BARRA A DRITTA! - DOPO LE LAUREE HONORIS CAUSA A VALENTINO ROSSI, IVANA SPAGNA E A VASCO ROSSI,

BARRA A DRITTA! - DOPO LE LAUREE HONORIS CAUSA A VALENTINO ROSSI, IVANA SPAGNA E A VASCO ROSSI, FINALMENTE UN PEZZO DI CARTA DATO CON CRITERIO AL GRANDE PEPPE BARRA - PAOLO ISOTTA: “È UNO DEI PUNTI FERMI DELLA NOSTRA CULTURA NAZIONALE

Il conferimento della laurea a Barra è stato un avvenimento di grande importanza nel mondo della cultura tutta, non solo in quello teatrale: quest’attore-cantante rappresenta ormai uno dei punti fermi della nostra cultura nazionale. Il suo dedicarsi a Napoli e alla lingua napoletana travalica i confini locali”… - -

Paolo Isotta per ‘Il Corriere della Sera'
Lunedì, nella splendida chiesa dei Santi Marcellino e Festo, che viene aperta dall'Università solo in occasioni particolari, è stata consegnata la laurea ad honorem in letteratura, scrittura e critica teatrale a Peppe Barra, a opera della Federico II, una delle più antiche università del mondo. Qualche mese fa l'università Orientale aveva attribuito a Riccardo Muti l'ennesimo di lui diploma honoris causa: nell'appena riaperto San Giovanni Maggiore; ed era stata cerimonia lunga e macchinosa.

Peppe BarraPEPPE BARRA

In questa, invece, il Magnifico Massimo Marrelli, e i professori (simpaticissimi) Arturo De Vivo e Pasquale Sabbatino sono stati di una concisione eccezionale; e lo stesso Peppe lo è stato nel tenere la sua lectio magistralis. Questa è stata costituita dal racconto della favola di Amore e Psiche da Apuleio, dalla recitazione della novella ‘A vecchia scurtecata («La vecchia scorticata») dal Pentamerone di Giovan Battista Basile, e dall'interpretazione di alcune canzoni classiche napoletane: alle undici e un quarto la cerimonia aveva avuto inizio e all'una meno un quarto eravamo fuori in una piovosissima giornata.
Il conferimento della laurea a Barra è stato un avvenimento di grande importanza nel mondo della cultura tutta, non solo in quello teatrale: giacché quest'attore-cantante rappresenta ormai uno dei punti fermi della nostra cultura nazionale. E tento di spiegarlo; giacché il suo dedicarsi a Napoli e alla lingua napoletana travalica i confini locali: essa città e lingua sono patrimonio nostro e poi dell'umanità.
Egli è figlio d'arte: nasce a Roma a via dei Crociferi nel 1944 perché i genitori recitavano; e sale sul palcoscenico per la prima volta a quattro anni. Il padre è napoletano, la mamma Concetta procidana: così che Peppe a Procida s'è formato e leggende popolari della sua isola ha introdotto nel suo repertorio. Concetta è stata una delle più grandi attrici che in vita mia abbia viste; col figlio formava una coppia straordinaria; e, come tutti i grandi, lo era nel comico quanto nel tragico. Scomparve improvvisamente.

Peppe BarraPEPPE BARRA

Peppe divenne famoso quando con Roberto De Simone costituì la napoletana Nuova Compagnia di Canto Popolare: essa diede vita a una ricerca «sul campo» che portò alla rinascita di pezzi medioevali e addirittura pre-​​cristiani: a dimostrazione di quanto ininterrotta sia la catena giungente alla canzone sei-​​ e settecentesca. Si trattava d'antropologia oltre che di arte.

paolo isottaPAOLO ISOTTA

Il capolavoro di De Simone fu La gatta cenerentola , uno spettacolo derivante da una fiaba del Basile ma amplificante questa favola fino a farne un'interpretazione del mondo. Peppe impersonava la vera protagonista, la matrigna di Cenerentola: è una vergogna che non se ne sia mai tirata un'edizione video, l'unica esistente essendo col bravissimo Rino Marcelli: bravissimo, appunto, laddove Peppe è unico.
Non elencherò gli altri suoi successi; ricorderò solo che da anni egli, profondendo anche del suo, allestisce la Cantata dei pastori , Sacra Rappresentazione natalizia dovuta al gesuita Andrea Perrucci, dell'ultimissimo Seicento. Questa è addirittura una summa della religiosità controriformista napoletana con inserti comici che divengono la stessa ratio del testo.
Credo che dal prossimo Natale essa verrà rappresentata al Teatro Sannazaro. Questo è gestito, come ho già scritto, da Lara Sansone, alla quale la grande Luisa Conte era nonna; e io coltivo un sogno: quello che si possa rappresentarvi Il berretto a sonagli di Pirandello. Barra sarebbe un Ciampa ineguagliabile e Lara un'altrettanto brava Beatrice Labella; mentre a Lucio Pierri vorrei vedere affidato il delegato Spanò, a Rosaria Russo il ruolo di Fana; a Gloriana la signora Assunta e Sasà Vanorio, il marito di Lara, vorrei che interpretasse il signorino Fifì: per farlo tornare una volta in palcoscenico.

Peppe BarraPEPPE BARRA

http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​2​/​m​e​d​i​a​_​e​_​t​v​/​b​a​r​r​a​-​a​-​d​r​i​t​t​a​-​d​o​p​o​-​l​e​-​l​a​u​r​e​e​-​h​o​n​o​r​i​s​-​c​a​u​s​a​-​a​-​v​a​l​e​n​t​i​n​o​-​r​o​s​s​i​-​i​v​a​n​a​-​s​p​a​g​n​a​-​e​-​7​4​6​1​6​.​htm
Share /​ Condividi:

Grecia nel caos, assalti ai supermercati e rivolte contro la troika. Ma nessuno ne parla...

Grecia nel caos, assalti ai supermercati e rivolte contro la troika. Ma nessuno ne parla...


Grecia nel caos, assalti ai supermercati e rivolte contro la troika. Ma nessuno ne parla...  Riceviamo e pubblichiamo dall'associazione Articolotre:
'' La Grecia è crollata sotto il peso dei debiti contratti con la Bce , ma in Italia nessuno ne parla perche' siamo in campagna elettorale, l'attenzione dei media e' stata spostata sulle dimissioni del Papa,mentre l'Europa brucia!

Stanno assaltando i supermercati. Ma non si tratta di banditi armati. Si tratta di gente inviperita e affamata, che non impugna neanche una pistola, con la complicità dei commessi che dicono loro “prendete quello che volete, noi facciamo finta di niente”.

Si tratta della rivolta di 150 imprenditori agricoli, produttori di agrumi, che si sono rfiutati categoricamente di distruggere tonnellate di arance e limoni per calmierare i prezzi, come richiesto dall’Unione Europea.
Hanno preso la frutta, l’hanno caricata sui camion e sono andati nelle piazze della città con il megafono, regalandola alla gente, raccontando come stanno le cose.

Si tratta di 200 produttori agricoli, ex proprietari di caseifici, che da padroni della propria azienda sono diventati impiegati della multinazionale bavarese Muller che si è appropriata delle loro aziende indebitate, acquistandole per pochi euro sorretta dal credito agevolato bancario, 

RETTIFICA: “a rettifica di quanto precedentemente pubblicato, informiamo che la multinazionale tedesca Müller non ha acquisito caseifici in Grecia” 
quelli hanno preso i loro prodotti della settimana, circa 40.000 vasetti di yogurt (l’eccellenza del made in Greece, il più buon yogurt del mondo da sempre) li hanno caricati sui camion e invece di portarli al Pireo per imbarcarli verso il mercato continentale della grande distribuzione, li hanno regalati alla popolazione andandoli a distribuire davanti alle scuole e agli ospedali.
Si tratta anche di due movimenti anarchici locali, che si sono organizzati e sono passati alle vie di fatto: basta cortei e proteste, si va a rapinare le banche: nelle ultime cinque settimane le rapine sono aumentate del 600% rispetto a un anno fa.
Rubano ciò che possono e poi lo dividono con la gente che va a fare la spesa. La polizia è riuscita ad arrestarne quattro, rei confessi, ma una volta in cella li hanno massacrati di botte senza consentire loro di farsi rappresentare dai legali.
Lo si è saputo perché c’è stata la confessione del poliziotto scrivano addetto alla mansione di ritoccare con il Photoshop le fotografie dei quattro arrestati, due dei quali ricoverati in ospedale con gravi lesioni.

E così, è piombata la sezione europea di Amnesty International, con i loro bravi ispettori svedesi, olandesi e tedeschi, che hanno realizzato una inchiesta, raccolto documentazione e hanno denunciato ufficialmente la polizia locale, il ministero degli interni greco e l’intero governo alla commissione diritti e giustizia dell’Unione Europea a Bruxelles, chiedendo l’immediato intervento dell’intera comunità continentale per intervenire subito ed evitare che la situazione peggiori.

Siamo venuti così a sapere che il più importante economista tedesco, il prof. Hans Werner Sinn, (consigliere personale di Frau Angela Merkel) sorretto da altri 50 economisti, avvalendosi addirittura dell’appoggio di un rappresentante doc del sistema bancario europeo, Sir Moorald Choudry (il vice-​​presidente della Royal Bank of Sctoland, la quarta banca al mondo) hanno presentato un rapporto urgente sia al Consiglio d’Europa che alla presidenza della BCE che all’ufficio centrale della commissione bilancio e tesoro dell’Unione Europea, sostenendo che “la Grecia deve uscire, subito, temporaneamente dall’euro, svalutando la loro moneta del 20/​ 30%, pena la definitiva distruzione dell’economia, arrivata a un tale punto di degrado da poter essere considerata come “tragedia umanitaria” e quindi cominciare anche a ventilare l’ipotesi di chiedere l’intervento dell’Onu”.


http://​www​.abruzzo24ore​.tv/​n​e​w​s​/​G​r​e​c​i​a​-​n​e​l​-​c​a​o​s​-​a​s​s​a​l​t​i​-​a​i​-​s​u​p​e​r​m​e​r​c​a​t​i​-​e​-​r​i​v​o​l​t​e​-​c​o​n​t​r​o​-​l​a​-​t​r​o​i​k​a​-​M​a​-​n​e​s​s​u​n​o​-​n​e​-​p​a​r​l​a​/​1​1​1​7​4​8​.​htm
Share /​ Condividi:

A POCHE SETTIMANE DALL'INAUGURAZIONE A SAN PIETROBURGO DI MANIFESTA 10, LA BIENNALE PIÙ GIOVANE

A POCHE SETTIMANE DALL'INAUGURAZIONE A SAN PIETROBURGO DI MANIFESTA 10, LA BIENNALE PIÙ GIOVANE D'EUROPA, LA CRISI POLITICA ARRIVA A GUASTARE LA FESTA: PER GLI ARTISTI GIOVANI E IMPEGNATI MANIFESTA NON PUÒ ESSERE INDIFFERENTE ALL'INVASIONE DELLA CRIMEA

Insomma un bel pasticcio art-​​politico. Persino in Russia si avverte qualche imbarazzo. Lo sbarco di Manifesta con le inevitabili discussioni, provocazioni ed esibizioni di rinunce dell'ultim'ora, desta preoccupazione. Pubblicità di cui si vorrebbe volentieri fare in meno. In fondo non è mica un business come le Olimpiadi e l'amore per la cultura contemporanea ai tempi di Putin segna il passo…

Alessandra Mammì per Dagospia

SAN PIETROBURGO-MANIFESTA 10SAN PIETROBURGO-​​MANIFESTA 10

Bel guaio. Quando si decise di portare Manifesta10 a San Pietroburgo come simbolo dell'unione artistica d'Europa e omaggio ai 250 anni dell'Hermitage, nessuno pensava che Putin avesse intenzione di invadere la Crimea. Invece a poche settimane dall'inaugurazione della Biennale più giovane d'Europa e più simbolica dell'Unione (28 giugno), la crisi politica arriva a guastare la festa.

SAN PIETROBURGO-MANIFESTA 10SAN PIETROBURGO-​​MANIFESTA 10

Tutto diventa improprio. Il Manifesto col transgender imparruccato; il pacifista chief curator di questa edizione Kasper König l'uomo che fondò Portikus sulle ceneri della biblioteca distrutta a Francoforte e ne fece uno dei centri di ricerca artistica più importanti della rinascita MittleEuropea; gli artisti giovani e impegnati che già scalpitano e manifestano dissenso a varcar la frontiera per una Manifesta che a loro parere non può essere indifferente all'invasione.

SAN PIETROBURGO-MANIFESTA 10SAN PIETROBURGO-​​MANIFESTA 10

Insomma un bel pasticcio art-​​politico. Persino in Russia si avverte qualche imbarazzo. Lo sbarco di Manifesta con le inevitabili discussioni, provocazioni ed esibizioni di rinunce dell'ultim'ora, desta preoccupazione. Pubblicità di cui si vorrebbe volentieri fare in meno. In fondo non è mica un business come le Olimpiadi e l'amore per la cultura contemporanea ai tempi di Putin segna il passo.

SAN PIETROBURGO-MANIFESTA 10SAN PIETROBURGO-​​MANIFESTA 10

Per non parlar del problema di tenere a bada un manipolo di scalmanati creativi olandesi-​​ spagnoli-​​ italiani-​​ tedeschi o belgi convincendoli a non provocar troppo il comune senso del pudore o dell'opportunità della Russia di Putin che, com'è noto, è diverso dal nostro. "Sesso, religione, politica omosessualità... ragazzi mettete un freno" deve aver detto König. Almeno è quanto si evince da diplomatiche interviste rilasciate qua e là dove il direttore rassicurava di non voler mostrare opere che avessero l'aspetto di una provocazione.

kasper konigKASPER KONIG

Sembra facile, ma. Intanto da Amsterdam sede dell'organizzazione della biennale, Hedwig Fijen a capo di tanta impresa ricorda che quando fu bombardato l'Iraq nessuno si sognò di cancellare mostre a New York. Ma se lei ha bisogno di dire una cosa simile vuol dire che siamo già nella tempesta. Tanto nella tempesta da pubblicare sul sito una problematica e bellissima intervista sul tema a Mikhail Piotrovsky direttore dell'Hermitage. Dalla parte della Russia. Eccola: http://​manifesta​.org/​2​0​1​4​/​0​3​/​i​n​t​e​r​v​i​e​w​-​d​r​-​m​-​p​i​o​t​r​o​v​s​k​y​-​o​n​-​m​a​n​i​f​e​s​t​a​-​10/
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​3​1​/​a​r​t​e​/​a​-​p​o​c​h​e​-​s​e​t​t​i​m​a​n​e​-​d​a​l​l​-​i​n​a​u​g​u​r​a​z​i​o​n​e​-​a​-​s​a​n​-​p​i​e​t​r​o​b​u​r​g​o​-​d​i​-​m​a​n​i​f​e​s​t​a​-​1​0​-​l​a​-​b​i​e​n​n​a​l​e​-​p​i​-​7​4​5​8​1​.​htm
Share /​ Condividi:

NON È TUTTO IOR QUEL CHE LUCCICA - UN OLANDESE E UN AMERICANO PROVANO LASTANGATA”: DEPOSITARE

NON È TUTTO IOR QUEL CHE LUCCICA - UN OLANDESE E UN AMERICANO PROVANO LASTANGATA”: DEPOSITARE ALLO IOR TITOLI DI CREDITO AL PORTATORE FALSI PER OTTENERE UNA LINEA DI CREDITO CON CUI OPERARE SUI MERCATI - - -

I due portavano una valigetta e la loro intenzione era quella di depositare alla “Banca di Dio” titoli falsi per miliardi di valuta pregiata - L’obiettivo era ottenere l’apertura di una linea di credito con cui, poi, agire sui mercati internazionali…

Valeria Pacelli per il "Fatto quotidiano"

Il torrione Niccolò V, sede dello Ior  niccolovIL TORRIONE NICCOLÒ V, SEDE DELLO IOR NICCOLOV

L'idea era tanto ambiziosa quanto spregiudicata. Portare a termine una mega truffa ai danni dello Ior, l'istituto di credito del Vaticano. Tutto era pronto: titoli di credito, timbri, sguardi e modi da professionisti, accento straniero ma educato, che non guasta mai. Il piano è stato mandato a monte da una collaborazione inedita fra la Guardia di finanza e la Gendarmeria vaticana.
I DUE AUTORI della tentata truffa allo Ior sono stati fermati proprio dai gendarmi e dai militari delle Fiamme gialle, proprio quando pensavano di essere riusciti a portare a termine la "stangata".

SOLDI jpegSOLDI JPEG

"Non sono clienti, tantomeno erano attesi da qualcuno allo Ior" hanno detto le autorità vaticane; insomma, i due cittadini stranieri - un americano e un olandese - risultano almeno per il momento totalmente estranei all'attività dell'istituto e sconosciuti da funzionari e personale dello Ior.
Secondo quanto si apprende - le notizie sono filtrate con il contagocce - sono stati sequestrati titoli di credito al portatore per migliaia di miliardi di euro, dollari e altre valute pregiate. Uno dei due denunciati aveva a disposizione tre passaporti, particolare che la dice lunga sulla "professionalità" del truffatore.
Come sono andati i fatti? Anche su questo si conoscono pochi particolari, quel che è certo è che sia la Gendarmeria sia la Finanza sospettavano dei due "uomini d'affari" che sono stati bloccati mentre entravano in Vaticano dall'ingresso di S. Anna. Con loro portavano una valigetta e la loro intenzione era quella di depositarne il contenuto - i titoli falsi per miliardi di valuta pregiata - allo Ior.

RICICLAGGIO DI DENARO jpegRICICLAGGIO DI DENARO

Al posto di controllo i due uomini hanno cercato di eludere la sorveglianza e hanno chiesto di andare allo Ior, l'istituto di deposito vaticano che ha sede a pochi passi dall'ingresso, nel Torrione Nicolò V. Quando la Gendarmeria ha chiesto loro di fornire spiegazioni e i motivi di quella richiesta, i due hanno millantato conoscenze con due cardinali, come se questo particolare potesse proteggerli e permetter loro di proseguire.
Ma il piano era ormai saltato: il loro obiettivo era ottenere l'apertura di una linea di credito con cui, poi, agire sui mercati internazionali. L'operazione è stata possibile grazie alla nuova normativa anti-​​riciclaggio approvata dal Vaticano.

GENDARMERIA VATICANAGENDARMERIA VATICANA

LA GUARDIA DI FINANZA ha poi proceduto alla perquisizione delle camere d'albergo occupate dai due truffatori, dove sono stati ritrovati timbri, certificazioni di carattere finanziario , telefoni, computer e tre passaporti validi rilasciati da Olanda e Malesia. I due uomini sono stati denunciati sia all'autorità vaticana sia a quella italiana. Sulla base degli accordi previsti dal Trattato lateranense sono stati comunque consegnati alle autorità italiane. Ora sarà la Procura a proseguire l'inchiesta.

GENDARMERIA VATICANAGENDARMERIA VATICANA
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​2​9​/​C​r​o​n​a​c​h​e​/​n​o​n​-​t​u​t​t​o​-​i​o​r​-​q​u​e​l​-​c​h​e​-​l​u​c​c​i​c​a​-​u​n​-​o​l​a​n​d​e​s​e​-​e​-​u​n​-​a​m​e​r​i​c​a​n​o​-​p​r​o​v​a​n​o​-​l​a​-​s​t​a​n​g​a​t​a​-​7​4​5​6​3​.​htm

Share /​ Condividi:

DOPO AVER RESISTITO ALLACIDO E ALLODIO, LUCIA ANNIBALI DEVE RESISTERE AL PD, CHE VUOLE CANDIDARLA

DOPO AVER RESISTITO ALLACIDO E ALLODIO, LUCIA ANNIBALI DEVE RESISTERE AL PD, CHE VUOLE CANDIDARLA ALLE EUROPEE - IL SUO EX LUCA VARANI CONDANNATO A 20 ANNI COME MANDANTE DELLAGGRESSIONE - 14 ANNI PER I DUE ESECUTORI ALBANESI - - -

La sentenza è stata accolta in aula con un applauso - I legali di Luca Varani: “Per fortuna i prossimi due gradi di giudizio saranno ad Ancona e a Roma. Non si è mai vista una sentenza dopo solo un’ora di camera di consiglio. Per non parlare della pena, equiparata a quella di un omicidio conclamato”…

1 - SFIGURATA CON L'ACIDO, 20 ANNI ALL'EX
Grazia Longo per "La Stampa"

LUCIA ANNIBALILUCIA ANNIBALI

Applausi a Lucia, 37 anni, bella nonostante il volto sfigurato dall'acido, «Brava, auguri!». Sberleffi agli avvocati difensori dell'ex fidanzato Luca Varani, condannato a 20 anni per tentato omicidio, stalking e lesioni gravissime, «Buffoni, perché non ridete ora voi che ridevate l'udienza passata?».
La tensione si stempera così al momento della sentenza con cui il gip Maurizio Di Palma giudica Varani il mandante dell'aggressione all'avvocatessa da poco decorata cavaliere della Repubblica dal presidente Giorgio Napolitano. Quattordici anni invece - quattro in meno della richiesta del pm Monica Garulli, perché non è stata riconosciuta l'aggravante dello stalking - ai due sicari Rubin Talaban, esecutore materiale, e al «palo» Altistin Precetaj.
L'attesa del verdetto è breve, un'ora appena, e il fragoroso applauso esplode ancora prima dell'apertura della porta dell'aula giudiziaria del processo a porte chiuse con rito abbreviato. È la stessa Lucia - avvocato come Varani - a comunicarlo, tramite un messaggino alle amiche che affollano il corridoio del tribunale. Qualcuna piange di gioia, qualcun'altra gira subito il messaggio agli amici. Attonito Luca Varani, che quando il gip annuncia che il verdetto arriverà dopo un'ora guarda i suoi avvocati ed esclama: «Possibile così poco? Ma allora mi condanna! Io non ho ordinato di sfregiare Lucia ma solo la sua auto».

LUCA VARANI EX DI LUCIA ANNIBALILUCA VARANI EX DI LUCIA ANNIBALI

Piangono invece gli zii e i genitori di Lucia, mentre gli avvocati del condannato Roberto Brunelli e Francesco Maisano annunciano l'appello: «Per fortuna i prossimi due gradi di giudizio saranno ad Ancona e a Roma. Non si è mai vista una sentenza dopo solo un'ora di camera di consiglio. Per non parlare della pena, equiparata a quella di un omicidio conclamato».
In un amen si era risolto, il giallo di un orologio di Lucia da lei non immediatamente riconosciuto, per i problemi di vista causati dalle ustioni, e che secondo i difensori di Varani apparteneva invece all'aggressore.
Le prove contro Varani erano schiaccianti. Non solo, le indagini su di lui si erano attivate ancora prima del barattolo di acido lanciato sul viso della sua ex fidanzata. Già la mattina di quel maledetto 16 aprile di un anno fa, i carabinieri agli ordini del colonnello Giuseppe Donnarumma erano stati avvertiti da un «informatore» che «un avvocato con la Porsche sta preparando un attentato contro una donna».

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI

I militari capiscono che si tratta di Varani e lo pedinano, lo vedono entrare nel palazzo dove abita Lucia ma non c'è niente che la colleghi a lui. Non un certificato di matrimonio, non una denuncia. La terribile verità si scoprirà solo la sera. «È tutta colpa del mio ex» rivelerà Lucia ai carabinieri, in ospedale. Varani viene arrestato la notte stessa e si scopre che aveva fatto distruggere la sua Smart parzialmente corrosa dall'acido. Poi spedisce in carcere ai due albanesi un «pizzino» dove suggeriva la versione da dare ai giudici. Ma i due si sono sempre avvalsi della facoltà di non rispondere.
2 - LUCIA: "HO CAPITO CHE SI PUÒ TORNARE A VIVERE ANCHE SE NON SI È PERFETTI"
Grazie Longo per "la Stampa"

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI

Elegante - camicia di seta rosa pesca e nera, pantaloni a sigaretta scuri, scarpe con il tacco -, forte, determinata, coraggiosa. Ma anche sorprendente per la capacità di capovolgere l'approccio a un problema.
Fine di un incubo?
«Per la verità mi sono liberata dall'incubo la sera dell'aggressione. È proprio quella notte che é finito l'incubo della persecuzione ed è iniziata la mia nuova vita. Da quel momento ho ripreso le redini della mia vita. E non mi rimprovero nulla, quel che è accaduto era imprevedibile».
Chi è la nuova Lucia?
«Una donna che sa guardare al positivo, essere ottimista. Questa esperienza mi ha insegnato a essere molto ottimista nella vita e a cogliere il bello. Quando ti tolgono tutto e rischi di perdere tutto poi la vita ha un sapore diverso».

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI

Potrà mai concedere il perdono al suo ex fidanzato?«Dentro di me ho più che altro sentimenti positivi, non ho coltivato rabbia o rancore, le miserie le lascio agli altri. Ma penso a me, non a lui».
Quanto è importante per lei questa sentenza?«Tanto, tantissimo. È una sentenza giusta, e sono contenta per me e per la mia famiglia. Se ho cercato di resistere è anche per loro. Ma rimane una vicenda triste, non c'era bisogno di arrivare a tanto (e con la mano indica il volto deturpato, ndr). Anche se in realtà non c'è niente che potrà ripagarmi né a me né alla mia famiglia di questo enorme dolore che ancora viviamo».
Chi le dà la forza?«La trovo dentro di me. Grande è il desiderio di riprendere la mia vita e non dare soddisfazione a nessuno. Vado avanti come sempre, con la mia vita, la mia famiglia, i miei amici. Io vado avanti. L'importante è il mio benessere, il resto è un premio giusto al lavoro che è stato fatto dalla Procura, dai carabinieri, da tutti quelli che hanno lavorato a questo caso».

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI

Com'è stato durante tutto il processo sedere a tre sedie di distanza da Luca Varani e sentire le sue dichiarazioni?
«È stata una prova molto difficile ma cercavo di concentrami su quel che c'è di positivo. E comunque quando lui parlava io uscivo dall'aula».
Cosa c'è per lei nell'immediato?
«Un altro intervento chirurgico (sorride, ndr)».
Accetterà di candidarsi alle elezioni Europee come le è stato proposto dal Pd?
«Non è questo il momento di pensare a questo. Ora voglio godermi il momento con la mia famiglia e i miei amici con cui starò insieme stasera. Non c'è nulla da festeggiare, ma ho piacere di condividere con loro la soddisfazione per l'esito del processo».

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI

Lei è diventata suo malgrado un simbolo delle donne che subiscono violenza. Che cosa si sente di dire a chi si trova nelle sue condizioni?
«Di non perdere mai la speranza, di non annullarsi per colpa di certi uomini e di coltivare il desiderio di amore vero».
Quali sono stati il momento più bello e il più brutto in quest'ultimo anno?
«Il più bello è stato quando mi sono rialzata dal letto dopo un mese e mezzo di ospedale e mi sono resa conto di poter vedere, ancora male, ma che almeno non ero rimasta cieca. Il momento più brutto quella sera, quando ho realizzato che avevo questo acido in viso che mi stava corrodendo e che sarei anche potuta morire».
Quale messaggio vuole comunicare a chi soffre, a chi è stato ustionato come lei?
«Di non perdere mai la speranza, di pensare che comunque si può tornare alla vita anche se non si è perfetti».

LUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTILUCIA ANNIBALI INCONTRA GLI STUDENTI
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​2​9​/​C​r​o​n​a​c​h​e​/​d​o​p​o​-​a​v​e​r​-​r​e​s​i​s​t​i​t​o​-​a​l​l​a​c​i​d​o​-​e​-​a​l​l​o​d​i​o​-​l​u​c​i​a​-​a​n​n​i​b​a​l​i​-​d​e​v​e​-​r​e​s​i​s​t​e​r​e​-​a​l​-​p​d​-​c​h​e​-​v​u​o​l​e​-​7​4​5​6​7​.​htm

Share /​ Condividi:

GRAN BUFFET ITALIA - CINESI, AMERICANI, RUSSI, ARABI PRONTI A PARTECIPARE AL GRANDE BANCHETTO DELLE

GRAN BUFFET ITALIA - CINESI, AMERICANI, RUSSI, ARABI PRONTI A PARTECIPARE AL GRANDE BANCHETTO DELLE PRIVATIZZAZIONI BY RENZI-​​PADOAN - NEL MIRINO BANCHE, INDUSTRIA MANIFATTURIERA, MODA E TURISMO - - -

La fortuna politica di Renzi si gioca sul successo delle vendite di Stato: l’incasso per il Tesoro potrebbe arrivare a oltre 15 miliardi da Poste (il cui 40% da solo vale 4-​​5 miliardi), Fincantieri, Enac, Cdp Reti, Sace, Grandi Stazioni, StMicroelectronics - Per i fondi si tratta di comprare a prezzi favorevoli, per le banche d’affari di guadagnare sugli incarichi di vendita…

Fabrizio Massaro per il "Corriere della Sera"

Logo LOGO "ENI"

L'ultima mossa è stata dei cinesi: la Banca centrale di Pechino ha messo sul piatto 2,1 miliardi per comprare il 2% di Eni ed Enel. Un segnale di fiducia nell'Italia, sia sotto il profilo industriale sia di quello delle relazioni politiche, essendo due colossi controllati dal Tesoro. Ma a Piazza Affari in questo periodo la fanno da padrone gli americani.
Solo ieri BlackRock, il più grande investitore al mondo con 4.300 miliardi di dollari in gestione, ha reso noto il suo ingresso nel Banco Popolare con l'1,3% dopo aver preso quote importanti in Unicredit (5%), Intesa Sanpaolo (5%) e Montepaschi (8,5%).

EnelENEL

Sono investimenti finanziari per definizione, trattandosi di fondi d'investimento, anche se tradizionalmente operatori di lungo periodo e non raider mordi-​​e-​​fuggi. Ma sono anche la parte più visibile di un ritorno dei capitali esteri in Italia dopo la grande fuga del 2011-​​2012 causata dalla crisi del debito sovrano e dalle convulsioni dell'euro.
Un ritorno certificato dallo stesso governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, secondo il quale ci sono «rinnovati segnali di interesse per i mercati italiani, incluso quello dei titoli di Stato». In effetti quello del ritorno degli investitori esteri sul debito pubblico italiano è un segnale importante: la quota di debito in mano a soggetti esteri è risalita attorno a 663 miliardi su poco più di 2 mila miliardi totali.

ROSNEFTROSNEFT

MILANO TRA SOROS E I RUSSI
Per tornare alla Borsa, la stima degli investimenti in azioni solo da parte americana è di circa 90 miliardi di euro in azioni: una cifra cresciuta del 70% nel 2013. Tra questi c'è il fondo del finanziere George Soros, Quantum Strategic Partners, che come prima mossa in Italia ha puntato 22 milioni di euro su Igd, l'immobiliare delle coop (che non a caso domani comincia un roadshow a New York).

Poste Italiane jpegPOSTE ITALIANE 

Poi ci sono gli investimenti in gruppi non quotati, per esempio nella moda e nel lusso: i cinesi di Shenzen Marisfrolg Fashion hanno rilevato Krizia; il gruppo americano Haworth ha preso il controllo di Poltrona Frau, il colosso Blackstone (sempre Usa) ha acquistato il 20% di Versace. La Cina in particolare, dopo la visita del presidente Xi Jinping in Europa, si sta muovendo con particolare attenzione proprio su due Paesi manufatturieri come Germania e Italia (ma anche sulla Francia), come sottolineava un'analisi del Wall Street Journal di due giorni fa.

FINCANTIERIFINCANTIERI

Nonostante le fibrillazioni in Ucraina, i russi del colosso petrolifero Rosneft non si sono tirati indietro dall'investire 500 milioni per il 13% di Pirelli. Addirittura lo stesso braccio finanziario della Cassa depositi e prestiti, il Fondo strategico italiano - nato per sostenere l'italianità delle imprese - ha stretto a fine 2013 un'alleanza con il fondo sovrano del Kuwait, Kia, per una società in comune da 2 miliardi di euro (500 milioni messi dagli arabi) che custodirà le partecipazioni del Fondo stesso in Ansaldo Energia, Metroweb, Hera, Kedrion, Sia, Valvitalia. Altre operazioni potrebbero essere messe in cantiere, secondo vari osservatori, sulle infrastrutture turistiche come l'immobiliare alberghiero, anche in un'ottica di Expo.

logo saceLOGO SACE

FOCUS SULLE AZIENDE DI STATO
Insomma l'Italia è tornata a piacere: «Sta facendo meglio, ma non ancora bene», recita un recente rapporto del Credit Suisse. Il Pil è visto in crescita, sia pure di poco (0,5-0,75% le attese per il 2014, e verso l'1% per l'anno prossimo); le quotazioni di mercato sono ancora basse; c'è una forte componente di export che traina almeno una parte dell'economia; il cambio politico con l'arrivo di Matteo Renzi viene visto con grande favore, così come le possibili prossime mosse della Banca centrale europea a sostegno dei prezzi (dati i rischi di deflazione) con azioni non convenzionali come l'acquisto di titoli di Stato, sull'esempio della Federal Reserve in Usa.

RENZI E PADOANRENZI E PADOAN

Ma l'acquisto di azioni a Piazza Affari potrebbe essere solo un assaggio in vista di quella che si annuncia come la più grande operazione di privatizzazione degli ultimi anni. Lo stesso ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, non ha nascosto l'ambizione del governo di volere mettersi in scia: «L'attenzione del mercato è crescente e va sfruttata nel migliore dei modi», ha detto giorni fa a Cernobbio. L'obiettivo delle privatizzazioni è duplice: «Accrescere l'efficienza delle imprese privatizzate e ovviamente ridurre in modo consistente il debito pubblico». Il primo banco di prova potrebbero essere le Poste: «È stato avviato il processo di privatizzazione, è una sfida importante per il Paese e verrà sottoposta al vaglio del mercato».

CREDIT SUISSECREDIT SUISSE

Gran parte della fortuna politica del governo si gioca sul successo delle vendite di Stato: l'incasso per il Tesoro potrebbe arrivare a oltre 15 miliardi da Poste (il cui 40% da solo vale 4-​​5 miliardi), Fincantieri, Enac, Cdp Reti, Sace, Grandi Stazioni, StMicroelectronics. Per i fondi si tratta di comprare a prezzi favorevoli, per le banche d'affari di guadagnare sugli incarichi di vendita.
Sempre che il mercato non giri in negativo e che la fiducia degli investitori non venga meno per la mancanza delle riforme sulle quali aspettano al varco il governo: «L'Italia potrebbe senza dubbio essere più competitiva e crescere più rapidamente», mette nero su bianco il Credit Suisse, «se verranno attuate le riforme specifiche».
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​4​/​b​u​s​i​n​e​s​s​/​g​r​a​n​-​b​u​f​f​e​t​-​i​t​a​l​i​a​-​c​i​n​e​s​i​-​a​m​e​r​i​c​a​n​i​-​r​u​s​s​i​-​a​r​a​b​i​-​p​r​o​n​t​i​-​a​-​p​a​r​t​e​c​i​p​a​r​e​-​a​l​-​g​r​a​n​d​e​-​b​a​n​c​h​e​t​t​o​-​d​e​l​l​e​-​7​4​5​6​9​.​htm
Share /​ Condividi:

Tifoso ucciso, ultras invadono il campo @ Tv Tragedia e follia in Svezia prima del fischio d'inizio

Tifoso ucciso, ultras invadono il campo


@ Tv

Tragedia e follia in Svezia prima del fischio d'inizio di Helsingborgs-​​Djurgaarden, la partita che apriva la nuova stagione calcistica nel Paese scandinavo.
 
Un tifoso della squadra ospite è stato ucciso durante una rissa con alcuni ultras della squadra di casa nei pressi dello stadio Olympia appena prima dell'inizio del match.
 
L’uomo, che veniva da Stoccolma, aveva 43 anni.  Quando si è diffusa la notizia,  a match iniziato, per protesta i tifosi del Djurgaarden hanno invaso il campo di gioco nell’intervallo della gara sul risultato di 1-​​1 urlando  "assassini, assassini" e determinando la sospensione della partita.  Resta altissima la tensione, nonostante l'intervento massiccio delle forze dell'ordine.
 
Già sabato cinque persone erano state ricoverate in ospedale a seguito di scontri tra opposte tifoserie.
http://​www​.sportal​.it/​a​r​t​i​c​o​l​i​/​c​a​l​c​i​o​/​c​a​m​p​i​o​n​a​t​i​-​e​s​t​e​r​i​/​t​i​f​o​s​o​-​u​c​c​i​s​o​-​u​l​t​r​a​s​-​i​n​v​a​d​o​n​o​-​i​l​-​c​a​m​p​o​/​1​0​3​0​9​21/
Share /​ Condividi:

Addio ad Antoniotti @ Getty Images Si è spento a 86 anni Lelio Antoniotti.   Detto 'Lello', a

Addio ad Antoniotti


@ Getty Images

Si è spento a 86 anni Lelio Antoniotti.
 
Detto 'Lello', a cavallo fra gli anni '40 e '50 fu attaccante di Pro Patria, Lazio, Torino, Juventus, Vicenza e soprattutto Novara. Per lui 52 reti in 249 presenze in serie A.
 
Terminata la carriera di calciatore, entrò a far parte dello staff della Federcalcio come docente di tecnica calcistica prima e come responsabile dei N.A.G.(addestramento giovani calciatori) poi, direttamente al centro di Coverciano. E' stato inoltre uno degli esaminatori del Supercorso.
http://​www​.sportal​.it/​a​r​t​i​c​o​l​i​/​c​a​l​c​i​o​/​s​e​r​i​e​-​a​/​a​d​d​i​o​-​a​d​-​a​n​t​o​n​i​o​t​t​i​/​1​0​3​0​9​89/?
Share /​ Condividi:

COME SIRIEDUCAIL BANANA? BERLUSCONI SPERA DI SCONTARE LA PENA AI SERVIZI SOCIALI SENZA

COME SIRIEDUCAIL BANANA? BERLUSCONI SPERA DI SCONTARE LA PENA AI SERVIZI SOCIALI SENZA L’OBBLIGO SI SVOLGERE ALCUN LAVORO - I SUOI LEGALI GIOCHERANNO LA CARTA DELLETÀ: TROPPO ANZIANO PERPULIRE I CESSI DA DON MAZZI” (MA ARZILLO PER IL BUNGA) - - - - -

L’affidamento ai servizi sociali porterebbe a estinguere le pene accessorie, compresa l’interdizione dai pubblici uffici appena fissata nella misura di due anni - Resterebbe l’incandidabilità sancita dalla legge Severino m a laCorte europea dei diritti dell’Uomo potrebbe contestare l’applicazione della legge…

Ugo Magri per "la Stampa"
Se i magistrati seguiranno il loro buon senso, ragiona una fonte molto prossima a Berlusconi, «non gli faranno svolgere i servizi sociali presso una comunità». Immaginiamo il circo che si scatenerebbe, la morbosità mediatica, tivù da tutto il mondo per raccontare come sconta la pena il quattro volte premier.

BERLUSCONI PIANGE DURANTE IL COMIZIO DOPO LA SUA CONDANNA A ANNIBERLUSCONI PIANGE DURANTE IL COMIZIO DOPO LA SUA CONDANNA A ANNI

C'è chi, dentro Forza Italia, non chiederebbe di meglio in vista: tanto clamore sarebbe benzina ideale per la propaganda in vista delle Europee. Sono gli stessi pasdaran che, estremizzando, vorrebbero vedere il loro leader dietro le sbarre, in modo da giustificare manifestazioni di piazza al grido di «Silvio libero». Il diretto interessato, però, non pare abbia questa vocazione al martirio.
La sola prospettiva di scontare la condanna in un centro di recupero offende l'immagine che l'uomo ha di sé. Addirittura, Berlusconi preferirebbe il carcere a domicilio, se l'alternativa fosse qualche mansione davvero umiliante (potrebbe «pulire i cessi», ipotizzò una volta Don Mazzi).
Ma gli avvocati Coppi e Ghedini sperano che non si arrivi a tanto. «I giudici prenderanno atto che Berlusconi ha 78 anni», è l'auspicio dello staff legale, «una persona di quell'età andrebbe affidata ai servizi sociali senza pretendere che svolga chissà quale lavoro...». Alcune ore a settimana di colloquio con l'assistente sociale sarebbero in quest'ottica la soluzione meno traumatica.

FRANCO COPPI E NICCOLO GHEDINIFRANCO COPPI E NICCOLO GHEDINI

L'udienza davanti al Tribunale di sorveglianza è fissata tra 10 giorni, la decisione arriverà entro martedì 15 aprile. Il condannato Berlusconi non pare abbia in animo di chiedere un rinvio fino al 25 maggio, data delle elezioni europee. Due le ragioni: anzitutto, perché probabilmente il rinvio non gli sarebbe concesso. E poi, perché la convenienza del Cavaliere consiste nell'affrettare i tempi.
Prima inizia a scontare, e prima se ne libera. Per quanto ardita possa apparire, la scommessa è di tornare in pista già dai primi di marzo 2015. L'affidamento ai servizi sociali, per sua natura, porterebbe a estinguere le pene accessorie, compresa l'interdizione dai pubblici uffici appena fissata nella misura di due anni. Resterebbe l'incandidabilità sancita dalla legge Severino.

Don MazziDON MAZZI

Tuttavia nel giro stretto berlusconiano nutrono parecchia fiducia nella Cedu (Corte europea dei diritti dell'Uomo) con sede a Strasburgo: «Abbiamo serie indicazioni che l'applicazione della Severino potrebbe essere contestata». In quel caso, trascorsi 10 mesi e 15 giorni dall'inizio della pena, Berlusconi tornerebbe candidabile, senza bisogno di trascinare in lista i figli o i nipoti.
http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​3​/​p​o​l​i​t​i​c​a​/​c​o​m​e​-​s​i​-​r​i​e​d​u​c​a​-​i​l​-​b​a​n​a​n​a​-​b​e​r​l​u​s​c​o​n​i​-​s​p​e​r​a​-​d​i​-​s​c​o​n​t​a​r​e​-​l​a​-​p​e​n​a​-​a​i​-​s​e​r​v​i​z​i​-​s​o​c​i​a​l​i​-​7​4​5​5​8​.​htm
Share /​ Condividi:

ERDOGAN DA GUARDIA DEL POTERE - IL VOTO IN TURCHIA È LA PROVA DEL NOVE PER ILREGIMETTODEL

ERDOGAN DA GUARDIA DEL POTERE - IL VOTO IN TURCHIA È LA PROVA DEL NOVE PER ILREGIMETTODEL PREMIER, TRAVOLTO DA MOLTI SCANDALI DI CORRUZIONE - - -

Bettiza: “Queste elezioni sono per Erdogan anche un referendum che investe, al di là del suo partito Akp, l’intero sistema che va sotto il nome Turchia. Sapremo oggi se l’Akp, che resta in vantaggio in moltissime grandi città, è riuscito o meno. Sarà giudicato per i non pochi meriti con cui ha saputo tenere insieme una nazione semiasiatica nel contesto europeo”…

Enzo Bettiza per "la Stampa"

TURCHIA - PROTESTE CONTRO IL GOVERNO ERDOGAN.TURCHIA - PROTESTE CONTRO IL GOVERNO ERDOGAN.

Domenica elettorale non di poco conto. Si vota ad Ankara in un momento in cui sulla Turchia, nazione chiave del grande Medio Oriente, incombono responsabilità delicate per l'ordine e la stabilità tra Asia ed Europa mediterranee. La dice lunga quanto è già accaduto nella burrascosa appendice del Mediterraneo che è il Mar Nero. Basterà nominare la Crimea che ha visto Putin tirare fuori la mano e prendersela in un colpo solo: un colpo da baro, eseguito forse con la collaborazione passiva della stessa vittima.
La Turchia, che del Mar Nero è la seconda potenza, dopo esserne stata la prima in altri tempi, non ha potuto che tacere e difatti ha taciuto. Fa comunque una certa impressione contemplare e misurare il ridimensionamento storico subito dalla Turchia, ridotta da impero intercontinentale a una penisola autarchica e più asiatica che europea.

PROTESTE ANTI ERDOGAN A BERLINOPROTESTE ANTI ERDOGAN A BERLINO

Tuttavia, in virtù anche dello scossone datole negli Anni Venti da Ataturk, continuiamo a vedere in piedi sempre una nazione importante, degna di molteplice considerazione per la statura economica, geopolitica e strategica. C'è libertà più che democrazia, la quale ultima, a dire il vero, non rientra nel costume politico tradizionale: lo stesso Ataturk era tutt'altro che un democratico.
Oggi, comunque, più di un terzo della Nato dipende dalla posizione d'avanguardia che Ankara presidia con le sue efficienti forze armate nello scacchiere orientale. Tutti, alleati e meno, sanno che il soldato turco è uno dei più solidi: la sua fama di militare, che preferisce la morte sul campo piuttosto che la prigionia nel campo, è rimasta intatta fin dai tempi del sultanato.

erdogan merkelERDOGAN MERKEL

La Turchia odierna non va comunque commisurata soltanto al passato imperiale. È tuttora, pur nelle più modeste dimensioni anatoliche, una nazione solida, scontrosa, gelosa della propria dignità, misurata e attenta nei suoi corsi e ricorsi sui binari della modernità. La più laica tra le nazioni musulmane, essa ha avuto, almeno fino ad oggi, in Tayyip Erdogan un dirigente islamico moderato anche se di tendenza autocratica e personalistica.
I tentacoli della corruzione sembrano non aver risparmiato neppure lui. Ma, probabilmente, non verrà giudicato dalla storia soltanto per questo; sarà anche giudicato, o meglio soppesato, con ogni probabilità, per i non pochi meriti con cui ha saputo tenere insieme, guidare e inserire in parte una nazione semiasiatica nel dinamico contesto europeo.
Più di un decennio nel complesso positivo. Queste elezioni sono per Erdogan anche un referendum che investe, al di là del suo partito Akp, l'intero sistema che va sotto il nome Turchia. Sapremo oggi se l'Akp, che resta in vantaggio in moltissime grandi città, è riuscito o meno. La riuscita potrebbe costituire un punto di notevole prestigio e sostegno per una Turchia destinata a svolgere anch'essa un ruolo, per ora esterno, nella costruzione di un'Europa allargata.

IL NOME DI ERDOGAN RIMOSSO DAI CARTELLONI NEL TG NAZIONALEIL NOME DI ERDOGAN RIMOSSO DAI CARTELLONI NEL TG NAZIONALE<span class="imgDrag imgLeft" style="clear: none; float: left; left: auto; margin-​​bottom: 5px; margin-​​right: 15px; position: static; text-​​align: center; top: auto; z-​​index: auto;">proteste in turchia contro il governo erdoganPROTESTE IN TURCHIA CONTRO IL GOVERNO ERDOGAN

http://​www​.dagospia​.com/​r​u​b​r​i​c​a​-​3​/​p​o​l​i​t​i​c​a​/​e​r​d​o​g​a​n​-​d​a​-​g​u​a​r​d​i​a​-​d​e​l​-​p​o​t​e​r​e​-​i​l​-​v​o​t​o​-​i​n​-​t​u​r​c​h​i​a​-​l​a​-​p​r​o​v​a​-​d​e​l​-​n​o​v​e​-​p​e​r​-​7​4​5​6​0​.​htm
Share /​ Condividi: