FEDEZ SI SCHIERA CON I NO EXPO: "LA VERNICE INDIGNA PIÙ DELLE INFILTRAZIONI MAFIOSE". SCOPPIA LA BUFERA

FEDEZ SI SCHIERA CON I NO EXPO: "LA VERNICE INDIGNA PIÙ DELLE INFILTRAZIONI MAFIOSE". SCOPPIA LA BUFERA


Fedez si schiera con i No Expo:
MILANO - Tutti contro Fedez e Fedez contro tutti. Il rapper in un tweet si schiera a favore dei #NoExpo protagonisti di atti vandalici oggi a Milano. «I danni dei #NoExpo sono poca cosa in confronto alle infiltrazioni mafiose e le speculazioni economiche di EXPO. Indignati a giorni alterni!», scrive il musicista scatenando le reazioni della rete. Il leader della Lega Matteo Salvini, sempre cinguettando, lo invita a pagare di tasca sua i danni dei facinorosi: «Fedez difende quelli che oggi hanno danneggiato e imbrattato strade, vetrine, palazzi e negozi? Paga i danni di tasca tua, fenomeno!». La replica non si fa attendere: «Falso, difendo le motivazioni non giustifico l'azione in sè. Ma Quanto vi piace strumentalizzare? Vi faccio così paura?», ringhia Fedez, che a sostegno delle sue idee pubblica anche una lista degli edifici imbrattati fornita da un #NoExpo, che non appartengono a privati cittadini e che sono «atti di protesta e non di vandalismo». Ma il battibecco non si ferma qui. A prendere posizione sono, tra gli altri, anche i giornalisti Nicola Porro e Filippo Facci e il rapper reagisce così: «Giornalisti e politici fanno squadrismo mediatico solo perchè mi sono permesso di esprimere un'opinione. Questo qualifica più loro di me». E ancora: «Si indignano per la vernice sui muri dei #NoExpo perchè incivile, ma se provi a dissentire dalle loro idee...». E ce n'è anche per Andrea Bocelli e Antonella Clerici: «Visto che inaugurate Expo, cosa ne pensate delle infiltrazioni mafiose e del lavoro sottopagato?».

http://​www​.leggo​.it/​N​E​W​S​/​I​T​A​L​I​A​/​f​e​d​e​z​_​s​c​h​i​e​r​a​_​n​o​_​e​x​p​o​_​p​o​l​e​m​i​c​a​/​n​o​t​i​z​i​e​/​1​3​2​8​4​4​9​.​s​h​tml
Share /​ Condividi:

BATTIPAGLIA: PRESO IL PRESUNTO KILLER. "STUPRÒ LA FIDANZATA"

BATTIPAGLIA:
PRESO IL PRESUNTO KILLER. "STUPRÒ LA FIDANZATA"


SALERNO - Giustizia è fatta. «Per Francesca oggi è un grande giorno. Il dolore un po' si attenua anche se rimarrà per sempre una grande ferita». A dirlo l'avvocato Michele Sarno, legale della fidanzata di Natalino Migliaro, il trentenne barbaramente picchiato mentre si trovava appartato in auto con la compagna in località Lido Lago a Battipaglia (Salerno) nell'ottobre scorso.

Natalino Migliaro, massacrato e ucciso mentre era con la fidanzata (Facebook)

Il trentenne è morto il successivo 12 dicembre per le ferite riportate in seguito alla brutale aggressione. Oggi il presunto assassino è stato fermato dai carabinieri. «Il fatto che il presunto assassino - rimarca Sarno - sia stato arrestato è un sollievo per la mia assistita che ha subito una violenza sessuale e ha visto morire il suo amore, un giovane al quale è stata rubata la vita e il futuro. Un grande lavoro lo hanno fatto le forze dell'ordine che hanno lavorato senza sosta per dare giustizia a Francesca e Natalino. Si tratta di una vittoria delle istituzioni che ci tutelano e ci proteggono. Questo il messaggio che Francesca si sente di veicolare oggi. Le sue parole per oggi restano mute, perché è ancora molto provata per questo enorme dolore che sta vivendo». E' UN ROMENO È stato sottoposto a fermo e rinchiuso nel carcere di Salerno, Ionut Alexa, 31enne romeno, pregiudicato per reati contro la persona e in materia di sfruttamento della prostituzione, ritenuto responsabile dei reati di rapina, omicidio e violenza sessuale. È ritenuto dagli investigatori il responsabile del dramma di Natalino Migliaro, il giovane trentenne, che il 4 ottobre dello scorso anno, in località Lido Lago del Comune di Battipaglia, nel Salernitano, è stato brutalmente picchiato e la compagna, Francesca, violentata. La coppia venne aggredita mentre si trovava appartata nell'auto della giovane, in una piazzola di via Idrovora. Il ragazzo, a causa delle ferite riportate, è deceduto il 12 dicembre. Nel pomeriggio del 28 aprile a Eboli, nella frazione Santa Cecilia, i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Salerno e del Ros, avvalendosi dell'ausilio dell'Arma territorialmente competenti, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto - emesso oggi dalla Procura della Repubblica di Salerno - il romeno. Ad incastrarlo, tracce di dna rintracciate sulla scena dell'omicidio. «L'indagine - ha spiegato il procuratore Corrado Lembo - è stata molto complessa. Sulla responsabilità del soggetto non vi sono dubbi. È ancora da chiarire il movente». Il procuratore, poi, su un eventuale complice del malvivente non si sbilancia: «Per ora - spiega - non vi dirò nulla. Le indagini sono ancora in corso, ma vi garantisco che si svilupperanno in modo rapido».

http://​www​.leggo​.it/​N​E​W​S​/​I​T​A​L​I​A​/​n​a​t​a​l​i​n​o​_​u​c​c​i​s​o​_​b​o​t​t​e​_​f​i​d​a​n​z​a​t​a​_​v​i​o​l​e​n​t​a​t​a​_​p​r​e​s​o​_​k​i​l​l​e​r​/​n​o​t​i​z​i​e​/​1​3​2​8​1​1​3​.​s​h​tml
Share /​ Condividi:

Addio a Francois Michelin, il grande imprenditore che diceva: «Rispettate la realtà»

Addio a Francois Michelin, il grande imprenditore che diceva: «Rispettate la realtà»

È morto ieri il patron della storica ditta di pneumatici. Ecco una sua strepitosa intervista in cui raccontava di sé, del figlio morto, del lavoro, di Dio e della busta paga
È morto ieri François Michelin, 89 anni, leggendario patron della storica ditta di pneumatici. Qui vi riproponiamo una nostra traduzione di una sua bellissima intervista a Paris Match nel 2013.

Nel 2006 suo figlio Edouard è morto, sua moglie nel 2011. Ha vissuto questi fatti come un’ingiustizia?
Il cardinale Lustiger conosceva bene Edouard. Dopo la sua morte, lui ha celebrato una messa nella chiesa di Saint-​​Sulpice. Ha fatto questa domanda: “Perché Edouard è morto?”. E ha citato Cristo, sulla croce, che si rivolge al Padre: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”.
Anche lei ha fatto questa domanda?
Certo. E fa molto male. Si pensa ai nipoti, alla fabbrica. Lei lo sa, si piange più su se stessi che sui defunti. Tutto quello che si costruisce crolla, non resta niente. E allora si pone la domanda a Dio e si capisce che la risposta è da un’altra parte.
Quindi c’è una risposta a questa domanda?
Dio dona tutti i giorni la risposta. Non potrebbe essere altrimenti. Io amo questa frase di san Paolo su Abramo: “Sperare contro ogni speranza”.
Ci vuole molto sacrificio per reagire così.
È il mistero della fede. Edouard non c’è più, ma resta un senso, la vita di tutti i giorni ha un senso. È la provvidenza… Rifiutare la bontà infinita di Dio sarebbe un atto di orgoglio fenomenale, mostruoso.


La sua fede non si è mai affievolita?
La fede conduce alla nozione di vita eterna. Non si scompare dopo la morte. Lei si rende conto di che cosa significhi questo? È formidabile.
Che voci le arrivano dall’esterno? Ha sentito che i francesi sono in crisi, non si fidano più dei governanti, delle imprese…
Quando si guarda dal finestrino di un aereo e si entra dentro una nuvola, che impressiona fa? Si perde la bussola! E molte persone non vogliono più interrogarsi sul perché ci sono finiti.
La responsabilità è collettiva?
È un po’ colpa dei giornalisti, del desiderio dell’uniformità al politicamente corretto. Mettiamo da parte il nostro desiderio di capire. Oggi si dice: “Sono alla moda, sono moderno”. C’è una pigrizia intellettuale. Il buon ingegnere è chi non è mai contento di quello che sa già. La ricetta per rimettere in piedi la Francia è semplice: rispettare la realtà.
Dal 2009 sono state chiuse 1250 imprese in Francia. La nostra industria riuscirà a sopravvivere davanti ad altri paesi dove i lavoratori sono sottopagati?
Il problema non è la busta paga, c’è gente che lavora molto più di noi. Un uomo che lavora è un uomo che si costruisce e che può esprimere le cose che porta dentro di sé. Meno si lavora, meno cose escono allo scoperto.
Il senso della sua frase è: “Diventa ciò che sei?”.
Non è una frase mia ma di Pindaro, un poeta dell’antichità. E anche Nietzche l’ha detto, mi sembra. Lei conosce la storia dei tre portatori di pietre? A tutti e tre viene domandato: “Che cosa stai facendo?”. Il primo risponde: “Porto una pietra”. Il secondo: “Faccio una scultura”. Il terzo: “Costruisco una cattedrale”. Allora, non conta quanto sia grande la cattedrale se le cose hanno un senso. Il dramma della Francia è che ha un ministero del Lavoro e non un ministero dell’Opera. Oggi si sta perdendo il senso delle cose.
Non ci sono più ambizioni?
Non è questo il punto. Perché si lavora in Germania? Perché hanno rinunciato alla lotta di classe e accettato l’economia sociale di mercato. La Francia, no.
Anche la Francia ha una economia sociale di mercato.
Lo Stato non ama la libertà e l’indipendenza. Quando la disoccupazione è comparsa, il presidente della Repubblica di allora ha detto: “Non vi preoccupate, lo Stato ha i soldi”. Ma avrebbe dovuto dire: “Bisogna lavorare di più. Se non lo fate, crolleremo”.
Quando la Michelin ha avuto delle difficoltà, lo Stato l’ha aiutata.
Sì. Ma noi abbiamo chiesto un aiuto a evitare la crisi, non ad attendere quella che c’è già. Di solito ragionano così: “Si può curare solo chi è malato”.
Ha guidato la Michelin per 44 anni. Oggi ci sono manager che cambiano impresa ogni tre anni. Ci sono ancora veri padroni?
Ma certo! Ci sono quelli che hanno l’idea dell’opera e quindi di una appartenenza, che vogliono fare qualcosa che abbia un senso. Questa è una dimensione che permette di realizzare l’unità in un’azienda. Perché? Perché tutti hanno il desiderio di essere riconosciuti, le cose non funzionano senza gli uomini. Una volta l’inventore del pneumatico radiale mi ha detto: “Se non amate gli pneumatici, andate via. Io ho bisogno di un padrone che ami quello che faccio”. Lui aveva ragione, oggi ci sono dei finanziatori che non sanno più che senso ha l’uomo.
Chi ha preso il potere oggi?
La finanza conta molto. Quando penso a come viveva mio nonno, capisco che i soldi fanno molto comodo, ma che se non si fa attenzione sono come una droga. Mio nonno mi ha detto alcune cose che io ho custodito: la verità e la realtà sono più grandi di te e i soldi sono dei servitori, mai dei padroni.
Molti capitali hanno lasciato la Francia. Bernard Arnault ha acquisito la nazionalità belga per ragioni fiscali. Che cosa ne pensa?
Anche noi abbiamo lasciato la Francia, ma in un altro modo. Non si riusciva più ad esportare dalla Francia, bisognava quindi fabbricare sul posto. A me sarebbe piaciuto esportare dalla Francia come i tedeschi esportano dalla Germania. Ma quando dei giovani ingegneri in Francia non riescono a ottenere quello a cui hanno diritto, poi si stufano, ci sono cose difficili da accettare…
Pensa alla supertassa del 75% sui salari alti?
Quella è proprio una sciocchezza! Non si rendono conto di ciò che stanno per uccidere. Quando voi sentite un ministro che disprezzando un giovane padrone dice: “Come, monsieur, voi volete fare soldi?”. Tutta la storia della Francia è fatta di persone che avevano i soldi e hanno costruito cose nuove. I soldi stanno a un uomo onesto come il pianoforte a un pianista.
Non ha mai pensato di entrare in politica?
Ho spesso tentato di spiegare agli altri la mia esperienza di industriale e gli errori che non bisognava fare. Ma ho il rifiuto per come la realtà è vista nel mondo della politica. La realtà, per loro, è essere rieletti. Non sono tutti così, per alcuni è veramente una missione. Pompidou era uno di questi, e anche Pinay, un realista.
Ma lei non ama più di tutti Mitterand?
Abbiamo le stesse iniziali! Apprezzo le persone che hanno senso della realtà e che cercano di comprenderla. Era un umanista coi fiocchi, Mitterand! Certo, ha fatto delle cose che non mi trovano d’accordo ma il modo in cui lavorava è ammirevole.
Da un anno, per la prima volta, la Michelin è guidata da qualcuno che non appartiene alla famiglia.
E allora? Prima di tutto ci sono state molte persone di alto livello che sono state manager della Michelin, e non tutte della famiglia. Ma avevano il senso degli uomini? Avevano il senso della materia? Pensavano che il cliente è il vero padrone dell’azienda? Questo è l’essenziale. La casa e la famiglia Michelin, guardando ai fatti, ha sempre funzionato. Ma questo approccio alla vita industriale, Jean-​​Dominique Senard, l’attuale manager, ce l’ha.
Ma non le piacerebbe uno dei suoi nipoti al comando?
Mi rifiuto di pensare a queste cose perché non c’è niente di più terribile per un bambino che sentire un altro che ha delle idee su quello che dovrà fare in futuro.
Ma lei stesso non è stato indirizzato a lavorare in azienda da suo nonno?
No. Lui ha guardato, come con tutti i suoi nipoti, come ragionavamo, come eravamo…
E lei fa così con i suoi nipoti?
Pare che anch’io sia un po’ così, sì.
Che cosa tramanda loro?
Le cose essenziali che ho ricevuto: la realtà, la verità. E che non si può mai fare a meno degli uomini e che non si può non amare ciò che si fa.
Se avesse 20 anni oggi, a che cosa si dedicherebbe? Pneumatici o nuove tecnologie?
Quello che resta di una vita è ciò che si apprende sugli uomini. L’uomo, ecco la cosa più importante.
Foto Ansa



http://​www​.tempi​.it/​a​d​d​i​o​-​a​-​f​r​a​n​c​o​i​s​-​m​i​c​h​e​l​i​n​-​i​l​-​g​r​a​n​d​e​-​i​m​p​r​e​n​d​i​t​o​r​e​-​c​h​e​-​d​i​c​e​v​a​-​r​i​s​p​e​t​t​a​t​e​-​l​a​-​r​e​a​l​t​a​#​.​V​U​K​8​z​Y​7​t​mkp

Share /​ Condividi:

Chiuso il portale di film pirata Altadefinizione​.tv

Chiuso il portale di film pirata Altadefinizione​.tv

La Gdf ha sequestrato il sito, tra i più noti per la visione dei film in alta qualità in streaming
È stato chiuso e sequestrato dalla Guardia di Finanza il sito www​.altadeginizione​.tv, una delle più grandi piattaforme italiane per vedere illegalmente film in streaming in alta qualità.
Computer e Internet
Un "paradiso" per chi si accontenta di vedere filmati piratati pur di non comprare il biglietto del cinema, visto che sul portale venivano caricate anche pellicole di recente uscita. E un "paradiso" decisamente frequentato, visto che contava circa 115 mila accessi al giorno ed era capace di creare un guadagno di oltre mille dollari al giorno.
Da ieri però le fiamme gialle, coordinate dalla procura di Lecco, hanno bloccato l’accessoal portale. Un'indagine difficile, visto che il responsabile - pare un pregiudicato milanese - aveva creato un sistema capace di impedire la reale ubicazione dei server. A contribuire alle indagini anche due federazioni, Fmp e Fapav, da tempo in prima linea per la tutela dei diritti d’autore.
http://​www​.ilgiornale​.it/​n​e​w​s​/​s​p​e​t​t​a​c​o​l​i​/​c​h​i​u​s​o​-​p​o​r​t​a​l​e​-​f​i​l​m​-​p​i​r​a​t​a​-​a​l​t​a​d​e​f​i​n​i​z​i​o​n​e​t​v​-​1​1​2​2​1​2​8​.​h​tml

Share /​ Condividi:

Bill Clinton

2

https://​www​.facebook​.com/​C​e​l​e​b​r​i​t​i​e​s​R​a​r​e​P​h​o​t​o​s​/​p​h​o​t​o​s​/​a​.​1​2​8​6​5​1​0​4​3​9​6​3​6​2​7​.​2​5​5​3​5​.​1​1​7​8​1​5​1​2​1​7​1​3​8​8​6​/​3​2​3​3​7​0​7​7​7​8​2​4​9​8​5​/​?​t​y​p​e​=​3​&​a​m​p​;​t​h​e​a​ter

Share /​ Condividi:

GIANNI MORANDI È LA TWIT-​​​​STAR DEL GIORNO.

GIANNI MORANDI È LA TWIT-​​STAR DEL GIORNO. SALVINI: "SE È COSÌ ATTENTO AI MIGRANTI, SE LI PRENDA A CASA". FRANDIBEN: "QUINDI SE PARLA A FAVORE DEI GAY DEVE LIMONARNE UNO?" - FACCI SU MIRIAM LEONE E TEA FALCO: "PER FARE CARRIERA O PIAZZATA IN BOCCA, PROTAGONISTA DI '1992' RESTA LA PATATA"

Pinuccio: "Berlusconi:Sono un obiettivo dell'Isis.quelli pensano veramente che stai con la nipote di Mubarak. hai visto cosa succede a dire le cazzate?" - Spinoza: "Santanchè: 'Dobbiamo affondare i barconi'. Altrimenti il merito se lo prende sempre il mare" - Feltri: "Sono contro il matrimonio perché sono contro il divorzio, che costa troppo e comporta il rischio di sposarsi di nuovo" - Flavia Vento: "Non sono grassa, ho la 44 come Marilyn"...

DAGOSELECTION
Matteo Salvini ‏@matteosalvinimi 
Se Gianni Morandi è così attento a esigenze di #immigrati, dia buon esempio: accolga, ospiti, mantenga e paghi di tasca sua! #Salvini
gianni morandi facebookGIANNI MORANDI FACEBOOK
francesca barra‏@francescabarra
@matteosalvinimi a Morandi e a chi tenta di dialogare su questi temi, con educazione, non si può sempre rispondere:"portateli a casa tua".
Frandiben ‏@frandiben 
Gianni Morandi si esprime a favore dei migranti e gli chiedono se è disposto a ospitarli Se si esprime a favore dei gay deve limonarne uno?
Genio78 @ziagenio78  
Stanotte Morandi ha centrato lo spigolo del comodino e s'è fermato anche 10 minuti per chiedergli scusa.
azael ‏@azael  
salvini vaffanculoSALVINI VAFFANCULO
Secondo me Morandi saluta con un abbraccio pure il reflusso gastrico.
massimo mantellini ‏@mante   
Gianni Morandi nel sottoscala del casale fra vino e barattoli di confettura ha 40 social-​​media-​​qualcosa sotto valium che rispondono per lui
Fran Altomare ‏@FranAltomare  
Signore, dammi la tua pazienza. O, in alternativa, quella di Gianni Morandi che riesce a rispondere a tutti i razzisti che lo seguono.
Niall? ‏@Horanxv_  
messaggi gianni morandi scelti da giornalettismo 4MESSAGGI GIANNI MORANDI SCELTI DA GIORNALETTISMO 4
Ho letto "Paris Hilton" e "Gianni Morandi" nelle tendenze, per un attimo ho pensato che si fossero fidanzati
Einaudi editore ‏@Einaudieditore 
Ogni tanto nei social network ci sono cose che dan soddisfazione. Oggi, per esempio, Gianni Morandi supera Paris Hilton nei TT.
Frandiben ‏@frandiben  
Come mai Gianni Morandi aveva tutti questi fan razzisti? Devo rileggere meglio i suoi testi.
Il Brillante ‏@Il_Brillante  
Togliete internet a Gianni Morandi
Furio Imperiale ‏@FurioImperiale 
messaggi gianni morandi scelti da giornalettismo 3MESSAGGI GIANNI MORANDI SCELTI DA GIORNALETTISMO 3
Altro che pazienza di Giobbe, da oggi sarà leggendaria la pazienza di Gianni Morandi.Rispondere con stile ai razzisti
Gad Lerner ‏@gadlernertweet 
Deridono Gianni Morandi per giustificare la loro indifferenza
Nichi Vendola ‏@NichiVendola  
Solo coloro che non hanno nessun sentimento di umanità di fronte a più grave tragedia umanitaria del dopoguerra possono insultare #Morandi
Nichi Vendola ‏@NichiVendola 
gianni morandi facebookGIANNI MORANDI FACEBOOK
Gli insulti a Gianni #Morandi sono il segno degli effetti veleno che viene inoculato dagli imprenditori della paura e dai razzisti in Italia
Beppe Beppetti ‏@BeppeBeppetti 
Comunque io sto con #Morandi.
Lucio Salis ‏@Luciosalis  
Migranti, Salvini attacca Morandi «Li accolga e paghi di tasca sua» ma se stiamo mantenendo voi ladroni da 25 anni, di che latri,magnaccia?
Vittorio Zucconi @vittoriozucconi ·
Anche il mite e ragionevole Gianni Morandi ha scoperto la furia del liquame d'odio che può esondare dalle fogne della Rete. #giannimorandi
Pinuccio @Pinucciotwit 
la comunicazione politica oggi. #scappiamo
Selvaggia Lucarelli @stanzaselvaggia 
Salvini, ecco un clandestino.
bimba immigrata affogata nel canale di siciliaBIMBA IMMIGRATA AFFOGATA NEL CANALE DI SICILIA
Selvaggia Lucarelli @stanzaselvaggia 
Ecco, quando parla di migranti la Boldrini riesci perfino ad amarla. #dimartedi
Antonio Polito @antoniopolito1 
Dicono che Salvini è uno squadrista, ma a rischiare le botte è sempre lui
Vittorio Zucconi @vittoriozucconi 
Preferivo il Salvini padano a questa sua nuova interpretazione da italiano. La vergogna era almeno geograficamente più circoscritta
gianni morandi facebookGIANNI MORANDI FACEBOOK
giuliano ferrara @ferrarailgrasso
A Livorno le ho prese, e di brutto, come a Bologna. Sono contro le aggressioni. Ma provo per il caro Salvini la Schadenfreude #confessione
Bruno Vespa @BrunoVespa 
Se non affondiamo le barche degli scafisti, le stragi non avranno mai fine.
Spinoza @spinozait
Sui social centinaia di italiani hanno gioito per la strage di migranti. Poi sono andati a messa. [CONTINUA su http://​www​.spinoza​.it ]
Daniela Santanchè @DSantanche
La Boldrini tutela gli scafisti perché sono dei disperati,io invece li voglio condannati al carcere perché vendono la morte
messaggi gianni morandi scelti da giornalettismo 2MESSAGGI GIANNI MORANDI SCELTI DA GIORNALETTISMO 2
Daniela Santanchè @DSantanche
#sbarchi solo affondando i barconi prima prima di farli partire è l'unica soluzione
Spinoza @spinozait 
Daniela Santanchè: “Dobbiamo affondare i barconi”. Altrimenti il merito se lo prende sempre il mare. [CONTINUA su http://​www​.spinoza​.it ]
Pinuccio @Pinucciotwit 
Berlusconi:Sono un obiettivo dell'Isis.quelli pensano veramente che stai con la nipote di Mubarak. hai visto cosa succede a dire le cazzate?
messaggi gianni morandi scelti da giornalettismo 1MESSAGGI GIANNI MORANDI SCELTI DA GIORNALETTISMO 1
Emiliano Liuzzi @EmilianoLiuzzi 
#alfano è terapeutico: lo ascolti e ti credi un grande statista #dimartedi
Emiliano Liuzzi @EmilianoLiuzzi
"Attacco a #Renzi". Che tradotto e' un democratico esercizio dell'opposizione
vladimir luxuria @vladiluxuria
L'ultima sparata di Adinolfi a Intelligonews: un gay e' come un alcolizzato! Neanche un ubriacone arriverebbe a tali livelli di delirio!
Filippo Facci @FilippoFacci1 
Per fare carriera o piazzata in bocca, protagonista di 1992 resta la patata.
vauxhall @vaux_hall
tea falco e miriam leoneTEA FALCO E MIRIAM LEONE
Forse Sky fa ancora in tempo a rilanciare 1992 col claim "da un'idea di Tea Falco". Mi pare l'unica via per fare un mezzo punto in più.
Fran Altomare @FranAltomare
naike rivelli e siria de fazioNAIKE RIVELLI E SIRIA DE FAZIO
Poco fa ho battuto la testa e mi è venuto fuori un monologo di Tea Falco. #1992LaSerie
Fulvio Abbate @fulvioabbate
Tutti a dir male di @teafalco, ma su #StefanoAccorsi, l'attore che affida la recitazione al collo rigonfio, neppure una parola? #1992LaSerie
Fran Altomare @FranAltomare
Comunque facciamo che la prossima volta che Stefano Accorsi ha un'idea proviamo a dissuaderlo tutti. #1992LaSerie
naike rivelli e siria de fazioNAIKE RIVELLI E SIRIA DE FAZIO
vauxhall @vaux_hall 
Sono sconvolto dallo scoop di Servizio Pubblico: l'accento romano della giornalista è uno scandalo che non può passare sotto silenzio
Fran Altomare @FranAltomare 
Cancellato il programma di Anna Tatangelo e Federico Moccia. Ora non ci resta che cancellare Anna Tatangelo e Federico Moccia. #AboutLove
Fran Altomare @FranAltomare 
È morto il cane di Paris Hilton. Chissà chi le scriverà ora i testi.
Fran Altomare @FranAltomare 
Kate Middleton sta per partorire. Come minimo, mi aspetto un collegamento di Studio Aperto già dal primo centimetro di dilatazione.
naike rivelli a casaNAIKE RIVELLICASA
Selvaggia Lucarelli @stanzaselvaggia 
I cattolici contro il divorzio breve: "in 6 mesi si può cancellare una famiglia." Con whatsapp succede in 6 secondi, comunque.
Vittorio Feltri @vfeltri 
Sono contro il matrimonio perché sono contro il divorzio, che costa troppo e comporta il rischio di sposarsi di nuovo, perpetuando i guai.
flavia vento a sabaudiaFLAVIA VENTO A SABAUDIA
Massimiliano Allegri @OfficialAllegri 
Siamo tutti in #semifiuuunale, un risultato che ripaga tutto il lavoro fatto in questi mesi. Siamo nelle quattro più forti d'Europa!
piero chiambretti @PChiambretti 
Se volete divertirvi andate al circo. Massimiliano Allegri.
naike rivelli @nayked3 
Back home! Casa dolce casa! Un piede nero, uno indossa Dior.. Il mio corpo è felice!
naike rivelli @nayked3 
Addio Barcellona.. Bienvenido Milan.. Mortà.. Che freddo!@siriadefazio
 siria de fazio
naike rivelli @nayked3 
Addio Barcellona! @siriadefazio
flavia vento a sabaudiaFLAVIA VENTO A SABAUDIA
Flavia vento‏@Flaviaventosole
Bagnoooooo
Flavia vento @Flaviaventosole 
Meglio magna'
Flavia vento @Flaviaventosole
E comunque non mi sembro così grassa taglia 44 come marylin Monroe
flavia vento a sabaudiaFLAVIA VENTO A SABAUDIA
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​2​/​m​e​d​i​a​_​e​_​t​v​/​g​i​a​n​n​i​-​m​o​r​a​n​d​i​-​t​w​i​t​-​s​t​a​r​-​g​i​o​r​n​o​-​s​a​l​v​i​n​i​-​s​e​-​c​o​s​-​a​t​t​e​n​t​o​-​9​9​1​6​1​.​h​t​m​?​u​t​m​_​s​o​u​r​c​e​=​o​u​t​b​r​a​i​n​&​a​m​p​;​u​t​m​_​m​e​d​i​u​m​=​w​i​d​g​e​t​&​a​m​p​;​u​t​m​_​c​a​m​p​a​i​g​n​=​o​b​c​l​ick
Share /​ Condividi:

Napoli, Iovino presenta 'Licio Gelli. Il burattinaio d'Italia': “Scrivere di lui è stato atto di coraggio”

Napoli, Iovino presenta 'Licio Gelli. Il burattinaio d'Italia': “Scrivere di lui è stato atto di coraggio”

L'autore: "Il libro raccoglie interviste fatte a villa wanda"

 

fonte ilVelino/​AGV NEWS

"Gelli mi ha sempre invitato a non scrivere questo libro, forse immaginando che non sarei stato benevolo nel giudizio sul suo operato come uomo politico, come capo della P2 e come protagonista della storia repubblicana". A parlare è Alessandro Iovino, autore del libro 'Licio Gelli. Il burattinaio d'Italia'(Graus editore). "Questo libro - ha raccontato - è una sorta di raccolta delle interviste a villa Wanda una del 2009 è una del 2010. È anche un saggio che ricostruisce la vicenda di Licio Gelli. Scrivere un libro su una figura come questa è sempre un atto di coraggio - ha aggiunto lo scrittore napoletano - soprattutto quando non se ne parla bene , perché anche se oggi ha 97 anni, è molto anziano, stanco ed affaticato, non possiamo sapere quale possa essere la sua reazione, visto che l'ho definito il 'burattinaio d'Italia', servendomi dell'appellativo che lui stesso si era dato in un'intervista al Maurizio Costanzo". Il libro, con la prefazione di Antonio Caldoro, già deputato socialista e storico esponente della prima Repubblica, è stato definito da Chris Brady, del New York Times Best Sellers Author: "Negli Stati Uniti questo libro sarebbe un caso editoriale. Meriterebbe di esserlo anche in Italia".

ùhttp://​www​.ilvelino​.it/​i​t​/​a​r​t​i​c​l​e​/​2​0​1​5​/​0​4​/​3​0​/​n​a​p​o​l​i​-​i​o​v​i​n​o​-​p​r​e​s​e​n​t​a​-​l​i​c​i​o​-​g​e​l​l​i​-​i​l​-​b​u​r​a​t​t​i​n​a​i​o​-​d​i​t​a​l​i​a​-​s​c​r​i​v​e​r​e​-​d​i​-​/​b​f​0​f​d​0​9​8​-​8​0​e​2​-​4​0​f​5​-​b​3​c​c​-​3​6​2​4​8​d​e​1​7​e​89/
Share /​ Condividi:

Antônio Abujamra

Antônio Abujamra

Antônio Abujamra (15 September 1932 – 28 April 2015) was a Braziliantheatre and television director and actor. Majored in journalism and philosophy at the Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul in 1957, he started a career as a theater critic while directed and acted his own plays for university theater. Professionally, he debuted as a theatre director in 1961, and as an actor in 1987, acting in both theatre and television.[1] In 1989, he became known nationally by his role as Ravengar in Rede Globo's telenovelaQue Rei Sou Eu?, which became his most known role.[2][3][4] In that same year, Abujamra won the Best Actor Award at the Gramado Film Festival for his role in the film Festa.[5] From 2000 onward, he was the presenter of TV Cultura's interview program Provocações.[1]

Selected filmography[edit]

References[edit]

  1. Jump up to:a <a href="http://en.wikipedia.org/wiki/Ant%C3%B4nio_Abujamra#cite_ref-cultural_1-1" style="background: none; color: #0b0080; text-decoration: none;">b Itaú Cultural. Retrieved March 6, 2014.
  2. Jump up^ Oliveira, Alysson (May 23, 2010). O mundo está cada vez mais feio", diz Antonio Abujamra" (in Portuguese). Universo Online. Retrieved March 6, 2014.
  3. Jump up^ Folha de S. Paulo (in Portuguese). Grupo Folha. May 2, 1994. Retrieved March 6, 2014.
  4. Jump up^ March 6, 2014.
  5. Jump up^ Gramado Film Festival. Archived from <a href="http://www.festivaldegramado.net/premiados" onclick="__gaTracker('send', 'event', 'outbound-​​article', 'http://​www​.festivaldegramado​.net/​p​r​e​m​i​a​dos', '. Retrieved July 25, 2014.\n\n\n\n\n\n\nAntônio Abujamra\n\n\n\nAntônio Abujamra in 2013\n\n\n\nBorn\n15 September 1932Ourinhos');" class="external text" rel="nofollow" style="background: linear-gradient(transparent, transparent) 100% 50% no-​​repeat, url(data:image/svg+xml,%3C%3Fxml%20version%3D%221.0%22%20encoding%3D%22UTF-8%22%3F%3E%3Csvg%20>. Retrieved July 25, 2014.

Antônio Abujamra
Antônio Abujamra - 2013 cropped 1.jpg
Antônio Abujamra in 2013
Born 15 September 1932
OurinhosBrazil
Died 28 April 2015 (aged 82)
São Paulo, Brazil
Occupation Director, actor
Years active 1961–2015
Children André Abujamra
http://en.wikipedia.org/wiki/Ant%C3%B4nio_Abujamra
Share /​ Condividi:

Louis Armstong backstage, New York 1954, photo by Carole Reiff

1

https://​www​.facebook​.com/​C​e​l​e​b​r​i​t​i​e​s​R​a​r​e​P​h​o​t​o​s​/​p​h​o​t​o​s​/​a​.​1​2​8​6​5​1​0​4​3​9​6​3​6​2​7​.​2​5​5​3​5​.​1​1​7​8​1​5​1​2​1​7​1​3​8​8​6​/​3​1​0​0​6​6​0​4​9​1​5​5​4​5​8​/​?​t​y​p​e​=​3​&​a​m​p​;​t​h​e​a​ter

Share /​ Condividi:

Marty Napoleon

Marty Napoleon

Marty Napoleon (June 2, 1921 – April 27, 2015) was an American jazz pianistborn in Brooklyn, New York, perhaps best known for having replaced Earl Hines in Louis Armstrong's All Stars in 1952. In 1946 he worked with Gene Krupa and went on to work with his uncle Phil Napoleon, a trumpeter, in Phil'sOriginal Memphis Five. In the 1950s he also worked with his brother Teddy Napoleon, a pianist, and from 1966–1971 he was performing with Louis Armstrong again.[1]
Napoleon lived at The Regency senior center, in Glen Cove, NY (Long Island).[2]

Select discography

    Bethlehem Records)
    Brunswick Records)
  • Louis Armstrong with Jack Pleiss' Orchestra (Decca Records)
    Savoy Records)
    With Carl Barry
    Brunswick Records)
With Herbie Fields
    RCA Victor Records)
With Teddy Reig
    Savoy Records)
With Allen Eager
    Savoy Records)
George Peri Drummer Leader

Notes[edit]

  1. Jump up^ Yanow, ScottAllmusic. Retrieved 29 April 2015.
  2. Jump up^ 
Marty Napoleon
Marty Napoleon.jpg
Left to right: Don Varella, Stan Johnson, Marty Napoleon, Fraser MacPherson. Penthouse, Vancouver, B.C. April 4, 1952. Photo courtesy of the Fraser MacPherson estate
Background information
Born June 2, 1921
Origin Brooklyn, New York
Died April 27, 2015 (aged 93)
Genres Jazz
Instruments Piano
Associated acts Louis Armstrong
Charlie Ventura
http://​en​.wikipedia​.org/​w​i​k​i​/​M​a​r​t​y​_​N​a​p​o​l​eon