E ORA CHE FARÀ RENZI CON LA RIFORMA DELLE INTERCETTAZIONI?

E ORA CHE FARÀ RENZI CON LA RIFORMA DELLE INTERCETTAZIONI? LA LEGGE E' FERMA IN COMMISSIONE GIUSTIZIA ALLA CAMERA DOVE DA MARTEDÌ DOVREBBE RIPARTIRE - PARTE DEL PD E NCD SPINGONO PER CAMBIARE LE REGOLE SULLA PUBBLICAZIONE DELLE CONVERSAZIONI. CHISSÀ PERCHÉ

E se il figlio dell’ex capo dello Stato, Giulio Napolitano, scrive una lettera al “Fatto” per bollare come “ignobile montatura” quanto pubblicato, Maurizio Gasparri se la prende proprio con Giulio Napolitano: “Commuove la sua indignazione, solo chi avesse vissuto in Papuasia si potrebbe meravigliare per l’uso improprio delle intercettazioni”…

renzi nardella pittibimbo 5RENZI NARDELLA PITTIBIMBO 5
Una stretta sulle intercettazioni «non è all’ordine del giorno», spiega Matteo Renzi parlando coi suoi. È il giorno in cui la pubblicazione delle conversazioni tra lui e il generale Michele Adinolfi (e in cui l’allora segretario pd esprimeva giudizi su Enrico Letta) riaccende lo scontro politico. «Tengo più alla produzione industriale che non alle intercettazioni», osserva il presidente del Consiglio sottolineando i buoni risultati diffusi dall’Istat con un aumento del 3 per cento. Un segno più che ha sorpreso anche i più ottimisti e che il governo attribuisce a riforme e incentivi (dalla Sabatini all’Irap).
giulio napolitanoGIULIO NAPOLITANO
Sulla stessa linea Dario Nardella, oggi sindaco di Firenze e nel gennaio 2014 deputato renziano, intercettato anche lui durante un pranzo con lo stesso generale della Finanza («Letta? Mi sembra attaccato alla poltrona»): «Quelli contenuti nelle intercettazioni erano argomenti di dominio pubblico, come lo era il rischio che si andasse a elezioni anticipate» . Valutazioni politiche che allora aveva più volte fatto pubblicamente. Quanto a Giorgio Napolitano e al figlio Giulio, precisa che in quel pranzo col generale, quando si è parlato di loro, non ha fatto commenti, rimanendo in silenzio.
La legge sulle intercettazioni giace in commissione Giustizia della Camera, dove da martedì dovrebbe riprendere il cammino. Che si preannuncia tuttavia lungo e complesso. Renzi non ha fretta, altri nella sua maggioranza sì. «È giunto il tempo che si approvi finalmente una normativa che, nel pieno rispetto del diritto di cronaca, eviti di trasformare la pubblicazione in un processo sommario», afferma il capogruppo di Area popolare Renato Schifani.
BRUNETTA ITALICUMBRUNETTA ITALICUM
Dall’opposizione, Renato Brunetta alza il tiro: «Vogliamo la verità, non la veritweet». E invoca una commissione di inchiesta sui fatti del 2011, attaccando Napolitano, definito «presidente (d)emerito convertito a seguace di Matteo».
E se il figlio dell’ex capo dello Stato, Giulio, come il padre Giorgio scrive una lettera al “Fatto” per bollare come «ignobile montatura» quanto pubblicato, Maurizio Gasparri se la prende proprio con Giulio Napolitano: «Commuove la sua indignazione, solo chi avesse vissuto in Papuasia si potrebbe meravigliare per l’uso improprio delle intercettazioni». I verdiniani Luca D’Alessandro e Massimo Parisi prendono invece le distanze da Fi: «Sarebbe un grave errore condannare la pubblicazione dei brogliacci quando riguardano Berlusconi e osannarla se ad essere intercettato è Renzi, reclamando perfino commissioni di inchiesta».
maurizio gasparriMAURIZIO GASPARRI

http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​3​/​p​o​l​i​t​i​c​a​/​o​r​a​-​c​h​e​-​f​a​r​-​r​e​n​z​i​-​r​i​f​o​r​m​a​-​i​n​t​e​r​c​e​t​t​a​z​i​o​n​i​-​l​e​g​g​e​-​f​e​r​m​a​-​1​0​4​7​4​3​.​htm
Share /​ Condividi:

2016-​08-​18 (00:19:03)

VOLONTARI ADDESTRATI DAI NOCS: SUPER AGENTI NELLE STRADE PER SVENTARE OGNI POSSIBILE ATTACCO TERRORISTICO


(di Giovanni Spano) - Squadre di poliziotti scelti e addestrati a Nettuno a intervenire in casi di emergenze di tipo terroristico, dunque in «scenari di elevata criticità». Sono le Unità di intervento rapido – appunto Unità operative antiterrorismo – già in servizio in alcune città, e da oggi anche a Firenze: il capoluogo toscano rientra infatti a pieno titolo tra i «territori sensibili», più a rischio di azioni dimostrative e/​o di incursioni secondo le valutazioni della nostra Intelligence. Progetto voluto dal ministro dell’Interno Angelino Alfano dopo gli attentati di Parigi, elaborato e reso attivo a marzo da un ordine riservato emesso dal Viminale.



Obbiettivo, mettere a disposizione delle questure e dei territori squadre preparate ad hoc, in grado di intervenire immediatamente, naturalmente in aggiunta alle strutture operative centrali.

Il personale – Gli agenti di questa unità operativa speciale sono volontari: hanno dovuto presentare domanda per farne parte, poi una commissione ha valutato le loro caratteristiche in base a una serie di test psicoattitudinali, medici e psicologici; idoneità e selezione sono state curate dagli uffici delle questure più direttamente interessate al progetto. Infine il corso teoria e pratica alla Scuola Superiore di Polizia della cittadina laziale, tenuto anche daistruttori del Nocs (nucleo operativo centrale di sicurezza) e quindi addestramento in buona parte ricalcato su quello delle teste di cuoio.

Indicazioni ai questori – Tre le indicazioni fornite ai questori – e tra questi anche il questore di Firenze Raffaele Micillo – quelle sulle procedure preselettive. Due i requisiti esclusivi richiesti ai ‘nuovi’ agenti: non aver compiuto il 45° anno di età; aver svolto o svolgere attività di controllo del territorio in Uffici della Questura e in subordine presso altri Uffici della Polizia.

Armi in dotazione – L’unità operativa così addestrata avrà in dotazione armamento ed equipaggiamento specializzati: il fucile mitragliatore a canna lunga sul modello dell’arma in dotazione a una unità d’elite, ma dell’Esercito, di straordinaria fama: la Brigata Paracadutisti «Folgore». Poi caschi e giubbotti antiproiettile.



Compiti primari – Prevenzione, vigilanza «dinamica» specie sugli obiettivi sensibili: centro, musei, istituzioni civili e religiose in primis. Gli agenti controlleranno la città stando in strada. In caso di problemi, avranno compiti di primo intervento ( «misure di autotutela e di reazione operativa» in caso di attacco»). Le squadre saranno inquadrate negli uffici prevenzione generale: le Volanti. Le nuove unità insomma integreranno il dispositivo di controllo del territorio, in modo da fornire un supporto altamente specializzato ai colleghi che ogni giorno controllano la città.

http://​www​.infodifesa​.it/​2​0​1​5​/​0​7​/​v​o​l​o​n​t​a​r​i​-​a​d​d​e​s​t​r​a​t​i​-​d​a​i​-​n​o​c​s​-​s​u​p​e​r​.​h​t​m​l​?​s​p​r​e​f​=fb
Share /​ Condividi:

PAPÀ SFRATTATO: "IN STRADA DA 3 MESI

PER ME NESSUNA CASA POPOLARE"

1915068_FUNERALE_LINDA_GIORIO07

di Ilaria Bellucco
LENDINARA - «Sfrattato e senza reddito fisso, dormo per strada da più di tre mesi, ho chiesto al Comune la possibilità di un alloggio a costi accessibili, ma per me una soluzione non si trova». Così, il giorno di Ferragosto Lorenzo Ferracin ha portato un materasso in piazza Risorgimento per raccontare con uno striscione la sua situazione. Ha 45 anni, una bambina che vive con l'ex moglie e l'unico parente rimasto in zona è un fratello che però non può dargli una mano. «Sono imbianchino, riesco a fare qualche lavoro ma non ho un'entrata fissa e perciò non sono più riuscito a pagare l'affitto - racconta - I proprietari dell'appartamento dove abitavo sono stati comprensivi e mi hanno anche lasciato un po’ di tempo per saldare, ma poi non hanno più potuto attendere e ho avuto lo sfratto esecutivo».

http://​leggo​.it/​n​e​w​s​/​i​t​a​l​i​a​/​l​e​n​d​i​n​a​r​a​_​p​a​d​r​e​_​s​f​r​a​t​t​o​_​v​i​v​o​_​i​n​_​s​t​r​a​d​a​_​p​e​r​_​m​e​_​n​e​s​s​u​n​a​_​c​a​s​a​_​p​o​p​o​l​a​r​e​-​1​9​1​5​0​5​4​.​h​tml

Share /​ Condividi:

TORNADO IN VENETO, ARRESTATI DUE SCIACALLI: MARITO E MOGLIE ROM, RUBAVANO TRA LE MACERIE

TORNADO IN VENETO, ARRESTATI DUE SCIACALLI:
MARITO E MOGLIE ROM, RUBAVANO TRA LE MACERIE


I danni del tornado a Mira
DOLO - Due sciacalli intenti a rubare tra le macerie dell'area veneziana colpita dal tornado sono stati arrestati dai carabinieri di Dolo. Si tratta di due rom trentenni di orgine bosniaca residenti a Torino, marito e moglie, pregiudicati per numerosi reati contro il patrimonio. La coppia è stata sorpresa dai militari, impegnati in servizio anti sciacallaggio nei Comuni di Dolo e Pianiga, a bordo di un furgone carico di materiale rubato dalle case colpite dalla tragedia. I due rom sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza della caserma dei carabinieri in attesa del processo.

http://​www​.leggo​.it/​N​E​W​S​/​I​T​A​L​I​A​/​s​c​i​a​c​a​l​l​a​g​g​i​o​_​t​o​r​n​a​d​o​_​d​o​l​o​_​p​i​a​n​i​g​a​_​r​i​v​i​e​r​a​_​a​r​r​e​s​t​o​/​n​o​t​i​z​i​e​/​1​4​5​6​9​3​9​.​s​h​tml
Share /​ Condividi:

Di Maio a Renzi, stop balle o forconi

Premier la smetta di provocare i cittadini italiani

Il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio, durante il convegno "Che cosa ti è successo Europa?", Roma, 26 luglio 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio, durante il convegno "Che cosa ti è successo Europa?", Roma, 26 luglio 2016.
ANSA/​ALESSANDRO DI MEO

ROMA, 18 AGO - Renzi la smetta di provocare i cittadini italiani con queste balle! Altrimenti prima o poi se li ritroverà con i forconi sotto Palazzo Chigi". Così il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, commenta su Fb le dichiarazioni del premier sul taglio delle tasse. "Oggi il Presidente del Consiglio ha anche avuto il coraggio di dichiarare: 'L'ultima volta che una tassa è stata aumentata era il 2013'. Ma davvero? Peccato che uno studio della UIL ci dice che in 2 anni dal 2013 al 2015 i contribuenti hanno pagato 7 miliardi in più di tasse, circa il 16,7% in più. E indovinate chi governava in questi due anni?".

(ANSA)

Share /​ Condividi:

Migranti: Fi, Morcone? Va espulso

Il Prefetto ha proposto lavori socialmente utili per migranti

Una immagine del recupero da parte della Nave Cigala Fulgosi della Marina Militare, del dispositivo Mare Sicuro, di circa 300 migranti in tre distinte operazioni di soccorso, 3 dicembre 2015. ANSA / US MARINA MILITARE +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

Una immagine del recupero da parte della Nave Cigala Fulgosi della Marina Militare, del dispositivo Mare Sicuro, di circa 300 migranti in tre distinte operazioni di soccorso, 3 dicembre 2015. ANSA /​ US MARINA MILITARE
+++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

ROMA, 18 AGO -"Le proposte del governo segnalano una grande confusione. Dal Viminale Morcone ci fa sapere che vorrebbe assumere tutti i clandestini in Italia invece di dare occupazione ai nostri connazionali. Il ministro della Giustizia Orlando, che aveva ammesso l'ingresso di numerosi terroristi in Italia, vorrebbe espulsioni più rapide. In realtà il Viminale più che il ministero dell'Interno italiano, con Morcone sembra il ministero dell'Africa". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI). "Dovremmo espellere tutti quelli che non hanno diritto a rimanere da noi e mandare via insieme a loro anche uno come Morcone, protagonista di candidature politiche fallite sotto le insegne del Pd e manovratore di mille regimi".

(ANSA)

Share /​ Condividi:

Migranti: Lega, folle proposta Morcone

Lavori per loro con disoccupazione giovanile a 35 per cento?

Sbarcati a Pozzallo (Rg) 162 migranti di cui 146 uomini, tre donne e 13 minori, 12 agosto 2016. Erano stati recuperati nel Canale di Sicilia da un barcone in difficoltà dalla nave di 'Medici senza Frontiere' Topaz Responder.  ANSA/UFFICIO STAMPA CROCE ROSSA ITALIANA-YARA NARDI +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Sbarcati a Pozzallo (Rg) 162 migranti di cui 146 uomini, tre donne e 13 minori, 12 agosto 2016. Erano stati recuperati nel Canale di Sicilia da un barcone in difficoltà dalla nave di 'Medici senza Frontiere' Topaz Responder.
ANSA/​UFFICIO STAMPA CROCE ROSSA ITALIANA-​YARA NARDI
+++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

ROMA, 18 AGO - "Impiegare gli immigrati richiedenti asilo in lavori socialmente utili, retribuirli e dare così loro una corsia preferenziale per essere accolti? La proposta del prefetto Morcone è folle e inaccettabile: in un Paese dove la disoccupazione generale è oltre l'11% e quella giovanile si aggira sul 35% la priorità deve essere dare lavoro ai nostri disoccupati e ai nostri giovani e non a chi, nel 90% dei casi, è qui da irregolare e verrà espulso al termine dell'iter burocratico della sua domanda di protezione". Lo afferma Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato e Responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord secondo il quale è "ancora più folle e inaccettabile è la proposta di voler premiare questi immigrati che si impegneranno nei lavori socialmente utili con una sorta di corsia preferenziale ad hoc estendendo loro lo strumento della protezione per fini umanitari, da riservare a soggetti deboli, come bambini, donne o malati. Assurdo".

(ANSA)

Share /​ Condividi:

Tunisia: esercito a caccia di jihadisti

Media, alla ricerca di due terroristi al confine con la Libia

epa05200798 A Tunisian soldier mans a check point one day after clashes with militants near the border with Libya, in the town of Ben Gardane, Tunisia, 08 March 2016. The final estimate of the death toll from clashes between Tunisian security forces and insurgents in the southern city of Ben Gardane a day ago is 55, Tunisian Premier Habib Essid said in a press conference. A total of 36 insurgents and 12 members of the security forces were killed during the clashes in the city, which is located near the border with Libya. Seven civilians were also killed during the attack, while three civilians and 14 security personnel suffered injuries.  EPA/STRINGER

epa05200798 A Tunisian soldier mans a check point one day after clashes with militants near the border with Libya, in the town of Ben Gardane, Tunisia, 08 March 2016. The final estimate of the death toll from clashes between Tunisian security forces and insurgents in the southern city of Ben Gardane a day ago is 55, Tunisian Premier Habib Essid said in a press conference. A total of 36 insurgents and 12 members of the security forces were killed during the clashes in the city, which is located near the border with Libya. Seven civilians were also killed during the attack, while three civilians and 14 security personnel suffered injuries. EPA/​STRINGER

TUNISI, 18 AGO - Unità della Guardia nazionale tunisina sarebbero impegnate dalla notte scorsa in un'operazione antiterrorismo, nel sud del Paese nordafricano, volta alla cattura di almeno due jihadisti illegalmente introdottisi dalla Libia in Tunisia. Lo rivelano i media locali.

(ANSAmed)

Share /​ Condividi:

'Migranti non hanno portato terrorismo'

Merkel, 'è un fenomeno che già avevamo in Germania'

epa05445327 German Chancellor Angela Merkel delivers remarks during a press briefing on domestic and foreign policy issues at the Bundespressekonferenz (lit. Federal Press Conference) in Berlin, Germany, 28 July 2016. Chancellor Merkel says Germany will 'stick to our principles' and give shelter to those who deserve it', while refusing calls to change refugee policy despite recent terror attacks.  EPA/KAY NIETFELD

epa05445327 German Chancellor Angela Merkel delivers remarks during a press briefing on domestic and foreign policy issues at the Bundespressekonferenz (lit. Federal Press Conference) in Berlin, Germany, 28 July 2016. Chancellor Merkel says Germany will 'stick to our principles' and give shelter to those who deserve it', while refusing calls to change refugee policy despite recent terror attacks. EPA/​KAY NIETFELD

BERLINO, 18 AGO - La cancelliera Angela Merkel ha negato che l'accresciuto afflusso di migranti in Germania abbia portato con sé il terrorismo islamico.
"Il fenomeno del terrorismo islamico dell'Isis non è ci è arrivato con i profughi ma lo avevamo anche prima", ha sostenuto ieri sera la cancelliera parlando in un comizio elettorale a Neustrelitz, in Meclemburgo, come riferisce l'agenzia Dpa.

(ANSA)

Share /​ Condividi:

2016-​08-​18 (02:19:15)

LA VENERE DI MILO CONTRO LA PRUDERIE FRANCESE - L'ARTISTA SVIZZERA MILO MOIRÉ SI È SPOGLIATA A BASILEA E DUSSELDORF, MA APPENA SI È MESSA A FARE SELFIE IGNUDA DAVANTI ALLA TORRE EIFFEL È STATA ARRESTATA E SBATTUTA IN GALERA! VIVE LA LIBERTÉ!

Milo Moiré non ha incontrato problemi in Svizzera e Germania, dove si è divertita a scattare selfie con i passanti, completamente nuda. La stessa performance l'artista svizzera l'ha tentata a Parigi, dove è stata arrestata, schedata e messa in cella. L'hanno liberata il giorno dopo...

milo moire nuda 3MILO MOIRE NUDA 3
Milo Moiré non ha incontrato problemi a Basilea e Düsseldorf, dove si è divertita a scattare selfie con i passanti, completamente nuda. La stessa performance l'artista svizzera l'ha quindi tentata a Parigi, e più precisamente di fronte alla Torre Eiffel. Ma il risultato non è stato il medesimo.
La nuova esibizione è stata infatti bruscamente interrotta, verso le 17, quando la polizia l'ha arrestata. "Le hanno preso le impronte digitali, l'hanno fotografata e messa in una cella", spiega il suo manager, Peter Palm, in un comunicato stampa.
milo moire nuda 4MILO MOIRE NUDA 4
milo moire nuda 18MILO MOIRE NUDA 18milo moire nuda 17MILO MOIRE NUDA 17milo moire nuda 6MILO MOIRE NUDA 6
La ragione dell'arresto? Mostrarsi nudi in luoghi pubblici è vietato in Francia. Ora, non è ancora chiaro se Milo Moiré ripeterà l'esibizione infischiandosene delle leggi francesi.
milo moire nuda 5MILO MOIRE NUDA 5
milo moire nuda 14MILO MOIRE NUDA 14
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​3​1​/​a​r​t​e​/​v​e​n​e​r​e​-​m​i​l​o​-​c​o​n​t​r​o​-​p​r​u​d​e​r​i​e​-​f​r​a​n​c​e​s​e​-​a​r​t​i​s​t​a​-​s​v​i​z​z​e​r​a​-​m​i​l​o​-​1​0​4​3​5​2​.​h​t​m​?​u​t​m​_​s​o​u​r​c​e​=​o​u​t​b​r​a​i​n​&​u​t​m​_​m​e​d​i​u​m​=​w​i​d​g​e​t​&​u​t​m​_​c​a​m​p​a​i​g​n​=​o​b​c​l​ick
Share /​ Condividi: