile il pro­pri­etario del bar in cui i casa­mon­i­ca han­no aggred­i­to una dis­abile

«La loro sal­da con­vinzione — si legge nelle carte — è che nes­suno avrebbe mai avu­to il cor­ag­gio di pre­sentare una denun­cia nei loro con­fron­ti pro­prio per­ché intimidi­ti dal­la loro con­sol­i­da­ta forza crim­i­nale sul ter­ri­to­rio: se chi­a­mi la polizia ti ammaz­zo». In par­ti­co­lare, l’aggravante del meto­do mafioso, con­tes­ta­ta agli inda­gati, accusati di lesioni, vio­len­za pri­va­ta e minac­cia, sarebbe sta­ta por­ta­ta avan­ti attra­ver­so «una par­ti­co­lare coar­tazione psi­co­log­i­ca con i carat­teri pro­pri dell’ intim­i­dazione derivante dall’ orga­niz­zazione crim­i­nale».

il bar in cui i casamonica hanno aggredito una disabile il bar in cui i casa­mon­i­ca han­no aggred­i­to una dis­abile

Tale da par­al­iz­zare anche i cli­en­ti del bar che ave­vano assis­ti­to, iner­mi, al pestag­gio del­la dis­abile: «Abi­tan­do alla Roman­i­na e sapen­do che gli aggres­sori fan­no parte di un clan malav­i­toso molto peri­coloso ave­va­mo pau­ra per noi e le nos­tre famiglie». Per questo i tre con­tin­u­ano a essere ritenu­ti «sogget­ti estrema­mente peri­colosi». E devono restare in carcere.

I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR casamonica aggressione a una disabile in una bar in zona romanina 3 casa­mon­i­ca aggres­sione a una dis­abile in una bar in zona roman­i­na 3 I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR I DUE CASAMONICA E L AGGRESSIONE A UNA DISABILE IN UN BAR casamonica aggressione a una disabile in una bar in zona romanina casa­mon­i­ca aggres­sione a una dis­abile in una bar in zona roman­i­na casamonica aggressione a una disabile in una bar in zona romanina casa­mon­i­ca aggres­sione a una dis­abile in una bar in zona roman­i­na

 

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ricordate-rsquo-aggressione-due-casamonica-disabile-bar-176112.htm

Share / Con­di­vi­di:
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da grognards . Aggiungi il permalink ai segnalibri.