[It's LIQUID News] Call for Artists: MORPHOS II - Exhibit in Venice!   .art news June 30, 2014     

[It's LIQUID News] Call for Artists: MORPHOS II - Exhibit in Venice!

It's LIQUID News

 
.art news
June 30, 2014
follow us follow us follow us
Morphos II

 
Call for Artists: MORPHOS II
International architecture, video-​​art, photography, installation and performing art festival
Deadline: July 05, 2014
 
It’s LIQUID Group, in collaboration with International ArtExpo, is selecting all interesting architecture projects, photo works, video/​short films, installations and performing art works to include in the next 2014 exhibition:
 
MORPHOS II, international festival of architecture, photography, video art, installation and performing art which will be held in the prestigious Palazzo Albrizzi in Venice (Italy), from the 11 to the 18 of July 2014. This will be the second event of the festival MORPHOS - Sustainable Empires, organized in Venice in the months between June and November 2014, in the same period of Architecture Biennale.
 
The main concepts of “MORPHOS II” are the unifying power of sustainable architecture and the relationship between the man and the city.
 
The exhibition will be curated by Arch. Luca Curci (Founder of LUCA CURCI ARCHITECTS and It’s LIQUID Group). The whole city of Venice is involved during the six months of the Architecture Biennale, hosting international investors, architects, designers, collateral art events, conferences and summits.
 
Architects/​designers are invited to take part in the festival submitting panels, video-​​architecture works, photos, installations and scale models, about the theme of sustainability. We imagine a future in which sustainable thinking will be the common ground of every cultures’ architecture expressions, and the hybridization of social and cultural realities will represent the new frontier of our lives. More details regarding the theme here: www​.itsliquid​.com/​m​o​r​p​h​o​s​-​a​r​c​h​i​t​e​c​t​u​r​e​-​v​e​n​i​c​e​-​2​0​1​4​.​h​tml
 
Artists, selecting in collaboration with International ArtExpo, are invited to submit their photo works, videos, installations and performing art pieces, following the theme of urban identities and hybridization between identities and urban settings in contemporary time. People, backgrounds, societies, progress and all their inputs creates hybrid identities, modifying each other and being mixed in prospect to shape a better world.
 
Deadline for applications is July 05, 2014
 
To take part in the selection, send your works’ submissions with a CV/​biography, videography and some still images (for video-​​art), pictures of your works via email to lucacurci@​lucacurci.​com or via mail to:
 
It’s LIQUID GroupCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari, Italy
 
The number of works you can submit is unlimited. The participation in the Festival requires an entry fee only for selected artworks. Participation open to: artists, architects and designers, associate groups and studios.


It’s LIQUID Group
c/​o Luca Curci Architects

Corso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari (Italy)

+39.0805234018
+39.3387574098
 

Share /​ Condividi:

[It's LIQUID News] Call for Artists: My Cities, Your Identities - Deadline is near!   .art news

[It's LIQUID News] Call for Artists: My Cities, Your Identities - Deadline is near!

It's LIQUID News

 
.art news
June 30, 2014
follow us follow us follow us
My cities

 

Call for Artists: My Cities, Your IdentitiesInternational video-​​art, photography, installation and performing art festival
Deadline: July 03, 2014
 
International ArtExpo is selecting all interesting photo works, video/​short films, installations and performing art works to include in the next 2014 exhibitions:
 
My Cities, Your Identities, international art festival of photography, video art, installation and performing art, will be held at BigCi – Bilpin international ground for Creative initiatives artist residency at Wollemi National Park, Australia, from the 18th to the 24th of July 2014.
 
The opening day will be Saturday 19th July 2014.
 
Among all the selected artists for the exhibition, will also be selected the winner of an art residency stay in BigCi, from the 14th to the 27th of July 2014.
 
My Cities, Your Identities explores the parallel relationship between cities’ transformations and identities’ evolution: modern metropolis are often the result of the compound of different cities and cultures, as it is for contemporary identities. During this borderless time we have the possibility to live and experience a constant hybridization among cities, bodies, societies, cultures and new technologies, which shapes and regenerates our individualities. Our whole being evolves as well as contemporary cultures and modern cities do.
 
The event is open to photography, video art, installation and performing art.
 
Deadline for applications is July 03, 2014
 
BigCi is an independent, artist run, not for profit micro artist residency program with a focus on supporting serious artists by facilitating their projects. Being “micro” means that it is flexible in the range of creative initiatives that interest them, personal in the way they work with individual artists, quick in making decisions, energetic in development and implementation of projects, open to multicultural and multidisciplinary collaborations. BigCi provides a ground for the professional development of artists from various fields, such as the Visual Arts, Performing Arts, Literature, Music, Photography, Film, and Hybrid Arts. Painters, sculptors, multimedia artists, performance artists, writers, musicians, filmmakers and other creative souls are invited to apply for the residency. In addition to the artist residency program, BigCi is available for a variety of events, performances, workshops, installations and exhibitions.
 
To take part in the selection, send your artworks’ submissions with a CV/​biography, videography and some still images (for video-​​art), pictures of your artworks via email to lucacurci@​lucacurci.​com or via mail to:
 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari, Italy
 
The number of works you can submit is unlimited. The participation in the International Art Festival requires an entry fee only for selected artworks. Participation open to: artists, architects and designers, associate groups and studios.
 
International ArtExpo is an art organization that provides a significant forum for cultural dialogue between all artists from different cultures and countries. ArtExpo is grateful to all of the institutions, corporations, and individuals who support our artistic projects. We work with a number of national and international galleries as well as publishers, museums, curators and critics from all over the world. We help artists through solo and group exhibitions, gallery representation, magazine reviews and advertisements, press releases, internet promotion, as well as various curatorial projects.
 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari (Italy)
+39.0805234018
+39.3387574098
lucacurci@​lucacurci.​com
www​.lucacurci​.com/​a​r​t​e​xpo
 
press officeIt’s LIQUID Group
 

 

Share /​ Condividi:

[International ArtExpo] Pixels of Identities - Istanbul - Tomorrow is the OPENING!        Pixels of

[International ArtExpo] Pixels of Identities - Istanbul - Tomorrow is the OPENING!

ArtExpoNews

 
follow us follow us follow us
Pixels Istanbul

 
Pixels of Identities - IstanbulInternational video-​​art, photography, installation and performing art festival
Opening: July 01, 2014
 
International ArtExpo, in collaboration with MIXER, is proud to announce the opening of Pixels of Identities – Istanbul, international art festival of photography, video art, installation and performing art, which will be held at MIXER gallery in Istanbul, from the 1st to the 10th of July 2014.
 
The opening of the event will be on July 01, 2014 at MIXER, starting from 07.00 PM (free entry).
 
organizer: International ArtExpo
curator: Luca Curci
project coordinators: Özge Çelikaslan, Mehmet Kahraman
press office: It’s LIQUID
 
venue: MIXER, Boğazkesen Cad. No:45 Bodrum Kat, Tophane/​İstanbul, Turkey
opening: July 01, 2014 starting from 07.00 PM
dates: from the 01 to the 10 of July 2014, from 11.00 AM to 07.00 PM, free entry
 
Pixels of Identities explores all the different facets of social, physical and cultural identities of our contemporary societies. Everyday we deal with a multitude of different identities and roles: we face the public life creating and adapting our social identities; our body and aesthetic tastes modify and are modified by our physical and sexual identities; our whole being evolves as well as contemporary cultures and modern cities do. Differences create new compounds and exchange possibilities.
 
The exhibition is curated by Arch. Luca Curci (Founder of LUCA CURCI ARCHITECTS and It’s LIQUID Group).
 
MIXER is an art platform that brings a different interpretation to the idea of modern art space, whilst discovering emerging artists and making unique artworks accessible to all. Mixer especially aims to target independent artists, those passionate about art and any bourgeoning collectors looking to start up a collection of their own.
 
.video artC. Ryder Cooley & Bart Woodstrup . USA | Allison Kotzig . USA | Mar Garrido . Spain | Maggie Van Der Toorn . Italy | Blanca Giménez . Spain | Nina Athanasiou . Germany | Toni Simò . Spain | Jesús Segura . Spain | Kate MacDonald . Canada | Mario F. Londoño . Argentina | George Rosolymos & Maria Papadaki . Greece | Celia Wickham . UK | Eva Marathaki . Greece | Jean-​​René Leblanc . Canada | Kübra Isikli . Turkey | Zach Zecha . USA | Meng-​​Chin Huang . Taiwan | Giacomo Cardoni . Italy | Laurence Gartel . USA | Collective Another Thought . The Netherlands | Filippo Martelli . Italy | Ester Eva Damen & Suzan Tunca . Holland | Alessio de Girolamo . Italy | Miklos Veszpremi . UK | Santiago Escobar-​​Jaramillo . Colombia | Larissa Araz . Turkey | Francesca Oldfield . UK | Raffaella Menchetti & Andrea Isakovic’ . Italy
 
.photographyAli Berrada . Morocco | Sofia Venturini del Greco . Italy | Elodie Abergel . France | Maryam Rezaei . USA | Malgorzata Basinska . Norway | Maher Kouraytem . Lebanon | Gizem Karayavuz . Turkey | Julia Moral . Spain | Fabien Jakob . Switzerland | Neslihan Koyuncu . Turkey  | Nancy Oliveri . USA | Enrico Prenna . Italy | Walter Brovia . Argentina | Ante Kustre . Croatia | Larissa Araz . Turkey | Lueder Schruff . Germany | Serap Sabah . Turkey | Amar A. Zahr . Lebanon
 
.performing art (on July 1st, 2014)AslieMK . Turkey | Hilan Bensusan & Aharon . UK | Carla Paiolo . Italy | Hakan Dagdelen . Turkey | Marizelda S. Eggertsson . USA (on July 5th, 2014)
 
Visitors information: invite your friends and art lovers to the show. PIXELS EXHIBITION IS FREE ENTRY.
 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari (Italy)
+39.0805234018
+39.3387574098
lucacurci@​lucacurci.​com
www​.lucacurci​.com/​a​r​t​e​xpo
 
press officeIt’s LIQUID Group

 

Share /​ Condividi:

[International ArtExpo] Call for artists: Fragments of cities - Venice - SUBMIT your WORKS       

[International ArtExpo] Call for artists: Fragments of cities - Venice - SUBMIT your WORKS

ArtExpoNews

 
follow us follow us follow us
Fragments Venice

 
Call for artists: Fragments of cities – VeniceInternational exhibition of video-​​art, photography, installation and performing art 
Deadline: July 05, 2014
 
International ArtExpo is selecting all interesting photo works, video/​short films, installations and performing art works to include in the next 2014 exhibition:
 
Fragments of cities – Venice, international video-​​art, photography, installation and performing art festival which will be held in the prestigious Palazzo Albrizzi in Venice (Italy), from the 11 to the 18 of July 2014. "Fragments of cities" will be part of  MORPHOS festival, organized in Venice in the months between June and November 2014, in the same period of Architecture Biennale.
 
Artists, photographers and video makers are invited to submit photos, video-​​art, installations and performing art works, which explore all the different facets of social, physical, cultural and urban identities of our contemporary societies. Everyday we deal with a multitude of different identities and roles: we face the public life creating and adapting our social identities; our body and aesthetic tastes modify and are modified by our physical and sexual identities; our whole being evolves as well as contemporary cultures and modern cities do. Differences create new compounds and exchange possibilities.
 
Deadline for applications is July 05, 2014
 
The exhibition will be curated by Arch. Luca Curci (Founder of LUCA CURCI ARCHITECTS and It’s LIQUID Group). The whole city of Venice will be involved during the six months of the Architecture Biennale, hosting international investors, architects, designers, collateral art events, conferences and summits.
 
Palazzo Albrizzi is one of the Venetian aristocracy’s palaces, situated in Cannaregio 4118, near Campo San Paolo. Constructed by the famous Capello family, in the 18th century the Palazzo passed into the hands of the Albrizzi family. The palace is the headquarter of ACIT Venezia, one of the most important Italian-​​German cultural association, and has often been collateral venue of Venice Biennale.
 
Submit your works for free. Become one of the selected artists to be involved in this amazing exhibition in Venice!
 
Deadline for applications is July 05, 2014
 
To take part in the selection, ssend your works’ submissions with a CV/​biography and some still images (for video-​​art), pictures of your works via email to lucacurci@​lucacurci.​com or via mail to:

 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari, Italy
 
The number of works you can submit is unlimited. The participation in the festival requires an entry fee only for selected artworks. Participation open to: artists, architects and designers, associate groups and studios.
 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari (Italy)
+39.0805234018
+39.3387574098
lucacurci@​lucacurci.​com
www​.lucacurci​.com/​a​r​t​e​xpo
 
press officeIt’s LIQUID Group

 

  

Share /​ Condividi:

[It's LIQUID News] OPENING: Pixels of Identities - Istanbul - SEE YOU TOMORROW   .art news June 30,

[It's LIQUID News] OPENING: Pixels of Identities - Istanbul - SEE YOU TOMORROW

It's LIQUID News

 
.art news
June 30, 2014
follow us follow us follow us
Pixels Istanbul

 

Pixels of Identities - IstanbulInternational video-​​art, photography, installation and performing art festival
Opening: July 01, 2014
 
International ArtExpo, in collaboration with MIXER, is proud to announce the opening of Pixels of Identities – Istanbul, international art festival of photography, video art, installation and performing art, which will be held at MIXER gallery in Istanbul, from the 1st to the 10th of July 2014.
 
The opening of the event will be on July 01, 2014 at MIXER, starting from 07.00 PM (free entry).
 
organizer: International ArtExpo
curator: Luca Curci
project coordinators: Özge Çelikaslan, Mehmet Kahraman
press office: It’s LIQUID
 
venue: MIXER, Boğazkesen Cad. No:45 Bodrum Kat, Tophane/​İstanbul, Turkey
opening: July 01, 2014 starting from 07.00 PM
dates: from the 01 to the 10 of July 2014, from 11.00 AM to 07.00 PM, free entry
 
Pixels of Identities explores all the different facets of social, physical and cultural identities of our contemporary societies. Everyday we deal with a multitude of different identities and roles: we face the public life creating and adapting our social identities; our body and aesthetic tastes modify and are modified by our physical and sexual identities; our whole being evolves as well as contemporary cultures and modern cities do. Differences create new compounds and exchange possibilities.
 
The exhibition is curated by Arch. Luca Curci (Founder of LUCA CURCI ARCHITECTS and It’s LIQUID Group).
 
MIXER is an art platform that brings a different interpretation to the idea of modern art space, whilst discovering emerging artists and making unique artworks accessible to all. Mixer especially aims to target independent artists, those passionate about art and any bourgeoning collectors looking to start up a collection of their own.
 
.video artC. Ryder Cooley & Bart Woodstrup . USA | Allison Kotzig . USA | Mar Garrido . Spain | Maggie Van Der Toorn . Italy | Blanca Giménez . Spain | Nina Athanasiou . Germany | Toni Simò . Spain | Jesús Segura . Spain | Kate MacDonald . Canada | Mario F. Londoño . Argentina | George Rosolymos & Maria Papadaki . Greece | Celia Wickham . UK | Eva Marathaki . Greece | Jean-​​René Leblanc . Canada | Kübra Isikli . Turkey | Zach Zecha . USA | Meng-​​Chin Huang . Taiwan | Giacomo Cardoni . Italy | Laurence Gartel . USA | Collective Another Thought . The Netherlands | Filippo Martelli . Italy | Ester Eva Damen & Suzan Tunca . Holland | Alessio de Girolamo . Italy | Miklos Veszpremi . UK | Santiago Escobar-​​Jaramillo . Colombia | Larissa Araz . Turkey | Francesca Oldfield . UK | Raffaella Menchetti & Andrea Isakovic’ . Italy
 
.photographyAli Berrada . Morocco | Sofia Venturini del Greco . Italy | Elodie Abergel . France | Maryam Rezaei . USA | Malgorzata Basinska . Norway | Maher Kouraytem . Lebanon | Gizem Karayavuz . Turkey | Julia Moral . Spain | Fabien Jakob . Switzerland | Neslihan Koyuncu . Turkey  | Nancy Oliveri . USA | Enrico Prenna . Italy | Walter Brovia . Argentina | Ante Kustre . Croatia | Larissa Araz . Turkey | Lueder Schruff . Germany | Serap Sabah . Turkey | Amar A. Zahr . Lebanon
 
.performing art (on July 1st, 2014)AslieMK . Turkey | Hilan Bensusan & Aharon . UK | Carla Paiolo . Italy | Hakan Dagdelen . Turkey | Marizelda S. Eggertsson . USA (on July 5th, 2014)
 
Visitors information: invite your friends and art lovers to the show. PIXELS EXHIBITION IS FREE ENTRY.
 
International ArtExpoCorso Vittorio Emanuele II, 33
70122 Bari (Italy)
+39.0805234018
+39.3387574098
lucacurci@​lucacurci.​com
www​.lucacurci​.com/​a​r​t​e​xpo
 
press officeIt’s LIQUID Group
 

Share /​ Condividi:

Le dieci multinazionali più pericolose del mondo: svelati reati, segreti e intrecciby Antonio


Le dieci multinazionali più pericolose del mondo: svelati reati, segreti e intrecci

Le dieci multinazionali più pericolose del mondo: svelati reati, segreti e intrecci

by Antonio Merolla

Franco Fracassi, uno dei migliori inchiestisti d’Italia, ha riportato l’elenco delle 10 multinazionali più pericolose al mondo, svelandone reati, intrecci e segreti: “Inquinamento dei fiumi e dei mari, finanziamento di guerre e guerriglie, distruzione di terre coltivabili, influenza sulle organizzazioni internazionali per non far approvare trattati o per far modificare leggi e regolamenti, sperimentazione su animali, sfruttamento del lavoro, anche minorile, massiccia deforestazione, uso e diffusione di prodotti transgenici.  Sono tante le multinazionali che violano leggi, commettono crimini e inquinano impunemente il pianeta. La rivista ecologista spagnola “Ecocosas” ha stilato una lista nera delle dieci multinazionali più pericolose al mondo. Eccola. 1. Chevron Sono diverse la grandi compagnie petrolifere che starebbero in questa lista, ma la Chevron merita un posto d’eccezione. Tra il 1972 e il 1993 la Chevron (allora Texaco) ha riversato 18 miliardi di galloni di acqua tossica nei boschi tropicali dell’Ecuador senza intervenire minimamente, distruggendo i mezzi di sussistenza degli agricoltori locali e facendo ammalare le popolazioni indigene. Nel 1998 la Chevron ha contaminato anche gli Stati Uniti, la città di Richmond (California) ha querelato la compagnia per smaltimento illegale di sostanze inquinanti senza aver effettuato il trattamento delle acque reflue, contaminando così le forniture di acqua. Lo stesso è accaduto nello New Hampshire nel 2003. La Chevron è stata responsabile della morte di diversi nigeriani che hanno protestato contro l’impresa per la sua presenza e per lo sfruttamento del delta nigeriano. La compagnia ha pagato la milizia locale conosciuta per i suoi abusi contro i diritti umani, per mettere a tacere le proteste, fornendo loro perfino elicotteri e barche. I militari aprirono il fuoco contro i manifestanti, e rasero poi al suolo i loro villaggi. 2. De Beers Questa impresa non bada a spese, e finanzia, appoggia e crea autentiche guerriglie e dittature del terrore per poter continuare a ottenere, attraverso lo sfruttamento di bambini e adulti, la pietra preziosa​.In Botswana, De Beers è stata accusata per la “pulizia” delle terre da cui estrae i diamanti, e per il trasferimento forzato dei popoli indigeni che vivevano li da migliaia di anni. Pare che il governo abbia tagliato le forniture d’acqua, minacciato, torturato e impiccato pubblicamente i dissidenti. Per non parlare della sua quasi totale assenza di responsabilità verso l’ambiente, degli inesistenti diritti dei lavoratori, delle vite umane, e delle sue campagne sudice e maschiliste. 3. Philip Morris Philip Morris è il più grande produttore di sigarette degli Stati Uniti e del mondo. È ormai noto che le sigarette causano cancro nei fumatori, e difetti di nascita nei bambini di madri che fumano durante la gravidanza. Il fumo di sigaretta contiene 43 cancerogeni conosciuti e più di 4.000 sostanze chimiche, incluso il monossido di carbonio, la formaldeide, il cianuro di idrogeno, l’ammoniaca, la nicotina e l’arsenico. La nicotina, sostanza chimica che costituisce il principale elemento psicoattivo nel tabacco, da dipendenza psicologica. Fumare aumenta la pressione arteriosa, danneggia il sistema nervoso centrale e la costrizione dei vasi sanguigni. Le cicche di sigarette sono uno dei principali inquinanti che i fumatori buttano via quotidianamente e sono lenti a degradarsi. Molti di questi filtri si fanno strada nel terreno o nell’acqua, dove i loro componenti chimici si comportano come vere sanguisughe. Il tabacco contamina la terra con gli estesi ettari di monocoltura, cosparsi quotidianamente con agrotossici, e anche la sua produzione industriale inquina (si utilizzano, infatti, enormi quantità di carta, cotone, cartone, metallo, combustibili …), il suo consumo inquina l’atmosfera, danneggia chi le compra e chi sta loro vicino. Le sue cicche impiegano anni a degradarsi disperdendo nel terreno e nell’acqua un’enorme quantità di sostanze tossiche. 4. Coca-​​Cola La bevanda preferita del mondo o “il latte del capitalismo”, accumula querele e sanzioni in diversi paesi a causa delle gravi contaminazioni, delle cattive pratiche lavorative e per l’uso di acque non autorizzate. Nella fase di produzione, la compagnia utilizza quasi tre litri di acqua per ogni litro di prodotto finito. Le acque di scarto sono costituite da sostanze inquinanti che la multinazionale deposita in luoghi protetti, come accadde in Colombia, situazione per la quale fu multata nell’agosto scorso dalla Segreteria Regionale per l’Ambiente del municipio di Bogotá. È stato dimostrato che la compagnia aveva scaricato acque residuali nell’Humedal de Capellanía, nella zona di Fontibón. Il fatto è considerato un attentato contro un’area di speciale importanza e protezione ecologica. Il processo di inquinamento dell’Humedal de Capellanía iniziò con la scadenza del permesso di riversamento concesso alla multinazionale per cinque anni e con la non autorizzazione della Segreteria per l’Ambiente a rinnovare tale permesso. Successivamente, grazie a dei sopralluoghi tecnici, è stato verificato lo stato della rete fognaria di Coca-​​Cola e la realizzazione di discariche industriali, chiaramente non autorizzate. Una situazione molto simile si è verificata in India nel 2005, dove un migliaio di manifestanti hanno marciato per chiedere la chiusura dello stabilimento vicino Varanasi. Denunciavano che tutte le comunità vicine agli stabilimenti di imbottigliamento Coca-​​Cola stessero subendo l’espropriazione delle loro terre e l’inquinamento delle falde acquifere. Analisi tossicologiche hanno dimostrato la presenza di alte percentuali di pesticidi vietati come il DDT e, da “buoni vicini”, hanno distribuito i loro scarichi industriali ai contadini di Mehdigani dicendo che sarebbero serviti da “concime”. Il risultato è che oggi quei suoli sono sterili. Come se non bastasse, la bevanda in questione, oltre a consumare acqua in eccesso, non apporta nessun elemento nutritivo, anzi, contiene alte concentrazioni di zucchero, uno dei fattori che maggiormente contribuisce all’obesità che colpisce sempre di più le popolazioni dei paesi in via di sviluppo, generando inoltre, problemi dentali. L’effetto dissetante è dato dall’acido fosforico. Inoltre, la Coca-​​Cola è stata espulsa da diverse università (Atlanta, Toronto, California, Irlanda, Berlino); le bottiglie di plastica di Coca-​​Cola non sono di materiale riciclato, ma di plastica vergine; guida potenti gruppi di potere, si è opposta al trattato di Kyoto attraverso le sue lobby US Council for International Business e la Business Round Table, è riuscita a far modificare regolamenti nell’Unione Europea attraverso l’American Chamber of Commerce, è la fondatrice dell’International Life Science Institute che influenza molto la Fao e la Oms; la Coca-​​Cola contiene prodotti transgenici. La prossima volta che compri una bevanda, ricorda l’inquinamento degli Humedales, l’uso non autorizzato di acque sotterranee, la violenza ecc. 5. Pfizer Come se la massiccia sperimentazione su animali non fosse già abbastanza straziante, Pfizer ha deciso di utilizzare i bambini nigeriani come fossero porcellini d’India. Nel 1996 la casa farmaceutica andò a Kano, in Nigeria, a testare un antibiotico sperimentale nel terzo mondo, per combattere malattie come il morbillo, il colera e la meningite batterica. Diedero trovafloxacina a circa 200 bambini. Decine di loro morirono nell’esperimento, mentre molti altri svilupparono malformazioni fisiche e menomazioni mentali. Pfizer può vantarsi anche di essere tra le prime dieci compagnie statunitensi responsabili dell’inquinamento atmosferico. Per non parlare degli incentivi milionari che fornisce ai medici e ai governi affinché prescrivano i suoi “farmaci”. 6. McDonald’s Ogni anno migliaia di bambini consumano il fast food (“cibo veloce”) di un’impresa responsabile della deforestazione dei boschi, dello sfruttamento dei lavoratori, e della morte di milioni di animali: McDonald’s. Strategie di marketing abilmente architettate hanno permesso l’espansione di McDonald’s in 40 paesi, dove l’empatica immagine di Ronald McDonald e il suo Happy Meal, vende ai bambini il gusto per il cibo rapido, associandolo a un’idea di allegria. Questa pubblicità ha avuto un grande successo in diverse parti del mondo, contribuendo agli alti tassi di obesità infantile. L’alimentazione che propone questa impresa è totalmente carente di sostanze nutrienti. Inoltre, questo cibo è conosciuto in tutto il mondo come “cibo spazzatura”, e non è un caso che riceva questo nome. Gli hamburger e i “nuggets” offerti da McDonald’s provengono da animali mantenuti in condizioni artificiali per tutta la loro vita: privati di aria libera e luce solare, vengono ammucchiati al punto da non poter allungare le zampe o le ali (nel caso dei polli), rimpinzati di ormoni per accelerare la crescita e di antibiotici per arrestare le molteplici infezioni alle quali sono esposti a causa delle insalubri condizioni che genera il sovraffollamento. I polli vengono fatti ingrassare al punto che le zampe non sono più in grado di reggere il loro peso. Per la concessione del franchising, McDonald’s acquista a basso prezzo terreni che prima ospitavano boschi tropicali e li deforesta per consacrarli all’allevamento. Offre salari minimi ai suoi dipendenti, approfittando delle minoranze etniche e assumendo minori. I prodotti di McDonald’s, con il loro alto contenuto di grassi, zuccheri e sale, contribuiscono al sovrappeso dei bambini, alla resistenza all’insulina e al conseguente Diabete di Tipo 2. Ah, vi avevo detto che è stata una delle finanziatrici della campagna di George W. Bush? 7. Nestlé Neslté e la sua enorme distesa di crimini contro l’uomo e la natura, come la massiccia deforestazione nel Borneo – l’habitat degli orango è stato seriamente compromesso – per coltivare la palma da olio, l’acquisto di latte dalle fattorie confiscate illegalmente da un despota in Zimbabwe. La Nestlé iniziò a provocare gli ambientalisti con le sue ridicole affermazioni che l’acqua imbottigliata è “ecologica”, da li in poi la sua sinistra rete di controllo e distruzione è andata dipanandosi. Nestlé ha condotto campagne a livello mondiale per convincere le madri dei paesi in via di sviluppo a utilizzare il suo latte per neonati al posto del latte materno, senza fornire le informazioni sui possibili effetti negativi. Pare che Nestlé abbia assunto donne vestite da infermiere per portare gratuitamente il latte in polvere in questi paesi, latte che viene spesso mischiato con acqua contaminata. I mezzi di informazione non hanno parlato dei bambini morti di fame perché, una volta finito il latte, le loro madri non potevano permettersi di comprarne altro. 8. British Petroleum Chi potrebbe dimenticare l’esplosione, nel 2010, di una piattaforma petrolifera nella costa del Golfo del Messico, che causò 11 morti oltre alle migliaia di uccelli, tartarughe marine, delfini e altri animali, distruggendo la pesca e l’industria del turismo della regione? Questo non è stato il primo crimine contro la natura commesso dalla Bp. Tra gennaio del 1997 e marzo del 1998, Bp ha provocato la bellezza di 104 fuoriuscite di petrolio. Tredici lavoratori della squadra di perforazione morirono nel 1965 durante un’esplosione, 15 in un’esplosione nel 2005. Ancora nel 2005, un traghetto che trasportava lavoratori della compagnia, naufragò provocando la morte di 16 di loro. Nel 1991, la Epa (Agenzia ambientale degli stati Uniti) menzionò la Bp come l’impresa più inquinante degli Stati Uniti. Nel 1999 la compagnia fu accusata di uso illegale di sostanze tossiche in Alaska, poi, nel 2010, di aver immesso pericolosi veleni nell’aria, in Texas. Nel luglio 2006 gli agricoltori colombiani ottennero un accordo con la Bp dopo averla accusata di ricorrere a un regime di terrore portato avanti dai paramilitari del governo colombiano che proteggevano l’oleodotto di Ocensa. Non c’è modo di far agire correttamente la Bp. 9. Monsanto Monsanto, è l’impresa che ha creato e sostiene gli alimenti geneticamente modificati, gli ormoni della crescita per i bovini, l’avvelenamento con prodotti agrotossici. La lista di Monsanto include: la creazione dei semi “suicidi” (Terminator), brevettati allo scopo di generare piante che non producono semi, costringendo così gli agricoltori a ricomprarli ogni anno; l’istituzione di lobby che etichettino con la dicitura “libero da ormoni” il latte e il latte artificiale per neonati (questa dicitura si trova anche se il bovino ha ingerito ormoni della crescita, un comprovato agente cancerogeno); così come un’ampia gamma di violazioni ambientali e della salute umana associate all’uso dei veleni Monsanto – soprattutto l’Agente Arancio. Tra il 1965 e il 1972 la Monsanto ha riversato illegalmente tonnellate di residui altamente tossici nelle discariche del Regno Unito. Secondo l’Agenzia per l’Ambiente, trent’anni dopo, i prodotti chimici stavano ancora contaminando le falde acquifere e l’aria. Monsanto è nota per aggredire i propri agricoltori che invece afferma di “sostenere”, come quando denunciò un agricoltore facendolo incarcerare per aver conservato i semi del raccolto di una stagione per piantarli la stagione seguente. 10. Vale La miniera Vale, transnazionale brasiliana presente in 38 paesi, è la più grande impresa di sfruttamento di minerali dell’America Latina e la seconda a livello mondiale. Tra i vari meriti, spicca quello di aver partecipato allo sviluppo della centrale idroelettrica di Belo Monte, situata ad Altamira, in Brasile. Il progetto, infatti, ha colpito il fiume Xingú, la principale fonte di sostentamento della regione, causando un drastico cambiamento nel paesaggio amazzonico e nella vita di migliaia di popolazioni che vivono lungo le sponde di uno dei principali fiumi del Brasile. A Carajás, nella regione brasiliana di Pará, numerose famiglie sono state sgomberate, hanno perso le loro case e ognuno ha qualche parente morto a causa della costruzione della linea ferroviaria realizzata dall’impresa, denunciata anche per le pessime remunerazioni e condizioni di lavoro dei propri impiegati. Le conseguenze del modo di agire della miniera non si limitano solo al Brasile. Nella regione di Tete, in Mozambico, un’intera popolazione è stata cacciata dalla sua terra affinché l’impresa potesse portare avanti lo sfruttamento del carbone. In cambio l’impresa ha costruito un insediamento in cui le case e i servizi pubblici non sono sufficienti a garantire le condizioni basilari per lo sviluppo della popolazione. Esistono purtroppo molte altre corporazioni che si sono guadagnate tutto il diritto di essere presenti in questa lista, come la Samsung, la Tepco, Barclays, Microsoft, Intel, Sony. Ma questo ve lo racconteremo la prossima volta. Fonte 

http://​www​.losai​.eu/​d​i​e​c​i​-​m​u​l​t​i​n​a​z​i​o​n​a​l​i​-​p​e​r​i​c​o​l​o​s​e​-​m​o​n​d​o​-​s​v​e​l​a​t​i​-​r​e​a​t​i​-​s​e​g​r​e​t​i​-​i​n​t​r​e​c​c​i​/​#​s​t​h​a​s​h​.​X​V​5​r​9​D​s​W​.​d​puf

Share /​ Condividi:

Come venne insabbiato l’esperimento che dimostrava il Geocentrismoby Daniele Di Luciano La Fisica,


Come venne insabbiato l’esperimento che dimostrava il Geocentrismo

Come venne insabbiato l’esperimento che dimostrava il Geocentrismo

by Daniele Di Luciano

La Fisica, il Geocentrismo e la Bibbia.
In questo breve articolo faremo degli accenni di astronomia, di fisica e di cattolicesimo. Si potrà non concordare, alcune voci si leveranno, ma una cosa è certa: chi ama la verità, non dovrebbe adagiarsi così semplicemente sulla parola dell’ uomo: la Terra come mero “granello di polvere” del tutto marginale in un oceano di semi-​​infiniti pianeti e Soli più importanti di lei, è un non senso logico, in contrasto con la Verità Rivelata.
Il punto di volta del discorso è però di univoca importanza e lo puntualizziamo fin d’ora: la nostra cultura scientifica si basa sulla Fisica Classica che si è venuta a comporre nei secoli grazie ad uno studio accurato della natura. La Fisica Classica funziona bene e spiega a dovere le leggi del nostro quotidiano. Questa fisica tradizionale dimostra, dati alla mano, che la Terra non gira intorno al Sole come ci viene ripetuto da secoli, ma che è pressochè immobile nello spazio pur ruotando sul suo asse.
La scoperta clamorosa del geocentrismo, nell’istante in cui venne divulgata, gettò nell’ empasse il mondo accademico, che per uscirne non potè fare altro che fondare, ex novo, una “Nuova Fisica”, con delle nuove leggi, dei nuovi dogmi, pur mantendo inalterati quelli classici, impossibili da obnubilare e ancora oggi le cose permangono così: la Fisica Classica dimostra il geocentrismo, la Nuova Fisica invece insegna, con una reinterpretazione paradossale dei dati scoperti, l’eliocentrismo, ma alla fine, solo come filosofia imposta.
Ma entriamo nei particolari.
Nel 1887, Albert Abhram Michelson, ed Edward Morley effettuarono uno degli esperimenti più eclatanti della storia della fisica, un esperimento che avrebbe lasciato il segno. Nel 1924 a seguito di un nuovo esperimento si fornirono evidenze incontrovertibili: ci si trovava innanzi ad una scoperta che avrebbe rivoluzionato la società umana. Ma la scienza non contempla nei suoi dogmi il fattore Dio…
Michelson nel 1907 ricevette il Nobel per il primo esperimento, ma la notorietà acquisita non bastò ad evitare che quello del 1924, finisse, piano piano, nell’oblio…
In sintesi, l’esperimento del 1887 consistette nella misura, per mezzo di un interferometro progettato dallo stesso Michelson, delle frange di interferenza di due raggi di luce misurati prima in direzione del movimento rotorivoluente della Terra e poi in direzione contraria.
L’esperimento si prefiggeva di misurare la “composizione” (addizione o sottrazione) della velocità della luce nell’etere con la velocità dell’osservatore.
La meccanica razionale, la classica relatività Galileiana, ci dice infatti che le velocità degli oggetti in movimento si sommano e si sottraggono a seconda del caso.
Un esempio : se da un treno in corsa a 30 Km/​h lanciamo dal finestrino un’oggetto con velocità pari a 20 km/​h in direzione del moto, le 2 velocità treno+oggetto andranno a sommarsi e l’oggetto, prima di perdere velocità, viaggerà a 50 km/​h. L’oggetto lanciato invece in direzione contraria al moto del treno, raggiungerà in sottrazione la velocità di soli 10 km/​h.
Michelson e Morley, seguirono il medesimo principio e lo utilizzarono con gli oggetti più veloci conosciuti: la Terra e un raggio di luce.
La luce possiede una velocità misurabile e quantificabile in circa 300.000 Km/​s, mentre il nostro pianeta nel suo presunto moto orbitale, di circa 30 km/​s.
Tra la composizione e la sottrazione delle due velocità, Terra/​raggio, si sarebbe sempre dovuto riscontrare un chiaro scarto di 30 Km/​s, ma il risultato fu invece sempre quasi nullo: da un quarantesimo ad un centesimo di ciò che faceva prevedere il calcolo. Il raggio viaggiava cioè sempre a 300.000Km/s senza sommarsi alla velocità della Terra.
Se il raggio era chiaramente “partito” e in moto, non si poteva più dire altrettanto della Terra che risultava immobile.
10+10 deve risultare 20. Da questa lapalissiana evidenza, non si sfugge.
La comunità scientifica alla notizia dei dati forniti rimase atterrita, sconvolta, ammutolita… La scienza non può, per costituzione, inserire tra le sue leggi il “fattore Dio”, e accettare le evidenze sperimentali sarebbe equivalso a farlo.
Il dottor Nourissat spiega: “Questa soluzione semplice-​​ il geocentrismo-​​ fu rifiutata per ragioni filosofiche: l’opinione sapiente dell’epoca si rifiutava di concepire l’intervento di un Essere intelligente che, a dispetto del “caso”, avrebbe disposto la nostra terra in un luogo privilegiato dell’universo; non si voleva tornare sull’idea di Creazione.
Si tentò subito di mettere in dubbio l’esperimento. Esso era stato perfezionato da Michelson e Morley dal 1881 al 1887; fu ripetuto da Morley e Miller nel 1904 e nel 1905; poi solo da Miller nel 1921. Piccard, un belga, lo ripetè a 2500m di altezza nel 1926. Fu ripreso all’università di Nizza, al laser, nel 1977.
Il risultato fu sempre confermato: la velocità assoluta dell’osservatore terrestre non può che essere molto più piccola di 30Km/​sec. Si cercarono dunque altre interpretazioni”(1)
Si doveva quindi trovare un altra soluzione: nel 1892 Fitzgerald, immaginò una dilatazione materiale (!) dei bracci dell’interferometro sotto la pressione delle velocità. Nel 1904, Lorentz, un olandese, propose al contrario una contrazione (!)…
Nel 1905, giunse sul palcoscenico Albert Einstein che propose una delle teorie più paradossali mai viste nella storia della fisica. Il paradosso consisteva in questo: i dati dimostrano A, ma A è impossibile per definizione (!) quindi A deve assolutamente diventare B: per eseguir un tal gioco di prestigio ci vogliono il bastone e il cappello del prestigiatore e… un po’ di magia. Fu la nascita della relatività ristretta.
“Einstein dichiarò…che l’etere non esisteva (2), ma in ogni caso la teoria di Einstein fu adottata dalla maggioranza degli studiosi e l’esperimento di Michelson cessò di fare problema. L’opinione sapiente accettò poco a poco questo postulato; bisognò dunque abbandonare l’idea di un mezzo reale, supporto delle onde luminose (l’etere) per giustificare questa strana costanza della velocità della luce, quale che sia la velocità propria dell’osservatore. Da ciò una doppia difficoltà: la luce, pensata come un’ “onda”, si propagherebbe senza mezzo vibrante; essa diviene come un’onda senz’acqua, o un suono senz’aria, pura entità matematica per i calcoli del fisico allorché i fenomeni luminosi sono ben reali: effetto fotoelettrico, fotosintesi della clorofilla, ecc… la luce, pensata come “corpuscolo” (il fotone) non obbedisce alle leggi della meccanica dei corpi. Così la velocità di un aereo da caccia si aggiunge alla velocità della palla del mitragliatore all’uscita dal cannone (ma si sa d’altronde che la velocità della luce è indipendente dalla velocità della sorgente). Orbene, il raggio della luce che attraversa un vetro è rallentato dal vetro che è più rifrangente dell’aria, ma riprende subito la sua velocità dall’altra parte del vetro (da dove gli viene l’energia necessaria per questa accelerazione?).
La sola ragione d’essere di questi paradossi, come delle acrobazie mentali incorporate alla Teoria della Relatività (contrazione delle lunghezze, allungamento del tempo con la velocità, etc…) risiede nell’esperimento di Michelson-​​Morley: inattaccabile nella sua realizzazione, ma “bisognava” a tutti i costi interpretarlo senza rinunciare all’eliocentrismo.”(3)
Quello di Einstein fu un escamotage matematico che piegava platealmente i dati così da poter riconfermare l’elicoentrismo; ne conseguì una visione e una distorsione paradossale del mondo, perchè se si manipolano dati reali anche la realtà ne viene intaccata. Da qui i famosi paradossi dei gemelli, delle distorsioni temporali, della materia che si accorcia etc etc.
Senza voler entrare in “matematismi”, poiché con la matematica si può dimostrare tutto e il contrario di tutto, si disse che alla luce, promossa a costante assoluta ed universale, non si dovevano più sommare altre velocità e la formula congegnata, un vero gioiello di semasiologia applicata, “taglia”, in sintesi, tutto ciò che può superare il valore del vettore C, la luce, che è come dire che 10+10 può risultare 20 ma, a seconda del caso, può risultare anche 10 (!) specialmente se si deve dimostrare che la Terra è un indegno granello di polvere che, in salsa “darwinista” vaga, per caso, nell’universo..
Fu un salvare in extremis capra e cavoli? Per noi si. Ci furono proteste di tanti valenti fisici, ma il sistema venne imposto immediatamente e senza appello.
Difatti con dichiarazioni “terroristiche” simili-​​ “La teoria della relatività…la teoria che solo un paio di uomini al mondo sono in grado di capire”! -così veniva presentata all’epoca dai “media” il costrutto Einsteniano -lo scienziato che non voleva passare per ottuso, volente o nolente, doveva accettare. Chi non lo fece venne letteralmente emarginato dalle accademie.
Nel 1924, quando ormai Einstein aveva fatto tirare un sospiro di sollievo all’establishment scientifico, Michelson ripiombò nella debacle con un vero e proprio esperimento “bomba”, la prova definitiva che la Terra era pressochè immobile e che non era necessario arrampicarsi sugli specchi con nuove teorie.


Ma ormai la scienza aveva già posto le basi del suo nuovo “gioiello”; la Nuova Fisica correva dritta per la sua strada verso un nuovo avvenire. Senza Dio.
Sempre Nourissat. -”Lo scopo del nuovo esperimento stavolta era di misurare “l’effetto della rotazione della terra sulla velocità della luce”- Esso mirava a mettere in evidenza il movimento diurno della terra attorno al suo asse la cui velocità tangenziale raggiunge 463 m/​sec all’equatore. Come per l’esperimento del 1887, si utilizzò un interferometro per osservare lo sfasamento delle onde luminose provocato dal movimento della terra. Benché il movimento da mettere in evidenza fosse, alla latitudine di Chicago, quasi 100 volte più piccolo che nel primo esperimento, il risultato fu questa volta un pieno successo: esso confermava con precisione la velocità del movimento diurno della terra in rapporto all’etere, e la sua composizione con la velocità della luce. Il cammino percorso dai due raggi era esattamente lo stesso, le frange di interferenza osservate rendevano manifesta l’influenza della rotazione della terra sulla velocità apparente della luce. Misurando con un procedimento ottico la rotazione diurna della terra, l’esperimento del 1924 provava non solo che la velocità della terra e la velocità della luce si compongono, ma anche che l’etere esiste bello e buono. La validità scientifica dell’esperimento del 1887 era così confermata: se il movimento supposto di gravitazione attorno al sole della terra non era potuto essere messo in evidenza, è perché non esisteva”.(4)
E ancora Nourissat “Questo secondo esperimento è rimasto poco conosciuto, forse perché non se ne misurarono allora tutte le implicazioni. Siccome la teoria di Einstein era stata largamente accettata nel mondo scientifico, un esperimento che suggeriva che uno dei postulati della relatività ristretta era falso non poteva essere preso sul serio; ma esso provava anche che la velocità della terra attorno al suo asse era conforme al calcolo teorico, e per gli sperimentatori interessati, questo risultato sembrava sufficiente. Affermare dunque che la terra non si sposta, non è il frutto di speculazioni astratte, ma il risultato di un fatto osservabile sperimentalmente.
La conoscenza di questo fatto non si è diffusa perché esso conferma l’esattezza dell’insegnamento della Chiesa concernente la posizione unica della terra al centro dell’universo e ci insegna che, malgrado più di 250 anni di credenza contraria, la Chiesa aveva ragione a condannare la tesi eliocentrica di Galileo. Questo fatto manifesta anche che i filosofi materialisti sui quali si fonda tutta la scienza comune (e che vogliono che il discorso scientifico escluda ogni allusione al Creatore) non si giustificano. Esso mostra infine che, se le teorie scientifiche non si mettono in armonia con la Rivelazione, ci si accorgerà presto o tardi, – ma dopo aver distrutto nel frattempo delle radici della fede religiosa -
che i loro princìpi erano falsi. Dopo aver preso conoscenza dei due esperimenti di Michelson, non si può più credere che questa sorta di ateismo epistemologico al quale si riducono gli uomini di scienza sia una condizione necessaria dell’oggettività delle teorie. Appare, al contrario, che questo pregiudizio antibiblico è altrettanto nefasto per la scienza che per la fede. Esso ha condotto i fisici ad architettare delle teorie contrarie al senso comune e contraddette dagli esperimenti. Soprattutto ha relegato l’osservazione dei fatti alla conclusione del pensiero scientifico, allorché i fondatori delle scienza sperimentale dell’occidente, da Roger Bacon, lo ponevano all’inizio. In questa prospettiva tutte le ipotesi sono considerate come ammissibili a priori (salvo, in pratica, quelle che sarebbero in conformità con la Rivelazione).
Poi, su queste supposizioni, si elabora una teoria. Da questa attitudine risulta una scienza effimera i cui concetti fondamentali devono essere successivamente abbandonati.
Secondo la parola di Antoine Béchamp, nel 1876: “si suppone, si suppone sempre, e di supposizione in supposizione si finisce per concludere senza prove…”.
Il lettore sarà forse stato sorpreso di leggere che l’eliocentrismo era falso… Lo siamo stati anche noi perché eravamo diventati eliocentristi sui banchi di scuola. Quali prove abbiamo del movimento della terra? A pensarci bene nessuna. É l’opinione comune del mondo scientifico che è passata senza prove dal geocentrismo all’eliocentrismo. Oggi, che dei fatti sperimentali confermano la validità del geocentrismo, gli uomini di buona volontà dovrebbero comprendere poco a poco che, rifiutandolo, non si fa solo ingiuria all’Autore delle Sacre Scritture, ma che si mette in pericolo il pensiero di subordinazione al reale che ha guidato dall’origine la nostra scienza “sperimentale”. Si verifica così il leit-​​motiv di Fernand Crombette: “La fede, lungi dall’essere lo spegnitoio della scienza e dello spirito, ne è la vera luce“.(5)
La Nuova Fisica fonda le sue radici in Einstein, si ingarbuglia con le leggi di probabilità, con l’indeterminismo, con la fisica quantistica: fa un vero e proprio ingresso nel mondo dell’irreale, del fantastico, e del paradosso promosso a realtà. L’esperimento Michelson-​​ Morley fu così sconvolgente che si dovette davvero inventare una NUOVA FISICA per parare il “colpo”. Perfino Einstein si rese conto però ad un certo punto, della perdita di contatto sempre più palese della Nuova Fisica con la realtà; “Dio non gioca a dadi”! Ma neppure lui venne più ascoltato.
La nuova fisica è simile alla fiaba di Alice in Wonderland: agli studenti unversitari già dalle prime lezioni viene chiesto di mettere da parte ogni buon senso logico e di prepararsi ad un viaggio nel “fantastico” e nel “paradosso”- un vero indottrinamento mentale-​​: un mondo dove gli oggetti appaiono e scompaiono magicamente, dove nulla è sostanzialmente nè reale nè concreto, un mondo soggettivo come un sogno dove è l’osservatore ad essere protagonista e perfino creatore della realtà.
Le terminologie usate sono: “esperienza personale”, “la mente crea il mondo”, ” la mente che influenza gli esperimenti”, “che crea gli eventi”, ” le cose esistono solo quando le osservi”, “tutto è relativo, soggettivo”. Concetti più filosofici che fisici, del tutto simili alle teorie eretiche che sarebbero sorte poi in seno alla Chiesa Cattolica; modernismo, immanentismo, relativismo, quello scivolare cioè, nell’esperienza soggettiva relegando l’oggettività, la schietta veracità di un mondo concreto, tangibile, palpalbile e descrivibile, come insegna da sempre la Scolastica, in un profondo dimenticatoio.
La Nuova fisica poi non esclude il panteismo, l’uomo dio, e soprattutto un fondamentale connubio con le religioni orientali, ma non ha portato avanti di un solo passo la teoretica che rimane ferma da cent’anni in sogni pindarici; non confondiamo la scienza con la tecnica, che avanza oggi con mezzi che perlopiù sono ancora sostanzialmente fondati sulla fisica e l’elettronica classica.
Quante volte ci dovremmo ancora dimenticare ciò che Iddio ci ha rivelato.
La Redenzione di Cristo, il centro di tutta la Creazione e di tutto ciò che è al di fuori di Dio.
La Redenzione, il Sacrificio del Figlio unigenito del Padre, nucleo e centro di tutta la storia umana…
La Sua Santissima morte in Croce, localizzata e localizzabile su coordinate precise, il Golgota, che diviene il centro e il nucleo del Creato e dell’Universo, il centro di tutto quello che è composto di materia e spirito.
Giosuè 10,11
10 Il Signore mise lo scompiglio in mezzo a loro dinanzi ad Israele, che inflisse loro in Gàbaon una grande disfatta, li inseguì verso la salita di Bet-​​Coron e li batté fino ad Azeka e fino a Makkeda. 11 Mentre essi fuggivano dinanzi ad Israele ed erano alla discesa di Bet-​​Coron, il Signore lanciò dal cielo su di essi come grosse pietre fino ad Azeka e molti morirono. Coloro che morirono per le pietre della grandine furono più di quanti ne uccidessero gli Israeliti con la spada. 12 Allora, quando il Signore mise gli Amorrei nelle mani degli Israeliti, Giosuè disse al Signore sotto gli occhi di Israele:
“Sole, fèrmati in Gàbaon e tu, luna, sulla valle di Aialon”.13 Si fermò il sole e la luna rimase immobile finché il popolo non si vendicò dei nemici.
Non è forse scritto nel libro del Giusto: “Stette fermo il sole in mezzo al cielo e non si affrettò a calare quasi un giorno intero. 14 Non ci fu giorno come quello, né prima né dopo, perché aveva ascoltato il Signore la voce d’un uomo, perché il Signore combatteva per Israele”?
A noi sembra di vedere un mondo che non si smentisce mai e che ripete sempre gli stessi errori scaturiti da quell’ ego frustrato e squilibrato dal peccato originale. Almeno noi cattolici rimaniamo in Cristo e nelle prove scientifiche che Dio ci ha donato con semplicità.
Ad Majorem Dei Gloriam
Giorgio M. Ghergon Locatelli
1 Yves Nourissat “L’etere”
2 nda. L’etere è il quarto stato della materia, quell’energia sottesa ed onnipresente che fornisce il moto a tutto-​​ vedere ad esempio gli studi di Marco Todeschini, “teoria delle apparenze” ma anche di molti altri-​​ che consentirebbe di “pescare” gratuitamente energia gratuita ed”infinita” solo posizionando una semplice antenna in giardino, come dimostrò uno dei più grandi geni della storia, Nikola Tesla. Naturalmente il concetto di etere, fondamento della fisica classica e di qualunque fisica seria, venne fatto “saltare” e sparire da Einstein, in contemporanea con la nascita delle lobby energetiche e petrolifere che forniscono energia a pagamento.
3 Yves Nourissat “L’etere”
4 ibidem
5 ibidem


http://​www​.losai​.eu/​c​o​m​e​-​v​e​n​n​e​-​i​n​s​a​b​b​i​a​t​o​-​l​e​s​p​e​r​i​m​e​n​t​o​-​d​i​m​o​s​t​r​a​v​a​-​g​e​o​c​e​n​t​r​i​s​m​o​/​#​s​t​h​a​s​h​.​r​g​M​w​a​i​y​X​.​d​puff

Share /​ Condividi:

«La Giordania è stabile ma temiamo per il futuro. Più dei terroristi dell’Isil abbiamo paura di chi


«La Giordania è stabile ma temiamo per il futuro. Più dei terroristi dell’Isil abbiamo paura di chi li finanzia: Stati Uniti e Arabia Saudita»

«La Giordania è stabile ma temiamo per il futuro. Più dei terroristi dell’Isil abbiamo paura di chi li finanzia: Stati Uniti e Arabia Saudita»

by Massimiliano Di Benedetto

«Per il momento la situazione in Giordania è stabile ma abbiamo paura per il futuro». Parla così a tempi​.it padre Hanna Kildani, sacerdote giordano che ha vissuto anche in Palestina e Libano e che guarda con sempre maggiore preoccupazione all’avanzata dei terroristi islamici in Siria e Iraq. Avete paura che i terroristi possano invadere anche la Giordania? Certo, ma più degli estremisti noi temiamo i paesi che li finanziano. I terroristi islamici infatti non lavorano da soli: Turchia, Arabia Saudita e Qatar nella regione danno loro le armi. Anche Stati Uniti, Inghilterra e Francia li aiutano ed è questo quello che ci preoccupa di più. Come vivono i cristiani questa situazione? I cristiani, come il resto del paese, hanno fiducia nel governo e nell’esercito giordano. Noi siamo a tutti gli effetti cittadini giordani, quindi le cose a noi vanno bene quando vanno bene alla Giordania. I cristiani non sono diversi dagli altri e sono in pericolo tanto quanto i musulmani. La visita del Papa però ci ha dato forza e fiducia, perché si è visto che siamo un paese stabile. Il Papa ha ringraziato il vostro paese per quanto sta facendo per i rifugiati siriani. Quanti sono? Almeno un milione e per ora non hanno creato problemi sociali. Sono gente pacifica. Noi come Chiesa cattolica, attraverso la Caritas e altre agenzie, ci stiamo prendendo cura di loro: portiamo cibo, vestiti, riparo e medicine. La Chiesa sta facendo tutto quello che può per loro. 

Vi aspettavate che la guerra siriana si estendesse all’Iraq? No, non ce lo aspettavamo ma io non parlerei di vera e propria guerra. Direi che c’è piuttosto un problema politico. Non c’è stata infatti una vera e propria battaglia tra esercito iracheno ed estremisti. Molte tribù e soldati sunniti si sono rifiutati di combattere e hanno aiutato gli estremisti per protestare contro il governo di Al Maliki. Penso che sia più questo il problema. I terroristi hanno già imposto la sharia a Mosul. Ai cristiani è stato imposto il tributo umiliante come nel settimo secolo. Sì, i terroristi hanno imposto la gizya, come già successo in Siria. Queste persone applicano una versione strettissima dell’islam e proprio per questo sono un vero pericolo non solo per i cristiani ma anche per tutti i musulmani. Tutti stanno pagando un prezzo per questa guerra. Che cosa spera per Iraq e Siria? Io spero che un giorno i paesi del Medio Oriente e quelli occidentali, che stanno aiutando i terroristi, decidano di essere parte della soluzione e non del problema come adesso. Tutti infatti stanno sfruttando l’islam per obiettivi politici, come la conquista del petrolio e dell’energia che abbonda nella regione. È importante poi che l’Occidente rispetti le volontà dei popoli: in Siria ad esempio la maggior parte della gente è a favore di Assad. La rivoluzione forse all’inizio era popolare ma ora non lo è più, guidata com’è da organizzazioni terroristiche. Fonte: Tempi 

http://​www​.losai​.eu/​g​i​o​r​d​a​n​i​a​-​s​t​a​b​i​l​e​-​t​e​m​i​a​m​o​-​p​e​r​-​f​u​t​u​r​o​-​d​e​i​-​t​e​r​r​o​r​i​s​t​i​-​d​e​l​l​i​s​i​l​-​a​b​b​i​a​m​o​-​p​a​u​r​a​-​l​i​-​f​i​n​a​n​z​i​a​-​u​n​i​t​i​-​a​r​a​b​i​a​-​s​a​u​d​i​ta/

Share /​ Condividi:

Sono Carola, ho 24 anni e non ho scelto di essere Italianaby Daniele Di Luciano Ho 24 anni, proprio


Sono Carola, ho 24 anni e non ho scelto di essere Italiana

Sono Carola, ho 24 anni e non ho scelto di essere Italiana

by Daniele Di Luciano

Ho 24 anni, proprio come te, Mario, e sono italiana, come te Mario. Ma forse abbiamo un concetto di attaccamento alla nazione un po’ differente. Per carità il mondo è bello perché è vario, ma caro Mario nessuno da la colpa solo a te, gli errori non li hai fatti solo tu, ma sai qual è la differenza? Gli altri hanno saputo tacere. Hanno sbagliato e sono stati zitti. Hanno fatto bene e hanno taciuto. Prendi Grosso. Grosso sì te lo ricordi? Avevi 16 anni quando abbiamo vinto il mondiale e Grosso ha segnato quel rigore. In Finale. Cioè, parliamoci chiaro Mario, io mi sarei cagata addosso! Chapeau per Fabio. E noi vinciamo i mondiali. Ma dico io, tu l’hai mai visto su Twitter o Facebook ad autoproclamarsi eroe di Patria? No. E ti ricordi De Rossi? Sempre al mondiale 2006. Tirò una gomitata a McBride. Ma si assunse le sue responsabilità. In silenzio. Caro Mario non ci crede nessuno che tu non abbia fatto scenate a fine primo tempo con l’Uruguay. Non sei credibile. Sappiamo tutti delle tue marachelle, e sappiamo tutti che è nel tuo stile. Ma vedi anche Cassano aveva i suoi momenti un po’ così, le cassanate le ricordiamo tutti. Ma sai cosa aveva in più? Il rispetto. Mario, tu non hai rispetto. Non hai rispetto per le persone che la maglia della Nazionale ce l’hanno addosso da più tempo, non hai rispetto per chi in azzurro ha fatto 112 presenze. Non hai rispetto per chi ti guida. Non hai rispetto per la nazione. E per la Nazionale. Vedi Mario a volte bisogna saper abbassare le ali, e saper dire, ho sbagliato. Tu non hai sbagliato a non segnare, ci sono altre 10 persone in campo la colpa è anche loro, Mario tu hai sbagliato in partenza, ha sbagliato atteggiamento, hai sbagliato a proclamarti Re d’Italia (ti ricordo che la monarchia non esiste più dal 1946) e hai sbagliato a fare il gradasso. All’Italia non frega nulla se ti sposi, non gliene frega nulla se tu hai la Ferrari. A noi frega che tu sappia fare il tuo lavoro. E il tuo lavoro non l’hai svolto​.In Italia chi non svolge il proprio lavoro viene licenziato (e molto spesso anche chi lo svolge). 

Caro Mario, smettila di frignare e tirati su le maniche. Smettila di fare il superiore e ascolta e osserva, osserva un Darmian che testa bassa la nazionale se l’è meritata, osserva un Verratti che quasi nell’ombra è uno dei giovani più talentuosi, e che sostiene uno come Pirlo. E osserva Ciro, che nonostante la panchina è entrato in campo e ha messo tutto. E osserva noi italiani che nonostante tutto vada male, ci facciamo un mazzo così per tirare la carretta. Prendi esempio Mario. Umiltà. Sono Carola Ferrero, ho 24 anni, e sono orgogliosa di essere italiana, non come te, Mario.” Fonte 

http://​www​.losai​.eu/​c​a​r​o​l​a​-​2​4​-​a​n​n​i​-​n​o​n​-​s​c​e​l​t​o​-​e​s​s​e​r​e​-​i​t​a​l​i​a​na/

Share /​ Condividi:

Gay Pride a Perugia, bar dice no alla locandina dell’evento: scatta il boicottaggioby Chiara Comini


Gay Pride a Perugia, bar dice no alla locandina dell’evento: scatta il boicottaggio

Gay Pride a Perugia, bar dice no alla locandina dell’evento: scatta il boicottaggio

by Chiara Comini

Accade a Corso Cavour che sarà il teatro della prima notte arcobaleno di Perugia e che precede l’apertura Pride Village al Frontone. Sulla rete impazzano le adesioni per il boicottaggio… ma il locale respinge le accuse e parla di incomprensione - di Nicola Bossi -   E’ nato, in piccolo, un altro caso Barilla con tanto di boicottaggio a Perugia. I protagonisti sono gli attivisti per i diritti civili e per l’orgoglio Lgtb (gay, lesbische, transessuali e bisessuali) e un noto locale – il Nanà – di Corso Cavour che fino a ieri era si era sempre segnalato per l’accoglienza e per un personale che, ad onor del vero, è tutt’altro che contrario e ostile a queste tematiche. Tutta colpa di una locandina-​​ per l’apertura del Gay Pride a Perugia che va sotto il nome di Pride Village al Frontone – che non è stata attaccata sulla vetrina del locale. I proprietari hanno ribadito a tutti i clienti che c’è stata una incomprensione, che tutto era pieno (sono solito mettere solo poche locandine) e che non ci sono discriminazione tanto è vero che c’è la locandina bene in vista della prima notte bianca-​​arcobaleno che è l’inizio dei tre giorni per i diritti civili dei gay a Perugia. Gli attivisti dicono che si sarebbe detto no alla locandina con tanto di frase….”quella roba lì no”. Alla fine la pubblicità del Pride Village non è stata “autorizzata”. Morale dalla favola, come per Barilla, come per tanti altri casi più, è scattato un tam-​​tam che invita al boicottaggio del locale. D’accordo con questa linea anche uno degli storici attivisti dell’ Omphalos, Stefano Bucaioni, che sulla fan-​​page del Nanà così scrive: “Non esporre la locandina del Perugia Pride Village è una scelta legittima. Come legittimo è l’invito a chi invece ha a cuore i diritti di tutti a non frequentare più il vostro bar/​ristorante. Per coerenza dovreste rimanere chiusi durante la mezzanotte arcobaleno, che è organizzata anche in onore del Pride Village”.

Poi una pioggia di prese di posizione forti:”Pensavo di iniziare la mezzanotte bianca da voi…ma ho saputo che non avete voluto esporre le bandiere arcobaleno per i diritti di tutti…liberi di farlo…io libero di andare altrove, venerdì e tutte le volte che sarò in borgo XX giugno…buon disagio”. E ancora: “La locandina del #Pride no, ma i nostri soldi non ve facevano tanto schifo, evè? P.S: la mezzanotte non è bianca, è RAINBOW!”. La notizia del commento omofobo spero vi costi cara, non in termini di coscienza, non sia mai ma in termini di soldi, quello è un concetto di facile comprensione. Boicotto Nànà”. C’è addirittura chi tra i clienti è convinto che incomprensione non c’è stata ma è stato detto no alla locandina per precisi ideali: “Quelle cose lì”?! Ma non era meglio che ve stavate in cucina a cucinà?! I vostri commenti rendono Nànà un posto da evitare e ovviamente lo farò”. Come sempre il lettore formerà il proprio giudizio. Questi sono semplicemente i fatti. C’è da dire che ci sono anche clienti che difendono il locale spiegando che si è fatto un caso su una semplice incomprensione.   FONTE 

http://​www​.losai​.eu/​g​a​y​-​p​r​i​d​e​-​p​e​r​u​g​i​a​-​b​a​r​-​b​o​i​c​o​t​t​a​to/

Share /​ Condividi: