Frankie Ford, New Orleans singer of 'Sea Cruise' fame, has died

Frankie Ford, New Orleans singer of 'Sea Cruise' fame, has died

Keith Spera, NOLA.com | The Times-PicayuneBy Keith Spera, NOLA.com | The Times-Picayune 
Email the author



Frankie Ford, the ever-​​colorful and often campy New Orleans rhythm & blues and rock 'n' roll singer and pianist who sailed the 1959 smash "Sea Cruise" to national stardom, died Monday (Sept. 28) at his home in Gretna following a lengthy illness. He was 76.
Mr. Ford was born in New Orleans on Aug. 4, 1939. As an infant, he was adopted by Anna and Vincent Guzzo, who named him Frank Guzzo. An only child, the young Frank Guzzo delighted in entertaining from an early age. At 12, after winning local talent contests, his parents drove him to New York for an appearance on "The Ted Mack Amateur Hour." Soon after enrolling at Holy Name of Mary high school in Algiers, he joined a dance band called the Syncopators.
In the late 1950s, he came to the attention of New Orleans record producers and label owners who were keen to craft "teen idols" – white singers who might tap into a larger market than what was available to black rhythm & blues singers.
"Frankie came along at the right time," said Mike Shepherd, president and executive director of the Louisiana Music Hall of Fame, and a longtime friend of Mr. Ford's. "They were making teen idols. He had the look, and he absolutely had the best voice of all of them. He was capable of incredible runs. He could sing opera."
In a 2005 interview with writer Bunny Matthews in OffBeat magazine, Mr. Ford recalled being "discovered" by Joe Caronna, a representative of Ace Records and an aspiring artist manager, at the Alibi Lounge on Airline Highway. Mr. Ford soon found himself in one of legendary engineer Cosimo Matassa's recording studios. His first single, released in 1958, consisted of two original compositions, "Cheatin' Woman" and "The Last One to Cry."
"Sea Cruise" was written by New Orleans rhythm & blues pianist Huey "Piano" Smith, who originally recorded it with local musicians and Gerri Hall, a singer from his group the Clowns. But Caronna and business partner Johnny Vincent Imbragulio believed "Sea Cruise" would be more commercially viable if the teenage Mr. Ford was substituted for the other vocalists. 
Released via Ace Records, the version of "Sea Cruise" bearing Mr. Ford's voice and name sold more than a million copies and hit No. 14 on the Billboard Hot 100 in 1959. Smith also crafted that single's flip side, "Roberta" -- originally the name was "Loberta" -- and "Alimony," another popular single by Mr. Ford.
Between 1959 and 1961, Mr. Ford released a handful of modest hits, including a cover of fellow New Orleanian Joe Jones' "You Talk Too Much," released via Imperial Records. He appeared on Dick Clark's "American Bandstand" and barnstormed the country with various rock 'n' roll caravans, traveling and performing alongside the likes of Chuck Berry and Frankie Avalon. After a stint in the U.S. Army in the early 1960s, he came home to discover that the British Invasion had dried up the market for piano-​​driven New Orleans R&B and rock 'n' roll.
After a lost year or two in California, he returned to New Orleans and went to work on Bourbon Street. From the mid-'60s until 1980, he held down regular gigs at the Ivanhoe, the Backstage 500 Club, the Gateway, his own club at Toulouse and Bourbon, and finally Lucky Pierre's, presiding over a lounge-​​style act peppered by risqué one-​​liners.
"From '65 to '80, I built up quite a clientele," Mr Ford said in a 1999 interview with The Times-​​Picayune. "It used to be one of those must-​​see things. I became sort of an institution."
Fans who considered him a "must-​​see thing" included vocalist Robert Plant and guitarist Jimmy Page of Led Zeppelin. In 1998, Plant recalled how he and Page went to see Mr. Ford's show while in New Orleans in the 1970s. "He was playing this schmaltz stuff in a bar," Plant said. "We requested 'Alimony,' which is one of his songs he hadn't played in years. He was overjoyed. He stopped playing and came and talked to us. And we were thrilled."
The collapse of the Louisiana oil industry and, consequently, the local market for entertainment, finally forced Mr. Ford to hit the road once again. By the 1990s, he had plugged into a grueling but lucrative circuit of casinos, nightclubs and private functions around the country, cashing in on nostalgia for 1950s music. In 1998 alone, he spent 203 days on the road. While in town, he and longtime manager Ken Keene tooled around in a black Lincoln Town Car sporting the vanity plate "Ooh-​​Wee," from the refrain of "Sea Cruise."
In the summer of 1999, Mr. Ford briefly returned to Bourbon Street to play four nights a week at the Chris Owens Club; the engagement only lasted a couple of weekends. He went back to playing oldies shows and regional festivals, including annual appearances at the New Orleans Jazz and Heritage Festival. He served as the king of the satirical Krewe du Vieux parade in 2009.
frankie ford album cover.jpgThe cover of Frankie Ford's 'Let's Take a Sea Cruise' album. 
Back in 1958 at Pat O'Brien's, Mr. Ford met Barbara Bennett, a young woman who had just been hired as a pianist and singer in the club's piano bar. He asked to buy her a cup of coffee, initiating a decades-​​long friendship. "He was a little skinny kid then," Bennett said Tuesday. "He grew into a handsome man."
Bennett, who had previously served as a backing vocalist for Jerry Lee Lewis, appeared on the cover of Mr. Ford's "Let's Take a Sea Cruise" album – she was the brunette, paired with a blonde woman. After 47 years at Pat O'Brien's, Bennett retired in 2005, just before Hurricane Katrina. Several years ago, she moved into Mr. Ford's house, in part to help care for him as his health declined. She also joined him onstage as a singer. "We had a wonderful time," she said. "Frankie had a God-​​given talent."
His final performance was during the 2013 Gretna Heritage Festival.
This summer, Shepherd visited Mr. Ford and Bennett at home in Gretna to collect items for the Louisiana Music Hall of Fame. The singer was confined to a bed downstairs. But he instructed Shepherd to go upstairs, where his stage attire was stored: "You find whatever you want. I'll never wear any of these things ever again," Shepherd recalled him saying.
Among other items, Shepherd selected a red sequined jacket with a cream and black piano keyboard running up the right side, over the shoulder, and down the back. When he showed it to Mr. Ford, the singer reached out to touch the garment and said, "My mama made this for me."
Funeral arrangements are pending. 
http://​www​.nola​.com/​m​u​s​i​c​/​i​n​d​e​x​.​s​s​f​/​2​0​1​5​/​0​9​/​f​r​a​n​k​i​e​_​f​o​r​d​_​d​i​e​d​_​s​e​a​_​c​r​u​i​s​e​.​h​tml
Share /​ Condividi:

FRANKIE FORD DIES

FRANKIE FORD DIES

'SEA CRUISE' SINGER

0929-frankie-ford-getty-01

Frankie Ford, the rock 'n' roll singer and pianist who had a huge hit with "Sea Cruise" died Monday in his native Louisiana.
The coroner says Ford died of natural causes at the age of 76 in his home in Gretna -- a New Orleans suburb. Mike Shepherd from the Louisiana music Hall of Fame says Ford had been confined to his bed over the summer while fighting an illness. 
Ford shot to fame with his top 20 hit "Sea Cruise" in 1959.
He was known as the New Orleans Dynamo because he tirelessly toured the country, and got inducted into Louisiana's Music Hall of Fame in 2010.
Oo-​​ee, oo-​​ee baby ...

http://​www​.tmz​.com/​2​0​1​5​/​0​9​/​2​9​/​f​r​a​n​k​i​e​-​f​o​r​d​-​d​i​e​s​-​s​e​a​-​c​r​u​i​s​e​-​s​i​n​g​e​r​-​d​e​a​d​-​n​e​w​-​o​r​l​e​a​n​s​-​d​y​n​a​m​o​/​#​i​x​z​z​3​n​G​E​E​a​iMW

Share /​ Condividi:

Actress, stage director Homa Rusta dies at 69

Actress, stage director Homa Rusta dies at 69

TEHRAN -- Veteran Iranian actress and stage director Homa Rusta died at a hospital in Los Angeles on Saturday after a long battle with cancer. She was 69. 
She left the country months ago to receive further treatment in the United States, Persian Media reported on Sunday.

Rusta was the widow of the prominent Iranian stage director and playwright Hamid Samandarian, who died of liver cancer at the age of 81 in summer 2012.

She will be buried next to her husband in the Artists Section of Tehran’s Behesht-​​e Zahra Cemetery after being transferred to Iran.

Mrs. Rusta entered cinema and spent her entire life on her art. She lived among people with all her love,” director Puran Derakhshandeh said in her message of condolences.

Rusta starred in Derakhshandeh’s “The Little Bird of Happiness”, for which she was nominated for a best actress award at the 6th Fajr International Film Festival.

Actor Mohamamd-​​Ali Keshavarz also expressed his grief over the sad demise of Rusta and said that he and the actress had promised to act in a play later on when they felt better.

Born in 1946 in Tehran, Rusta studied dramatic arts in Bucharest and returned home in 1970. She made her debut with “The Glass Wall” by director Samuel Khachikian in 1971. A year later, she directed the play “The Glass Menagerie” written by Tennessee Williams.

She continued her career after the Islamic Revolutio, playing in “A Report of a Murder” directed by Mohammad-​​Ali Najafi in 1986.

She also starred in Bahram Beizaii’s “Passengers” and Ebrahim Hatamikia’s acclaimed movie “From Karkheh to Rhine”. She was nominated for best actress award for her role in “From Karkheh to Rhine” at the 11th Fajr festival.

The 32nd Fajr International Film Festival awarded her a Golden Simorgh for her lifetime achievements in 2014.

She staged “The Cherry Orchard” in Tehran in the summer of 2013.

Photo: Reza Kianian ® talks about actress Homa Rusta (L) before she is presented a lifetime achievement award during the 32nd Fajr International Film Festival at Tehran’s Vahdat Hall on January 31, 2014. (IRNA/​Ahmad Moini-​​Jam)

RM/​YAW

END 


http://​www​.tehrantimes​.com/​I​n​d​e​x​_​v​i​e​w​.​a​s​p​?​c​o​d​e​=​2​4​9​681
Share /​ Condividi:

Early music pioneer has died, aged 67

Early music pioneer has died, aged 67

by norman lebrecht

Christopher Jackson, founder of Montreal’s Early Music Studio, has died of lung cancer. An organist and chorus master, he was a tireless propagator of the music of Orlando di Lasso, Palestrina, Tallis and Monteverdi.
He served as Dean of the Faculty of Fine Arts at Concordia University from 1994 to 2005.
Our sympathies to his family.
christopher jackson

http://​slippedisc​.com/​2​0​1​5​/​0​9​/​e​a​r​l​y​-​m​u​s​i​c​-​p​i​o​n​e​e​r​-​h​a​s​-​d​i​e​d​-​a​g​e​d​-​6​7​/​#​s​t​h​a​s​h​.​C​V​I​s​9​k​J​m​.​d​puf

Share /​ Condividi:

Buoni pasto elettronici, sì a supermercati e cene. Sempre che si trovi il Pos

Buoni pasto elettronici, sì a supermercati e cene. Sempre che si trovi il Pos

Buoni pasto elettronici, sì a supermercati e cene. Sempre che si trovi il Pos

Meno tasse sui buoni pasto elettronici: questa è l'unica novità per i lavoratori. Nessun cambiamento, invece, per quanto riguarda la possibilità di fare la spesa al supermercato: si continua a non rispettare la legge. Il problema reale? Non esiste un Pos unico e si fa fatica a usare l'e-ticket

di 

Con i nuovi buoni pasto elettronici si può fare la spesa? Sono cumulabili? Si possono utilizzare solo dal lunedì al venerdì? Queste e molte altre domande da settimane tengono banco davanti alle macchinette del caffè al lavoro o alle casse dei supermercati dopo che, dallo scorso luglio, è entrato in vigore un emendamento alla legge di Stabilità che ha modificato la loro detassazione. Paura e dubbi comprensibili visto che oggi i buoni sono utilizzati da circa 2,5 milioni di dipendenti e liberi professionisti e spesi per il 70% nella grande distribuzione. Non a caso è stata anche lanciata una petizione su Change​.org per la libertà dell’uso dei buoni pasto, arrivata a quasi 39mila adesioni.
Cominciamo, quindi, a fare chiarezza nella gran confusione che si è generata: sono sì cambiate le regole, ma solo per quel che concerne il valore esentasse del ticket elettronico, passato da 5,29 a 7 euro. Un ritocco all’insù di 1,71 euro che è servito a elevarne il valore, come ci chiedeva da tempo l’Europa, e a rendere il mercato sempre più digitale. Nessun cambiamento, quindi, né per i lavoratori che ogni mese continuano a ricevere il buono cartaceo, né per quanti possiedono un e-​​ticket: potranno continuare a utilizzarli al supermercato tutti i giorni per fare la spesa anche cumulandoli e a spenderli come hanno sempre fatto in bar, gastronomie o ristoranti.
Qual è il motivo per cui questa novità ha generato un vespaio di polemiche? “Perché da oltre 30 anni la prassi va sempre in un’altra direzione rispetto alla normativa”, spiega Emmanuele Massagli, presidente Anseb (l’associazione delle società che emettono i buoni pasto), secondo cui “i ticket sono da sempre utilizzati in maniera non corretta: tecnicamente, infatti, dovrebbero essere spesi al supermercato uno alla volta, nella pausa pranzo o comunque nei giorni lavorativi e solo per la spesa alimentare, proprio come riportato sul retro del buono. Il problema si è creato con la consuetudine di trattare il ticket come una sorta di moneta senza scadenza e difficilmente tracciabile”. Così, visto che la legge è intervenuta solo sull’esenzione, non facendo riferimento al divieto di cumulabilità, tutto resta come primanonostante ora sia più facile controllare la spesa e tracciarla. “Ma – chiarisce ancora Massagli – non saremo certo noi a fare i poliziotti e controllare che la normativa venga rispettata. Inoltre, per motivi di privacy e riservatezza, gli emettitori non dispongono delle informazioni in grado di tracciare le abitudini di consumo degli utenti”.
Del resto, i gestori sono i primi ai quali conviene che tutto resti immutato visto il giro d’affari generato dai buoni pasto: 3 miliardi di euro all’anno di cui il 25%-30% da un paio di anni viaggia sui ticket elettronici. Mentre tutta la filiera, secondo uno studio dell’Università di Tor Vergata, rappresenta lo 0,72% del Pil italiano e 190mila posti di lavoro tra diretti e indiretti. “E ci aspettiamo che entro quattro anni la metà del mercato diventi elettronico”, dice Massagli. Chiari i vantaggi anche per le aziende che ne sostengono il costo: il buono è totalmente deducibile a differenza, ad esempio, delle spese di vitto e alloggio che si possono scaricare solo per il 75%.
Il problema per l’uso di questi ticket, piuttosto, è un altro. “Con la diffusione sempre più capillare degli e-​​ticket ai lavoratori – denuncia Marco Pierani, responsabile delle relazioni istituzionali per Altroconsumo – aumentano anche le segnalazioni di quantinon riescono più ad usarli presso bar e supermercati, perché non vengono accettati”. Numeri alla mano, secondo l’associazione la card è accettata da appena 35mila esercizi commercialicontro i 150mila che ammettono i buoni cartacei. Il fatto è che il buono elettronico, che è simile a un bancomat o a una carta di credito, per funzionare deve essere strisciato in un Pos che obbliga però gli esercenti ad avere quattro-​​sei lettori per supportare tutti i tipi di buoni, visto che ogni società emettitrice ha una propria tecnologia. Si tratta, quindi, di dotazioni che comportano elevati costi che non tutti gli esercenti, soprattutto i piccoli alimentari o i bar, sono disposti a sostenere, viste le commissioni elevate.
Conferma che arriva anche dalla grande distribuzione, secondo cui “il problema principale sono le gare al massimo ribasso di alcune società che per aggiudicarsi gli appalti con la Pubblica amministrazione penalizzando quelle più piccole. Il risultato è che, per recuperare redditività, aumentano le commissioni a carico degli esercenti: dal 6 al 15% contro il 3% pagato in Francia”. Il problema è già arrivato sul tavolo del governo con la richiesta di rivedere le commissioni. Ma, prima che vengano tagliate, potrebbe sbloccarsi l’accordo tra le società per l’uso di un unico Pos.
http://​www​.ilfattoquotidiano​.it/​2​0​1​5​/​0​9​/​2​4​/​b​u​o​n​i​-​p​a​s​t​o​-​e​l​e​t​t​r​o​n​i​c​i​-​s​i​-​a​l​l​a​-​s​p​e​s​a​-​e​-​a​l​l​e​-​c​e​n​e​-​s​e​m​p​r​e​-​c​h​e​-​s​i​-​t​r​o​v​i​-​i​l​-​p​o​s​-​p​e​r​-​u​s​a​r​l​i​/​2​0​6​2​6​9​4​/​?​u​t​m​_​s​o​u​r​c​e​=​c​h​a​n​g​e​_​o​r​g​&​a​m​p​;​u​t​m​_​m​e​d​i​u​m​=​p​e​t​i​t​ion
Share /​ Condividi:

Capelli bianchi, tutti i (falsi) miti al riguardo. Dal fattore stress ai fantomatici rischi delle tinte (FOTO)

Capelli bianchi, tutti i (falsi) miti al riguardo. Dal fattore stress ai fantomatici rischi delle tinte (FOTO)

Andrea de Cesco

CAPELLI BIANCHI

Il primo capello bianco viene spesso vissuto come una tragedia, come il primo segno della vecchiaia incombente. Ma non è vero che capelli grigi e maggiore età sono sempre collegati. Moltissimi sono i miti relativi alla canizie: da quello classico, che esorta a non staccarsi alcun capello bianco se non si vuole rischiare di ritrovarsi con la testa piena di fili argentati; alla teoria che associa stress e incanutimento. The Huffington Post US ha raccolto le maggiori leggende inerenti al tema.
  • Non è vero che se stacchi un capello bianco ne ricresceranno altri
    Agf
    Staccare un capello bianco non influisce sul colore degli altri capelli. Il rischio però è quello di danneggiare il follicolo e che quindi là dove è stato staccato un capello non ne crescano altri.
  • Lo stress non fa ingrigire la chioma
    Agf
    Lo stress non può fare diventare i capelli bianchi, ma può farli cadere. D'altra parte quando ricrescono i capelli in genere contengono meno pigmenti e ciò può far sì che si ingrigiscano. Lo stress può quindi contribuire, ma non è la causa diretta dei capelli bianchi.
  • È in gran parte una questione legata a madre natura
    Agf
    Se vuoi sapere a che età la canizie inizierà a incombere sulla tua testa, pensa a tua madre. I capelli bianchi infatti dipendono molto dalla genetica.
  • L'etnia gioca un ruolo fondamentale
    Agf
    Le persone di etnia caucasica tendono ad avere i capelli bianchi prima dei neri e degli asiatici.
  • La regola del 50-​​50-​​50 non è così accurata
    Agf
    Un qualche studio sostiene che il 50 per cento della popolazione a 50 anni ha il 50 per cento dei capelli bianchi. Ma un sondaggio ha dimostrato che questo vale solo per una fetta della popolazione compresa tra il 6 e il 23 per cento.
  • Troppa tinta potrebbe farti diventare i capelli bianchi?
    Agf
    Non si tratta altro che di un mito, usato soprattutto per dissuadere le ragazzine dal tingersi i capelli dei coloro più improbabili.
  • Il sole può essere dannoso, ma il suo ruolo non è così decisivo
    Agf
    I capelli si ingrigiscono quando le loro cellule iniziano a produrre troppo perossido di idrogeno. Il sole di per sé non fa diventare i capelli bianchi, ma la canizie -poiché i capelli contengono meno melanina-​​ è più suscettibile ai danni causati dai raggi solari. Indossare un cappello può essere una buona soluzione.
  • Lo stile di vita influisce
    Agf
    I dottori affermano che scarsi livelli di vitamina B12 possono ridurre i pigmenti nei capelli. Inoltre i capelli dei fumatori tendono a ingrigirsi prima dei 30 anni.


http://​www​.huffingtonpost​.it/​2​0​1​5​/​0​9​/​2​8​/​c​a​p​e​l​l​i​-​b​i​a​n​c​h​i​-​m​i​t​i​_​n​_​8​2​0​8​5​1​0​.​h​tml
Share /​ Condividi:

Caro Scanzi, insultare il portavoce di Renzi per il suo aspetto è un atto becero

Caro Scanzi, insultare il portavoce di Renzi per il suo aspetto è un atto becero

Michele Anzaldi Headshot  

Deputato Pd

SCANZI

C'è da immaginare che Andrea Scanzi vada gratis a parlare di calcio al "Processo del lunedì" in onda su Rai3 (servizio pubblico, pagato dal pubblico). Altrimenti non si capirebbe l'acrimonia con la quale attacca il portavoce del presidente del Consiglio, "pagato dallo Stato e dunque da noi". E chi dovrebbe pagarlo altrimenti? Ciò che sconcerta nell'affondo contro Sensi è il bollare il portavoce del premier con un insulto gratuito e incivile: "bizzarro omino sferico".
Stupisce che non si suggerisca anche di buttarlo giù dalla rupe. O per ricoprire alcuni incarichi giornalistici o di ufficio stampa bisogna rientrare in alcune taglie, come le modelle? Attaccare qualcuno per il suo aspetto fisico è davvero becero e poco democratico.
E stupisce che l'Ordine dei giornalisti, che si impegna così tanto nei corsi di aggiornamento, non ricordi ai suoi iscritti quanto questo sia un comportamento davvero poco deontologico. Abbiamo un Consiglio nazionale composto da 156 consiglieri e 20 consigli regionali con 9 membri ognuno. Sono sfuggiti a tutti questi attacchi così personali e così lesivi della professionalità?
Ed è sfuggito anche alla Commissione stabile per il codice etico della Rai? Forse il codice non si applica agli ospiti delle trasmissioni del servizio pubblico? Ne dubitiamo. Solidarizziamo con Sensi e con tutti gli "omini sferici". Sperando che la Rai (Raisport e Rai3 in questo caso) continui ad ospitare nei suoi programmi personaggi di tale spessore morale...
http://​www​.huffingtonpost​.it/​m​i​c​h​e​l​e​-​a​n​z​a​l​d​i​/​c​a​r​o​-​s​c​a​n​z​i​-​i​n​s​u​l​t​a​r​e​-​i​l​-​p​o​r​t​a​v​o​c​e​-​d​i​-​r​e​n​z​i​-​p​e​r​-​i​l​-​s​u​o​-​a​s​p​e​t​t​o​-​e​-​u​n​-​a​t​t​o​-​b​e​c​e​r​o​_​b​_​8​1​9​9​8​6​2​.​h​tml
Share /​ Condividi:

La petizione di VàZapp' su Change​.org: "Lettera a un papà agricoltore: voglio ridare dignità ai tuoi anni di sacrificio e povertà"

La petizione di VàZapp' su Change​.org: "Lettera a un papà agricoltore: voglio ridare dignità ai tuoi anni di sacrificio e povertà"

AGRICOLTURA

Caro papà,
non so se leggerai mai quello che sto per scriverti, non so se ne avrai la forza dopo una lunga giornata di lavoro, ma scrivere in fondo è come tirare un solco e tu ne hai tirati tanti nella tua vita, tutti belli dritti, meglio di qualsiasi trattore guidato da un Gps.
Ti ho osservato molte volte mentre zappavi e la tua bravura nell’accarezzare la pianta con un attrezzo che a tutto serve tranne che a quello mi ha sempre affascinato. Ti scrivo per dirti che so di non essere un figlio perfetto, anzi ho fatto dell’imperfezione il mio giorno, non mi sono mai laureato, non sono mai stato a casa, sempre in giro per vedere una fiera, per ascoltare conferenze per vedere una novità, per inseguire dei sogni che tu ritenevi bisogni, capricci di una gioventù diversa dalla tua.
Mi sono anche licenziato da un posto di lavoro a tempo indeterminato, dove mi occupavo di pianificare gli addestramenti con gli elicotteri, l’ho fatto nella crisi e so di averti dato un grosso dispiacere.Ho motivato la mia scelta dicendoti dei miei sogni, del mio incontro con don Michele che a 93 anni mi chiedeva di scaricargli libri sul tablet , o che assecondava le mie proposte folli, come la messa nel vigneto o le serate nei pub a parlare a centinaia di giovani, ma tu hai giustamente pensato ai miei soldi che non sarebbero più arrivati una volta al mese.
Mai un punto di vista in comune, tutto differente, più viaggiavo e più mi allontanavo dalle tue idee, più studiavo e più mi avvicinavo a quella terra che tu e mamma mi chiedevate di lasciare: “E’ un lavoro troppo sacrificato mi avete sempre detto, e che diranno le persone se sentono che fai l’agricoltore? Nessuna ragazza si avvicinerà a te, trovati un posto così potrai sposarti, avere dei figli ed essere felice.”
Bello e giusto il voler il mio bene, d'altronde voi agricoltori cosa avete ricevuto da questa terra dopo tanti sacrifici? Vi hanno spinto a produrre di più affinché poteste stare insieme di meno, a produrre prodotti freschi affinché deperisse la vostra dignità a causa di prezzi troppo bassi e di tempi troppo stretti, quante volte ho visto arrivare l’intermediario di turno, guardarti dalla testa ai piedi dopo essere sceso da un fuoristrada nuovo di zecca e dove l’unico timore che aveva era quello di sporcare le sue scarpe firmate? Quante volte ho visto i tuoi occhi diventare lucidi perché ti veniva proposto un prezzo troppo basso che faceva male più di tante frustate e che non dava dignità a quelle mani piene di piaghe e a quei giorni spesi nel fare ciò che amavi?
Quante volte mi hai detto, vai via finché sei in tempo, ma più mi allontanavi e più io ritrovavo me stesso e la mia vocazione in questa terra. Tu volevi il mio bene, io voglio il tuo e che ti sia ridata dignità, solo così il mio e il tuo passaggio su questa terra avranno un senso.
Voglio dirti che nonostante ci incontriamo su poche cose io ho da ringraziarti per molto, quando penso ai traguardi che la vita mi ha donato mi vieni in mente tu, tu che hai studiato all’Università della vita e dato esami come sacrificio, povertà e perseveranza. Sono esami che ti hanno permesso di laurearti nell’amore per il tuo lavoro e per tutti noi. Sai quando ero bambino mi vergognavo quando mi chiedevano che lavoro facessi, ma oggi voglio dire al mondo che il tuo è uno dei lavori più grandi che ci siano, quello che ho imparato in agricoltura lo devo a te, forse non saprò ancora accarezzare una pianta come fai tu, ma stai certo che ho imparato ad amarla.
Spero che un giorno amerai anche tu il mio sogno, si chiama VaZapp e forse inconsapevolmente me lo hai donato tu. Mentre ti osservavo nasceva dentro me il sogno di vedere tanti giovani che si innamorano della terra, stando insieme in una serra dove invece di coltivare piante si coltivano relazioni, e tutti insieme essere felici perché finalmente è stato dato loro ascolto e dignità.
Ti voglio un bene di un amore agricolo.
Giuseppe
La lettera aperta è di Giuseppe Savino, responsabile di VaZapp, il primo hub rurale in Puglia, voluto da don Michele de Paolis, sacerdote salesiano volato in cielo lo scorso ottobre e che all’età di 93 anni amava leggere libri sul tablet e scrivere post su Facebook. VàZapp’ nasce nell’azienda agricola “Cascina Savino”, al suo interno ci sono spazi di coworking dove ci si incontra per ascoltare gli agricoltori, per creare eventi e format su agricoltura sostenibile e innovativa, workshop e format.
Vazapp ha aperto una petizione su Change​.org - già firmata da oltre 35mila persone - che chiede al governo italiano misure efficaci per contrastare lo sfruttamento della manodopera agricola e ridare dignità al lavoro del coltivatore diretto. La petizione è QUI.
http://​www​.huffingtonpost​.it/​2​0​1​5​/​0​9​/​2​3​/​p​e​t​i​z​i​o​n​e​-​v​a​z​a​p​p​-​c​h​a​n​g​e​-​o​r​g​_​n​_​8​1​8​2​5​8​6​.​h​t​m​l​?​u​t​m​_​h​p​_​r​e​f​=​i​t​a​l​i​a​-​c​h​a​n​g​e​o​r​g​&​a​m​p​;​u​t​m​_​s​o​u​r​c​e​=​c​h​a​n​g​e​_​o​r​g​&​a​m​p​;​u​t​m​_​m​e​d​i​u​m​=​p​e​t​i​t​ion
Share /​ Condividi:

Sempre nuovi artisti aderiscono alla Campagna #SalviamolaForestale

Sempre nuovi artisti aderiscono alla Campagna #SalviamolaForestale

AGGIORNAMENTO SULLA PETIZIONE

Sempre nuovi artisti aderiscono alla Campagna #SalviamolaForestale

Campagna: #SalviamolaForestale
Italia
24 set 2015 — Cari Firmatari e Firmatarie,
continuano ad arrivare adesioni alla nostra Campagna #SalviamolaForestale da parte di artisti e personalità pubbliche. 

Dopo Brian May (chitarrista dei Queen) hanno aderito nell'ordine:

Yo Yo Mundi (gruppo musicale), Daniela Poggi (attrice), Rosita Celentano (in attesa dell'adesione di Adriano), Andrea Mingardi (cantante, musicista e scrittore), Teresa De Santis (giornalista, vicedirettore Rainews), Mario Biondi (cantante), Donatella Rettore (cantante), Piero Pelù (cantante dei Litfiba)

Potete anche voi invitare tutte le personalità pubbliche ad aderire alla petizione. Ditegli di firmare e poi di comunicare l'adesione all'indirizzo mailsalviamolaforestale@​yahoo.​com

Grazie
Seggioli Raffaele
Coordinatore della Campagna #SalviamolaForestale

https://​www​.change​.org/​p​/​n​o​-​a​l​l​a​-​s​o​p​p​r​e​s​s​i​o​n​e​-​d​e​l​-​c​o​r​p​o​-​f​o​r​e​s​t​a​l​e​-​d​e​l​l​o​-​s​t​a​t​o​/​u​/​1​3​5​2​5​9​8​3​?​t​k​=​r​F​K​T​S​F​J​3​D​W​-​O​x​g​h​x​d​T​5​e​k​n​H​K​G​I​b​X​x​3​L​4​p​a​p​_​r​w​4​h​0​i​E​&​a​m​p​;​u​t​m​_​s​o​u​r​c​e​=​p​e​t​i​t​i​o​n​_​u​p​d​a​t​e​&​a​m​p​;​u​t​m​_​m​e​d​i​u​m​=​e​m​ail
Share /​ Condividi:

Ciao a tutti. Oggi notizie tristissime. Il giudice ha disposto che la ragazza venga allontanata con

Ciao a tutti. Oggi notizie tristissime. Il giudice ha disposto che la ragazza venga allontanata con

AGGIORNAMENTO SULLA PETIZIONE

Ciao a tutti. Oggi notizie tristissime. Il giudice ha disposto che la ragazza venga allontanata con

Andrea Giancola
Città, Italia
30 set 2015 — Ciao a tutti. Oggi notizie tristissime. Il giudice ha disposto che la ragazza venga allontanata con la forza dalla madre. Vorrei commentare pesantemente, ma in questo momento ho il cuore gonfio di lacrime e tanta rabbia per questo caso che sto vivendo e seguendo da qualche mese con tanto coinvolgimento. Mi rendo conto che in Italia non ci può essere giustizia, troppi interessi, inciuci, conflitti. Del desiderio di una ragazza, del suo equilibrio mentale a nessuno interessa ..... la perizia del neuropsichiatria che PRESUPPONEVA CHE in futuro la suddetta ragazza avrebbe manifestato problemi.... si dimostrerà reale. Quale figlia strappata contro la sua volontà alla madre con cui ha sempre condivido il suo percordo di vita rimane in equilibrio???? Io vorrei poter fare VERAMENTE qualcosa per loro. Ma cosa. Diffondiamo questa triste notizia e ben vengano idee per una possibile azione d'aiuto per evitare il peggio a queste amiche e x diffondere queste ingiustizie (che potrebbero capitate a tutti noi) con tutte le vie a nostra disposizione. Vi prego non molliamo, non diamogliela vinta a questa gentaglia ..... senza cuore..https://​www​.facebook​.com/​g​r​o​u​p​s​/​1​8​9​7​3​1​0​7​5​7​1​6​0​1​5​7​/​?​f​r​e​f​=ts
https://www.change.org/p/roberta-lombardi-statalizzazione-case-famiglia-comunit%C3%A0-e-erogazione-di-contributi-a-famiglie-che-ospitino-minori-insieme-a-minori-poteri-di-cui-gode-la-figura-dell-assistente-sociale/u/13589619?tk=aMxmK3-2Ki6lEIfSa6TqeX2ekAV0HuC6mIPlP_wyVSA&utm_source=petition_update&utm_medium=email
Share /​ Condividi: